Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Giorgio Bassani e Vittorio De Sica. E un ricordo di Maratea


Avevamo conosciuto a Ferrara nell’autunno del 2011 Paola Bassani, figlia dello scrittore Giorgio.  La signora Paola era, come noi, ospite del Festival Estense (chi scrive presentava il libro “Schermi riflessi – fra cinema e televisione”, EditricErmes), mentre la figlia dello scrittore accompagnava la scrittrice francese Sophie Nezri-Dufour, autrice dell’intrigante saggio  “Il giardino dei Finzi-Contini: una fiaba nascosta” (Fernandel Editore).

Una occasione straordinaria per parlare del libro e della sceneggiatura del film che Vittorio De Sica portò sullo schermo fino all’aggiudicazione del Premio Oscar del 1972.   Intanto a Ferrara, città del film, si cercava il mitico “giardino” del film, scoprendo che per il giardino venne utilizzata una villa nei pressi di Roma, mentre per Villa Finzi-Contini il regista utilizzò Villa Bolognini in Brianza. Ma l'ingresso del giardino nel film è veramente a Ferrara, in Corso Ercole I d'Este, proprio come immaginato da Bassani. Anche gli altri esterni sono stati girati a Ferrara: il castello Estense e le mura cittadine, il Palazzo dei Diamanti e la Cattedrale di San Giorgio. 
Inizialmente Giorgio Bassani – come è ormai storia nota – collaborò alla stesura dei dialoghi e della sceneggiatura del film. Ma dopo alcuni disaccordi e malintesi, Bassani e De Sica entrarono in aperto conflitto (anche a causa del fatto che nel film la relazione tra Micol e Malnate viene resa esplicita, cosa non presente nel romanzo) e lo scrittore chiese ed ottenne che venisse tolto il suo nome dai titoli di coda del film. 
La signora Paola, che da anni vive a Parigi, ci parla anche delle belle vacanze vissute con la sua famiglia a Maratea, quando era ragazza, delle spiagge rocciose e del cibo invitante; di quanto lo scrittore amasse questi luoghi un po’ aspri e genuini. E ci parla anche di un articolo che suo padre aveva pubblicato nel 1967 nel volume “Coste d’Italia dal Gargano al Tevere” con l’introduzione di Antonio Cederna. Bassani interpretava a suo modo il senso e la presenza scenografica della statua del Cristo sul monte San Biagio. E così scriveva: “Abbiamo da tempo la convinzione che la scultura, quella buona, non sa cosa farsene né dell’espressività della “maschera” né della simbologia gestuale. Il Cristo del monte San Biagio, a guardarlo per quello che è veramente, nella sua realtà effettuale, se qualcosa esprime non esprime nulla che abbia a che fare con la redenzione della gente del nostro povero Mezzogiorno. Grosso, massiccio, gessoso, aeronautico, sudamericano, non riesce, essenzialmente, che a deturpare il paesaggio. Il monte San Biagio, su cui si erge, è ridotto da esso, per totale assenza all’ingiro di termini di confronto, a un sasso da niente, ad una specie di altarino d’uso domestico. Guardiamolo serenamente, attenendoci ai criteri della pura visibilità: e non ci sarà difficile riconoscerlo per fratello di tante altre statue del tempo fascista, appena appena camuffato com’è dall’atteggiamento gigionescamente serafico di un deteriore cattolicesimo.”
E’ quanto pensava il grande scrittore ferrarese della gigantesca statua del Redentore sulla sommità della costa tirrenica lucana. 
Un tassello di memoria fra letteratura, cinema e ricordi di un periodo certamente intenso che Paola Bassani rispolvera con una velata nostalgia.          

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: "Il Ritratto dell'Anima" di Carmen Piccirillo edito da Photo Travel Edition di Rionero

Il libro ‘’Il Ritratto dell’Anima’’, pubblicazione d’esordio dalla giovane e valente scrittrice rionerese Carmen Piccirillo, sta ottenendo negli ultimi tempi grande successo e ampia visibilità anche su scala nazionale. L’interessante libro redatto con grande competenza e professionalità dalla 29enne scrittrice di Rionero che alterna la passione per la scrittura a quella per il giornalismo, come ricordiamo, fu presentato con successo nel febbraio dello scorso anno 2020 presso la sala convegni della Biblioteca Comunale di Rionero sita nel suggestivo Palazzo Fortunato alla presenza di una folta ed attenta platea e con tante personalità di spicco dell’ambito della cultura locale. Un libro molto interessante che racchiude al suo interno 24 racconti monoepisodici che sottolineano svariati aspetti immaginativi e realistici come la fantasia, l’importanza di sognare e di perseguire un obiettivo oltre a mettere in risalto alcuni aspetti importanti della personalità dell’autrice come sensibilità,

📰 Segnalazioni in primo Piano: 22 APRILE: 51esima GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA

Un chiaro esempio di tutela verso l'ambiente arriva dalla realtà rionerese The Factory Best Class    La giornata mondiale della terra, che si celebra ogni anno il 22 aprile, è conosciuta in tutto il mondo come Earth Day, ed è l'evento "green" che riesce a coinvolgere un elevato numero di persone in tutto il mondo, sensibilizzando la salvaguardia dell'ambiente . L'idea di dedicare una giornata alla terra nacque negli anni '60, negli Stati Uniti , subito dopo la pubblicazione del libro manifesto ambientalista, "Primavera Silenziosa" di Rachel Carson, una biologa statunitense che ebbe molto successo e diede origine a notevoli movimenti ecologisti.

📰 Riflessioni di Carmen Piccirillo: IL TEMPO LIBERO DEI RAGAZZI: USARLO NEL MIGLIOR MODO E’ POSSIBILE...

Uno dei problemi principali delle nuove generazioni è la gestione del tempo libero: spesso, il tempo in cui i giovani non sono impiegati nelle svariate attività scolastiche o di studio individuale, è utilizzato in maniera disfunzionale. Un esempio è la modalità relativa al costante attaccamento ai dispositivi elettronici: lo smartphone, il computer, con i quali si cade ciclicamente in uno spasmodico uso dei social network, che, senza dubbio, sono un buon mezzo di interattività, di incontro, di crescita tra persone -soprattutto in un momento così delicato per il mondo intero a causa delle pandemia da covid-19 e delle restrizioni conseguenti, che hanno provocato una mancata possibilità di aggregazioni sociali partecipate- ma se utilizzati in maniera scorretta ed eccessiva, divengono una vera e propria dipendenza patologica che crea non pochi disagi psicofisici, per non parlare delle alterazioni anatomiche come i problemi alla vista che sono in costante aumento. Diminuiscono prog