Passa ai contenuti principali

Emozioni di Gianni Donaudi: LA SCOMPARSA DI NANNI SVAMPA



NANNI SVAMPA aveva fondato, attorno alla metà degli anni '60 (insieme a LINO PATRUNO e ad altri 2 amici) il gruppo cabarettistico de "I GUFI" .
Ma di un cabarettismo non fine a sé stesso. Nei testi recitati si inseriva sempre  un'allusione politica e sociale, contro l' imperialismo $.U.A., contro i gruppi di potere che allora dominavano la nostra penisola, e qualche satira alla burocrazia vaticana (e non tanto alla religione in sé stessa).

La metropoli meneghina aveva in quel periodo un grosso fermento in fatto di canzone d'autore, come lo aveva avuto Genova con la sua  Scuola  qualche anno prima (DE ANDRé, PAOLI, BINDI, TENCO e LAUZI, ben prima di FOSSATI) .
Basti ricordare STRELLHER, DARIO FO, ENZO JANNACI, GIORGIO GABER e altri .
La differenza con Genova stava forse nel fatto che se, nel capoluogo ligure i cantautori esprimevano disagi amorosi, sociali ed esistenziali in genere, ma pur senza arrivare al " politico" , con i milanesi si arriva a quello, anche se Svampa resterà sempre il " meno politicizzato" pur con le sue preferenze per il P.S.I. , dove si candiderà verso la fine degli anni ' 80( gli anni di quella  Milano che sembrava aver superato lo stesso " b o o m " economico di 20 anni prima, quando persino L' Espresso e Repubblica accantonando le tradizionali  critiche al partito di BETTINO CRAXI  , sembravano "possibilisti" circa la giunta comunale di PAOLO PILLITTERI ( cognato del Capo del Governo) , che " amministrava bene " ) .
NANNI SVAMPA restò attaccato al suo mondo di birbanti, di mascalzoni, di ladruncoli, di piccoli " protettori" , che nel bel mondo meneghino non-contavano,  e mise in opera un ' operazione già compiuta da DE ANDRE' a Genova con le " città vecchie" , le " vie del campo" , etc. traducendo diversi testi del lenguedociano GEORGES BRASSENS( cosa che con meno successo tenterà di fare anche GIPO FARASSINO a Torino ), dove i protagonisti sono appunto le categorie piu' sopra indicate . Ma Brassens/Svampa non risparmiano neppure la gente- bene, i puritani benpensanti piccoli, medi e alto-borghesi o nobili imborghesiti e, nel caso di Nanni neppure di quella Milano-bene che si dice " progressista" e che gioca a fare la " rivoluzionaria" . 
NANNI SVAMPA era, per sua stessa ammissione , vivacemente anticlericale( come puo' esserlo un socialista, un libertario, prima ancora che un " marxista" ) , eppure  molti suoi testi facevano trasparire, almeno da un punto di vista " filosofico" un profondo senso cristiano, e  umano , senza per questo arrivare all' autocommiserazione e ai piagnisdei vittimistici di un FRANCO TRINCALE .

Sarà per i testi in milanese, ma NANNI SVAMPA sembrava avere anche un senso " localistico" della cultura ( come d' altronde lo aveva avuto FARASSINO in Piemonte, già quando era ancora iscritto al P.C.I. ) , ed è forse per questo che le traduzioni meneghine di Brassens piacevano anche a RADIO PADANIA , che ne trasmetteva spesso le canzoni( come , nonostante lo schieramento RP trasmetteva  spesso le canzoni " padane " o di artisti ritenuti  padani come GABER, IANNACI, MINA, MILVA e...persino le canzoni delle Mondine vercellesi, cantate da ANNA IDENTICI ) anche se  pensiamo che Nanni NON avrebbe mai aderito alla Lega

Ricordo che acquistai i 2 " l o n g    p l a y " di SVAMPA/BRASSENS in una liquidazione a 1000 £. ciascuno.

Altri tempi .

Ciao NANNI, tirrem inanz e chi non ci ama...car vaghe a dar via 'e ciapp!

Post popolari in questo blog

Galleria Fotografica: Lavello. Miss Miss In4missima (19 Settembre 2020)

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Schermi Riflessi: Addio a Walter Golia

Nella primavera del 2006 dopo un certosino lavoro di raccolta fondi (23 tra istituzioni pubbliche, 11 Comuni lucani, Regioni, Proloco, Comunità montane, Associazioni culturali, il CineClub De Sica-Cinit di Rionero, la famiglia Doino; qui e nel Limburg in Belgio, aziende, la Fiat Sata di Melfi...) il film si concretizza: siamo a Bella nella sala consiliare del Comune e stiamo provinando bambini in quantità per formare la classe di quinta elementare che vedremo spesso nel film nella parte lucana, sotto l'abile e amorosa cura del maestro, interpretato magistralmente da Ulderico Pesce. Abbiamo soprattutto da trovare piccoli interpreti per quattro ruoli sfaccettati, Armando, Egidio, Vito e Mario. Armando ed Egidio ci saranno in tutto il film, in Lucania e nel Limburg. Quello che mi fa tremare i polsi è trovare l'interprete di Armando, il figlio più giovane di Michele Acucella (Franco Nero) e di Vitina (Valeria Vaiano), che lo dovrà raggiungere in Belgio, a ricongiungers…