Evasion, giornale del libero pensiero 14 Aprile 2017

Una protesta contro il presidente Jacob Zuma a Pretoria, in Sudafrica. Dopo gli scioperi nazionali della scorsa settimana, il 12 aprile migliaia di persone sono scese in strada per chiedere le dimissioni del presidente. (Siphiwe Sibeko, Reuters/Contrasto) SUDAFRICA


La Rassegna di Rocco Becce 

ESTERO Una bomba sganciata ieri in Afghanistan, da un C130 americano, sul distretto di Achin della provincia di Nangarthar, ha ucciso 82 miliziani. Sulla diatriba scoppiata negli ultimi giorni tra gli Usa e Corea del Nord, "in un'eventuale guerra tra le due potenze non ci possono essere vincitori". È questo ciò detto dal  ministro degli esteri cinese, Wang Yi, promettendo tutto il suo sostegno a qualsiasi tipo di dialogo tra le parti, mentre, intanto, il Cremlino è molto preoccupato su cio che sta accadendo. 

POLITICA NAZIONALE Il premier Paolo Gentiloni, a Palazzo Chigi, ha firmato il Memorandum d'intesa sul reddito di inclusione per 2 milioni di persone, "un impegno per la dignità e la libertà dal bisogno". Indagati per diffamazioni, la Procura della Repubblica di Genova ha chiesto l'archiviazione per Beppe Grillo e il deputato Alessandro Di Battista, dopo la denuncia presentata per alcune frasi apparse sul blog di Grillo lo scorso 17 marzo. Ancora bufale sui social network, condivisi da incapaci che utilizzano Facebook soltanto per puro svago o alla ricerca di cuccare con qualcuno, mentre intanto nessuno paga per queste vere porcherie, e questa volta dalle "Fake news", alcuni sciacalli inventano un'altra storia per colpire direttamente la presidente della Camera Laura Boldrini. 

CRONACA In Basilicata, dopo l'ultimo fatto accaduto a Policoro, in provincia di Matera, dove durante un controllo un autista di un bus è stato denunciato in stato di ebrezza, un'altro mezzo è stato bloccato a Potenza dagli agenti della Polizia Stradale perchè non In regola per accompagnare degli studenti in gita scolastica d'istruzione, poi sostituito. In Basilicata, a Forenza, in provincia di Potenza, i Carabinieri del Comando Compagnia di Venosa, guidati dal Capitano Alessandro Vergine, durante un controllo del territorio hanno arrestato un pregiudicato 68enne accusato di furto aggravato continuato di energia elettrica. In Sicilia, a Catania, la Polizia di Stato ha catturato il boss latitante Concetto Bonaccorsi di 56 anni, ricercato dal settembre 2016 quando non rientrò nel carcere di Secondigliano, dopo un premio permesso di tre giorni. Insomma le carceri italiane diventate soltanto degli alberghi per i veri delinquenti, mentre la Polizia Penitenziaria e alcuni dipendenti amministrativi  convivono come sempre tra i tanti problemi che non finiscono mai. 

Afghanistan – Il ministero della Difesa afghano ha reso noto oggi che la Moab, la bomba non nucleare più potente della storia lanciata dagli Usa ieri sui tunnel dell’Isis nella provincia di Nangarhar, ha causato la morte di 36 miliziani dell'Isis. Ribattezzata la “Madre di tutte le bombe”, pesa quasi dieci tonnellate e non era mai stata utilizzata prima: ecco che cos’è la Moab e quanto è potente. 

Turchia – Mancano due giorni al referendum costituzionale turco. Domenica i cittadini saranno chiamati ad approvare (o meno) la riforma costituzionale che trasformerebbe il paese da una repubblica parlamentare a una repubblica presidenziale. 

Corea del Nord – In caso di un attacco preventivo statunitense, Pyongyang “non terrà le braccia incrociate”, ma è pronta ad “andare in guerra” se gli Stati Uniti “lo sceglieranno”. Il viceministro degli Esteri nordcoreano Han Song-ryol ha avvertito il presidente americano Trump. “Chiediamo a tutti di astenersi dal minacciarsi a vicenda e di non lasciare che la situazione raggiunga uno stadio irreversibile”, ha commentato il ministro degli Esteri cinese Wang Yi, sottolineando la preoccupazione di Pechino per il possibile scoppio di un conflitto in Corea del Nord. 

Cecenia – Dopo l'inchiesta del quotidiano russo Novaya Gazeta, si moltiplicano le testimonianze degli uomini ceceni che raccontano di essere stati rinchiusi dalle forze dell'ordine in strutture paragonabili a campi di concentramento e sottoposti a torture di diversi tipi perché sospettati di essere omosessuali. L’Onu ha chiesto alla Cecenia di interrompere le operazioni di rapimento, detenzione, violenza e uccisione di uomini gay e bisessuali mentre alcuni riportano che alle famiglie sia stato chiesto di uccidere i parenti gay una volta liberati. 

Venezuela – Dopo la morte di un ragazzino di 14 anni, ucciso durante le proteste antigovernative, sale a cinque il numero di persone morte durante le tre settimane di scontri tra polizia e manifestanti. Negli ultimi giorni migliaia di venezuelani sono scesi in strada a Caracas e in altre città per protestare contro il presidente Nicolas Maduro. Decine di persone sono rimaste ferite e più di cento sono state arrestate. 

Siria – Cosa sta succedendo in Siria, il governo e i ribelli hanno dato il via all'evacuazione di quattro città siriane assediate, con un'operazione che coinvolgerà oltre 30mila persone.