Segnalazione in primo Piano: Tra Lombardia e Toscana, la dura, ma entusiasmante prima giornata della Milano-Taranto 2017


Chi si aspettava una tranquilla passeggiata in moto si è ben presto dovuto ricredere: la Milano-Taranto (www.milanotaranto.it) non ha perso infatti la sua caratteristica di avventura bellissima, ma impegnativa, e così si è rivelata già dalla prima giornata del 3 luglio.

Il via, alla mezzanotte tra il 2 e il 3 luglio, dall’Idroscalo di Milano, è stato come sempre un momento di grande emozione, per i concorrenti nuovi, ma anche per gli habitué. Al momento della partenza erano presenti Giacomo Casartelli, direttore marketing di Eicma, sponsor dell-evento, e Gianluca Poldi, assessore del Comune di Segrate, che ha concesso il patrocinio alla manifestazione. 



Tra i circa 200 “Tarantini” – così vengono storicamente chiamati i concorrenti della Mita - 
- ci sono uomini e donne di 14 diverse nazionalità e di ogni età: c’è ad esempio la famiglia Cavazzini che vede in sella la più giovane dei partecipanti, Silvia Cavazzini, e la meno giovane, nonna Silvana Visentin. 



La maratona per moto d’epoca, giunta alla 31esima edizione, ha visto una festosa e affettuosa accoglienza già a partire dalla prima fermata: a Crema l’entusiasmo del Moto Club Crema e di Emilio Goldaniga, amico della Mita, ha dato ai centauri la giusta carica per affrontare una dura nottata sulle due ruote.



Particolarmente suggestivo è stato il passaggio, storico per la Milano-Taranto, a Cortemaggiore e poi la sosta a Viglolo Marchese nel corso della quale i concorrenti hanno molto apprezzato, oltre al caratteristico borgo, anche il sapore inconfondibile dello gnocco fritto, di formaggi e salumi locali e della Torta di Vigolo al cioccolato, dolce tipico della zona, preparati con grande premura e disponibilità, nonostante la fermata in notturna, dalla Trattoria del Turista.

La tappa si è fatta quindi impegnativa con l’avvicinarsi dell’appennino, i vari passaggi a Castell’Arquato, Vernasca, Bardi e l’arrivo, per il controllo orario, al Passo Santa Donna, 1.000 metri di altitudine circa: freddo, ma immerso in un paesaggio mozzafiato. Per fortuna la dolce e caldissima colazione che, poco più tardi, a Filattiera, attendeva la Mita, opera dei titolari del bar Big Ben. 

Poi la Garfagnana, misteriosa e ospitale, con la sosta a Castelnuovo dove ad attendere i concorrenti c’erano, come da programma, numerose associazioni e realtà della zona: “Garfagnana - Dove il tempo non corre”, “Garfagnana produce”, “Antiche Ruote”, “Motori Garfagnana”, “L’Antica Norcineria” di Ghivizzano, “Slow Food Garfagnana e Valle del Serchio” e, a fare gli onori di casa, anche l’assessore comunale Pietro Paolo Lupi. 

Infine il tragitto fino a Pisa, nel corso del quale a guidare i Tarantini è stato il principale simbolo della città: proprio la torre pendente, che si intravedeva in lontananza. E proprio all’ombra della torre i centauri si godono un po’ di meritato riposo, prima della ripartenza per la nuova, avventurosa giornata del 4 luglio che li porterà nel cuore della Toscana. 

Sulla pagina Facebook Milano-Taranto 
(https://www.facebook.com/MilanoTaranto/) 
tutti gli aggiornamenti e la diretta social della maratona motociclistica.



Meteo



Reportage fotografico eventi

Interviste Redazionali

Contro-Video

Basilicata Sport

Musica Live

Spettacoli e Teatro

Festival de Cinema di Venezia

Cultura

Sere d'Estate

Basilicata Inchieste

Vivi il Medioevo

Scuola

Sagra del Pecorino di Filiano

Basilicata Filmati inediti

Archivio Telecento

Eventi Filiano

Eventi Lavello

Eventi Rapone

Ruvo del Monte

Eventi Rionero in Vulture

Venosa

Brienza

Eventi Potenza

Eventi Rapolla

Eventi Melfi

Eventi Barile

Eventi Vaglio Basilicata

San Fele

Castel Lagopesole

Monticchio

Ripacandida

Atella

Acerenza

Palazzo San Gervasio

San Mauro Forte

Maschito

Ginestra

Pescopagano

Forenza

Altri Comuni della Basilicata

COLLEZIONE LIVE ROCK

COLLEZIONE LIVE ROCK

Etichette

Mostra di più
SIDERURGIKATV Testata giornalista Registrata al Tribunale di Potenza. num. Reg. Stampa 470