Passa ai contenuti principali

Il posto delle fragole di Mario Coviello: “Senza coda” un romanzo di Marco Missiroli, Universale Economica Feltrinelli, 2015



“I grandi dormono. Non dormiamo io e te. Ti vedo, sei cattiva. Con il buio ti vedo lo stesso e ora ti prendo. Sei sul muro, ora sei in aria, ora sei sul letto, ora sei sulla mia gamba. Ti vedo sempre. Siete tante, vi vedo. Una, due, tre, quattro, siete quattro lucertole grosse e lunghe e siete cattive.
Venite vicino, più vicino.
Non ho paura, ho il coltello io, è sotto il cuscino”.
Pietro rincorre le lucertole per collezionarne le code. La lucertola, quando si sente in pericolo, lascia andare la coda e corre nell’erba alta. Perde la coda e si dà una seconda possibilità. Pietro caccia le lucertole nel giardino verde della villa di famiglia in una Sicilia che non viene mai nominata ma solo fatta percepire. E’ il giardino di una villa che trabocca ricchezza e criminalità. Tutto arriva al lettore grazie a un magnifico uso della descrizione, della terza persona, del copione di una storia, quella di “Senza coda”, che si lascia divorare in poche ore.
Pietro rincorre le lucertole con Luigi armato del coltello che gli ha regalato papà. Hanno forse dieci, dodici anni. Luigi è il figlio di amici di papà, ma che non sono più così amici perché forse il suo, di papà, ha fatto qualcosa e il papà di Pietro non lo vuole più. Ma che ne sa l’innocenza bambina del crimine adulto? Che ne sa un figlio della pasticceria di papà che una volta era la migliore e improvvisamente ha chiuso? Pietro sa solo che il suo papà non viaggia più e ora fa delle “commissioni”.
“Fra tre giorni ci vai da Carmine, a papà?”
E’ questo l’incubo di Pietro che con Luigi viene mandato a consegnare strane buste bianche di una carta spessa e ruvida a questo oscuro signore. Quando Carmine le apre non sai mai come può reagire. Può essere felice. Può essere scontento. Può essere violento. E’ la curiosità che cresce con l’età che li spinge ad aprire quelle buste e a trasformare improvvisamente Pietro in una lucertola. Una lucertola che non riconosce il male come tale perché ancora non ha imparato a definirlo, ma ne percepisce il pericolo.

Una Sicilia che non viene mai nominata ma solo fatta percepire.

Lo percepisce da quegli strani segni neri e gialli che ogni tanto compaiono sulla schiena e sulle gambe della madre. Lo percepisce nella “signorina” di fronte alla quale è costretto a stare la sera: il telegiornale con papà e il sangue che scorre sotto i lenzuoli bianchi. Papà non piange quando la signorina dice che sono morti dei “suoi amici”. E la Sicilia è sempre lì fuori dal cancello dove Pietro sogna di andare un giorno con la Bianca, un’auto sportiva, che adora.
Pietro collega i tasselli ma non lo dice. Collega i tasselli e agisce. Agisce per liberarsi della sua coda e imparare a fare “senza”. Agisce anche per quella madre coi capelli che profumano sempre di buono e che non piange quasi mai. Che gli sussurra “scusa” nelle orecchie. Pietro sfida se’ stesso e il suo essere bambino.
“Senza coda” è un romanzo duro e tenero. Un romanzo veloce che riempie qualche ora e ne ruba il doppio a pensare. Non ci sono perdite di tempo. Il ritmo è quasi affannoso e concede delle pause come di preghiera, quando Pietro si nasconde sotto il letto e parla col suo Gesù Bambino.
Questo libro, per lo stile, la tematica e un po’ per il bambino protagonista, mi ha ricordato alcune atmosfere presenti in “Io non ho paura” di Niccolò Ammaniti, uscito quattro ani prima di “Senza coda” e che è stato portato sullo schermo con grande successo da Gabriele Salvatores, che lo ha ambientato in Basilicata.
Missiroli scava con una scrittura intensa nella forza prorompente e muta dell’infanzia. “Senza coda” è stato il suo romanzo di esordio e ha messo le basi del racconto della perdita dell’innocenza che sarà poi protagonista di “Atti osceni in luogo privato”, che vi ha già consigliato.









Marco Missiroli

La storia di Pietro è la storia di un bambino e di un luogo da intuire. La storia di chi diventa grande in una fase storica e in una fascia geografica, in cui sembra impossibile diventare adulti. E’ la storia cruda di una terra arida di occasioni per i Pietro e i Luigi e assetata di desiderio di riscatto. C’è l’azione, c’è il coraggio di agire, ed è in quel coltello nelle mani di Pietro che viene calato a staccare la “coda” più pesante.

Post popolari in questo blog

Galleria Fotografica: Lavello. Miss Miss In4missima (19 Settembre 2020)

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Schermi Riflessi: Addio a Walter Golia

Nella primavera del 2006 dopo un certosino lavoro di raccolta fondi (23 tra istituzioni pubbliche, 11 Comuni lucani, Regioni, Proloco, Comunità montane, Associazioni culturali, il CineClub De Sica-Cinit di Rionero, la famiglia Doino; qui e nel Limburg in Belgio, aziende, la Fiat Sata di Melfi...) il film si concretizza: siamo a Bella nella sala consiliare del Comune e stiamo provinando bambini in quantità per formare la classe di quinta elementare che vedremo spesso nel film nella parte lucana, sotto l'abile e amorosa cura del maestro, interpretato magistralmente da Ulderico Pesce. Abbiamo soprattutto da trovare piccoli interpreti per quattro ruoli sfaccettati, Armando, Egidio, Vito e Mario. Armando ed Egidio ci saranno in tutto il film, in Lucania e nel Limburg. Quello che mi fa tremare i polsi è trovare l'interprete di Armando, il figlio più giovane di Michele Acucella (Franco Nero) e di Vitina (Valeria Vaiano), che lo dovrà raggiungere in Belgio, a ricongiungers…