Evasion, giornale del libero pensiero 20 febbraio 2017


Studenti praticano arti marziali nel cortile della scuola ad Ahmedabad, India. (Amit Dave, Reuters/Contrasto)

Libia - Il convoglio d'auto al seguito del premier libico Fayez Al Sarraj è rimasto coinvolto in una sparatoria a Tripoli. Due guardie del corpo sono state ferite nell'attacco. La vicenda è stata confermata da una fonte del governo libico ma non è ancora chiaro chi sia l’autore. Nell'auto insieme a Sarraj c'era anche il presidente dell'Alto consiglio di Stato Abdulrahman Asswehly. 

Europa – “Il sostegno degli Usa alla Nato è incrollabile". Mike Pence, vicepresidente statunitense, ha rassicurato gli alleati durante la Conferenza per la Sicurezza di Monaco, confermando tuttavia le richieste di un maggior impegno economico da parte dei paesi europei alla Nato. Il ruolo politico “forte e irrinunciabile” dell’Ue e un monito alla Russia per la questione ucraina, questi gli altri temi trattati. 

Sud Sudan – Oltre 100mila persone rischiano di morire di fame e potrebbero diventare circa un milione. In due regioni del paese è stato dichiarato lo stato di carestia. Si tratta del primo caso al mondo negli ultimi sei anni, una conseguenza della guerra e della recente crisi economica. “Questa carestia è stata causata dall'uomo”, ha detto Joyce Luma, capo della Fao in Sud Sudan. 

Stati Uniti – “Guardate cosa è accaduto la scorsa notte in Svezia...Svezia! Ci credereste?”. Durante un comizio, Donald Trump si è riferito con queste parole a un attentato nel paese scandinavo, citandolo come conseguenza dell’immigrazione. Peccato che l’attacco non sia mai avvenuto. Una gaffe più che sufficiente per scatenare l’ironia sul web. I social sono stati invasi da commenti sarcastici sull’attentato inventato. Protagonista assoluta: Ikea. 

Medio Oriente – Quattro militari russi sono morti e due sono rimasti feriti in Siria in seguito all'esplosione di un’autobomba. Secondo l'agenzia di Mosca Interfax, le vittime sarebbero “consiglieri militari”. Nel frattempo, gli aerei da guerra turchi hanno effettuato due bombardamenti contro il partito curdo del Pkk, nel nord dell’Iraq, uccidendo 34 combattenti. 

Mondo – Non circolavano più così tante armi dalla guerra fredda e negli ultimi quattro anni si è assistito a un aumento dell’8,4 per cento. I cinque maggiori esportatori sono Stati Uniti, Russia, Cina, Francia e Germania e coprono il 4 per cento del mercato. Il rapporto Milex 2017 analizza le spese militari italiane e ne emerge che nel 2017 si spenderanno per l’acquisto di armi, mezzi militari e artiglieria pesante 15 milioni al giorno.
SIDERURGIKATV Testata giornalista Registrata al Tribunale di Potenza. num. Reg. Stampa 470