Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: La compassione mancata


“È di solidarietà e di compassione che c'è bisogno, amico mio ”: è il verso di una dolcissima ballata, “ Sympathy ” (dei Rire Bird), erano gli anni ’70. Quel verso è quanto mai attuale, in un momento fra i più drammatici che queste generazioni abbiano mai attraversato. Siamo stati per decenni nelle mani di speculatori, e siamo ostaggi del malaffare con la perversa declinazione di una gestione comune del bene.

La ottusa visione di un uomo che negli ultimi vent’anni, facendo solo i suoi affari, ha predicato di preservarci dai comunisti (e chi erano: D’Alema-Fassino-Veltroni- Prodi...?), inducendoci in una ossessione che ha imbavagliato il senso dello Stato. Quel che è peggio è che ci ha resi succubi di un mondo edulcorato che la televisione (non solo la sua) ha interpretato e perpetrato come un vangelo apocrifo della ricchezza. Oggi e solo oggi ci riscopriamo più poveri, con uomini nuovi che nuovi non sono stati, grazie a quel malaffare diffuso sedato dalla politica di presunti buonisti. I prosatori della distrazione di massa hanno compiuto la deleteria opera del nostro asservimento interiore. Proclamare “la stupidità dei manager sarebbe stato il primo atto di future rivolte”; lo scriveva quasi un secolo fa un libero pensatore britannico. Poi vennero i “tecnici” chiamati a soppiantare la deficienza e l’incapacità di quanti si son fatti eleggere per fare il bene comune. Falliti, o come chiamarli altrimenti? Ci hanno traditi tutti, con la loro inettitudine. Il “giovanilismo” del politico asservito o alleato alle banche. E poi si è messa anche una parte della Chiesa, a dispetto di quelle migliaia di sacerdoti che svolgono coscientemente la propria missione: il vecchio truffatore don Luigi Verzé e i suoi epigoni asserviti ci hanno derubato di beni e di ideali, tradendo lo spirito di Don Giussani, il fondatore di Comunione e Liberazione. Altro che “ cum-patire ”, altro che solidarietà umana. Li dovranno avere sulla coscienza quei giovani, sempre più disperati. Intanto il teatrino riapre, con l’occupazione costante della televisione di stato e di tutti i canali commerciali che ambiranno quindi a saltare sul carro del vincitore: la campagna per il nuovo governo (improbabile, vista la nuova legge elettorale) si è aperta. In quanti andranno a dare il loro consenso? Sempre meno, si prevede. Altro che cum-patire . Oggi più che mai “di compassione c’è bisogno, amico mio...” Ma quale coscienza toccherà? 


Meteo



Reportage fotografico eventi

Interviste Redazionali

Contro-Video

Basilicata Sport

Reportage

Musica Live

Spettacoli e Teatro

Festival de Cinema di Venezia

Cultura

Sere d'Estate

Documentari sulla Basilicata

Basilicata Inchieste

Vivi il Medioevo

Scuola

Certamen Fortunato

Libriamoci

Sagra del Pecorino di Filiano

Basilicata Filmati inediti

Archivio Telecento

Eventi Filiano

Eventi Lavello

Eventi Rapone

Ruvo del Monte

Eventi Rionero in Vulture

Venosa

Brienza

Eventi Potenza

Eventi Rapolla

Eventi Melfi

Eventi Barile

Eventi Vaglio Basilicata

San Fele

Castel Lagopesole

Monticchio

Ripacandida

Atella

Acerenza

Palazzo San Gervasio

San Mauro Forte

Maschito

Ginestra

Pescopagano

Forenza

Altri Comuni della Basilicata

COLLEZIONE LIVE ROCK

COLLEZIONE LIVE ROCK

Etichette

Mostra di più
SIDERURGIKATV Testata giornalista Registrata al Tribunale di Potenza. num. Reg. Stampa 470