Segnalazione in Primo Piano: Nuovo album e nuovo tour Agostino Gerardi e Terranìa


“Terramore” è il titolo del nuovo album di Agostino Gerardi che uscirà il 23 aprile in concomitanza della prima data del tour omonimo. Cooprodotto insieme al figlio Donato Gerardi (musicista, batterista, percussionista di tamburi a cornice e cajon), l’album segna un distacco netto rispetto alle precedenti produzioni senza però snaturare la personalità Folk di Gerardi.

Un suono che strizza l’occhio alla World Music ed unisce strumenti tradizionali a strumenti provenienti da diverse località del mondo, frutto di un lavoro di costante ricerca assieme ai musicisti: Michele Boni (chitarre, bouzouki, charango, ukulele, membro della Ethno World; associazione che preserva i canti e le danze della tradizione popolare intercontinentale ), Donato Gerardi (batterie, percussioni, testi), Michele Galasso (fisarmoniche), Giusy Gerardi (cori), Marco Tirone (chitarre), Salvatore Genovese (Bassi). 


È un album malinconico perché vuole ricordare chi o cosa eravamo; una dichiarazione di amore universale da parte dei personaggi che si palesano nei brani mettendo in evidenza i propri racconti colmi di amori terreni, onirici, spirituali, che sopravvivono a stento nella nostra contemporaneità poichè appartenenti ad un tempo ormai dimenticato. Sono le storie dei più anziani della famiglia, apprese chissà dove o quando da qualcuno di cui forse non rammentano neanche il nome. È così che Gerardi vuole manifestare l’amore verso le sue origini, le sue tradizioni e la sua terra.. Le melodie dei brani tradizionali come “Canto popolare lucano 1977”, “Affàcc’t a la funestra”, “Maria r’ lu mònt”, “Verde spina”, sono rielaborate all’interno di arrangiamenti del tutto inediti mentre le canzoni “La pesatura”, “Terramore”, Nenia”, “Zich’t’nnella” presentano melodie del tutto inedite contaminate da suoni lontani come il Fado di Amalia Rodriguez e la Rumba degli Intillimani. Tra i brani è presente una registrazione del tutto originale ripresa dal fotografo Antonio Chianese durante la processione della Madonna del Carmine di Avigliano (paese natio di Gerardi) in cui i devoti cantano un inno in onore della Madonna dal titolo “Maria del Monte”, che ascolterete in maniera rielaborata nella traccia successiva. Andando avanti troverete “Taranta dei Ventaglieri”; una composizione strumentale del Maestro Michele Boni ispirata dalla “sfrenata” calma dei Ventaglieri, quartiere popolare situato nel centro storico di Napoli. Infine il singolo “Terramore”, scritto, musicato e arrangiato da Donato Gerardi che dà il nome al disco e racchiude in una sola parola l’amore per la propria terra. Il disco sarà acquistabile presso tutti i rivenditori autorizzati e per la prima volta anche nei digital stores. Il 23 aprile inizierà il tour “Terramore” che porterà Agostino Gerardi e la sua band “Terranìa” in giro per le piazze della Basilicata e non solo. La prima data sarà a Foggianello, contrada di Melfi, assieme al noto trio comico “La Ricotta” che apriranno la serata con uno spettacolo di cabaret. 

Per le date a venire il riferimento ufficiale sarà la pagina Facebook Agostino Gerardi Terranìa, sulla quale ci sarà il calendario aggiornato costantemente.