Passa ai contenuti principali

Segnalazione in primo Piano: PERCORSO D’ARTE IN ITALIA PER ROSSANA BUCCI


Rossana Bucci è l’artista coratina presente nel testo storico-critico : “ PERCORSI D’ARTE IN ITALIA 2017 che ritrae artisti contemporanei consacrati e noti nella panoramica nazionale e internazionale (Rubettino Editore a cura di Giorgio di Genova e Enzo Le Pera) Parla Di Genova, e nel suo exursus storico irrompe con il Futurismo che ha introdotto nella pittura il polimaterismoe nella scultura l’assemblagismo, arte nel XX secolo divenuta onnivora.

Non ci si deve stupire se si fanno quadri con tavole giustapposte, con accorpamenti di Juta ritagliata, rame ed altro; con collage di carta e di fotografie ed addirittura con sassi e pittura. Proprio al collage di fotografie ricorre la pugliese Rossana Bucci, la quale le giustappone disordinatamente, in modo da formare il profilo di una pancia gravida che si staglia sulla pittura come fosse una parete. 



La Bucci ama procedere per contrasti di forme, stili e materiali. In Unione-Contrato del 2016, infatti sovrappone il pittorico simbolo raffigurante lo Yin e lo Yan al centro di un caotico agglomerato di carte sgualcite ed altri materiali, mettendo così in contrasto “unito” , il caos materico con l’ordo del tondo con la sua circolarità, ossia la geometria con l’informale.

Post popolari in questo blog

Galleria Fotografica: Lavello. Miss Miss In4missima (19 Settembre 2020)

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Schermi Riflessi: Addio a Walter Golia

Nella primavera del 2006 dopo un certosino lavoro di raccolta fondi (23 tra istituzioni pubbliche, 11 Comuni lucani, Regioni, Proloco, Comunità montane, Associazioni culturali, il CineClub De Sica-Cinit di Rionero, la famiglia Doino; qui e nel Limburg in Belgio, aziende, la Fiat Sata di Melfi...) il film si concretizza: siamo a Bella nella sala consiliare del Comune e stiamo provinando bambini in quantità per formare la classe di quinta elementare che vedremo spesso nel film nella parte lucana, sotto l'abile e amorosa cura del maestro, interpretato magistralmente da Ulderico Pesce. Abbiamo soprattutto da trovare piccoli interpreti per quattro ruoli sfaccettati, Armando, Egidio, Vito e Mario. Armando ed Egidio ci saranno in tutto il film, in Lucania e nel Limburg. Quello che mi fa tremare i polsi è trovare l'interprete di Armando, il figlio più giovane di Michele Acucella (Franco Nero) e di Vitina (Valeria Vaiano), che lo dovrà raggiungere in Belgio, a ricongiungers…