Evasion, giornale del libero pensiero 5 Aprile 2017


Una ragazza si esibisce nello spettacolo di un circo ambulante a Kabul, in Afghanistan. (Massoud Hossaini, Ap/Ansa)

La Rassegna di Rocco Becce 

ESTERO In Siria, il bilancio dei morti è salito a 72, tra cui 20 minori e 17 donne, a causa di un attacco aereo compiuto ieri su Khan Shaykhun, dove è stato utilizzato del gas sarin, mentre su quanto accaduto gli Usa hanno presentato una bozza di risoluzione al Consiglio di Sicurezza dell'Onu. La Corea del Nord ha lanciato un nuovo missile nel Mar del Giappone, mentre Tokyo ha presentato protesta formale, parlando di palese violazione delle risoluzioni Onu. Sulle problematiche legate ai migranti, l'Ue chiede all'Austria di iniziare a fare ricollocamenti, tenendo conto non solo della solidarietà, ma anche degli obblighi di legge.  

POLITICA Alla Camera riprende l'esame del testo sul biotestamento, dove restano da votare circa 200 emendamenti, e su alcuni è stato richiesto il voto segreto. 

CRONACA L'Alitalia ritorna a scioperare con 24 ore senza voli nazionali e internazionali cancellati al 60%. Ad oggi, in Italia, sono circa 600mila le richieste di rottamazione delle cartelle esattoriali dell'Equitalia che arrivano alla somma totale di 8.3 miliardi di euro. In Lombardia, in provincia di Pavia, una ragazza marocchina è stata tolta alla famiglia a causa di maltrattamenti portati avanti da tempo e addirittura con frustate. Svolta nella storia del cadavere della donna di 27 anni, trovato nel trolley nel Mar Adriatico. È stata la madre di 48 anni, originaria di Mosca, a chiuderla dopo che era morta per anoressia. Nel Lazio, a Roma, in manette una banda di albanesi dedita a spaccio di droga, durante un'operazione condotta dai Carabinieri della Compagnia di Bracciano. In Basilicata, un pregiudicato è stato arrestato e posto ai domiciliari dalla Polizia di Stato di Pisticci per un furto avvenuto in una pizzeria di Marconia di Pisticci. L'uomo aveva trafugato una borsetta ad una cliente dell'attività commerciale. Si svolgerà nel Palazzo di Giustizia di Potenza, il prossimo 19 giugno, il processo a 38 persone rinviate a giudizio per spaccio di droga nel Vulture-Melfese. 

SPETTACOLO È stato trovato morto a Roma, nei pressi della sua abitazione, l'attore Memè Perlini, di anni 69, forse suicidatosi a causa di una forte depressione. 




La Rassegna di TPI

Siria – La Russia ha rigettato la bozza di risoluzione presentata al Consiglio di sicurezza dell'Onu, convocato oggi in seguito all'attacco con armi chimiche che ieri ha colpito la provincia di Idlib in Siria. Il ministro della Difesa russo inoltre ha riferito che la contaminazione con agenti tossici è stata causata da una perdita (provocata da un bombardamento del regime siriano) dall'arsenale militare dei ribelli che controllano l'area. Ma questa versione non convince. 

Unione europea – Il parlamento europeo ha approvato la risoluzione che predispone le fasi dei negoziati per la Brexit, respingendo invece la richiesta del Regno Unito di avviare parallelamente il confronto sull’uscita dall’Ue e quello su un eventuale accordo commerciale. La risoluzione inoltre contempla la possibilità per il paese di tornare indietro e rivedere la decisione di uscire dall'Ue, con l'accordo degli altri 27 paesi membri. 

Islanda – Il parlamento ha presentato una proposta di legge che prevede l’obbligo per tutte le aziende (pubbliche e private) di dimostrare che ai propri dipendenti, uomini e donne, viene corrisposto lo stesso salario, indipendentemente quindi dal sesso. Si tratterebbe del primo provvedimento del genere al mondo. Il gap tra i salari dei lavoratori nel paese è del 17 per cento, nonostante il paese risulti il primo nelle classifiche mondiali per parità di salario. 

Iraq – Almeno 31 persone, tra le quali 14 uomini della polizia, sono morte e almeno 40 sono rimaste ferite in un attacco avvenuto a Tikrit, nel nord del paese, compiuto dai miliziani dell’Isis. L'organo di propaganda del gruppo terroristico ha comunicato che sette attentatori suicidi hanno attaccato una stazione di polizia e la casa del capo del servizio anti-terrorismo, che è stato ucciso. Gli attentatori si sono poi fatti esplodere dopo aver terminato le munizioni.