Evasion. Anche a Piacenza agivano indisturbati i furbetti del cartellino


Questa volta è toccato a Piacenza. Le telecamere nascoste incastrano i 'furbetti del cartellino'. 50 dipendenti indagati su 631 addetti del Municipio. Timbrature multiple e continuative fatte da dipendenti compiacenti per permettere ai colleghi di dedicarsi ad altre attività. Addirittura un dipendente comunale avrebbe intrattenuto rapporti sessuali con una prostituta minorenne durante l'orario di lavoro e con l'auto di servizio.

Poi c'era chi andava in palestra e a fare la spesa. Qualcuno non si presentava neppure in ufficio o invitava un'amica a pranzo facendosi pagare gli straordinari. C'era anche chi effettuava consegne con un camioncino comunale. Ora, oltre al processo penale, i 50 rischiano il posto di lavoro. I reati ipotizzati vanno dal falso alla truffa, al peculato.
SIDERURGIKATV Testata giornalista Registrata al Tribunale di Potenza. num. Reg. Stampa 470