Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Promo special DANIELE PARISI EUHOE’! - FRAME - PALADINI DI FRANCIA - Il cammino per Oz - Il fronte delle donne. Roma - Teatro Vascello


Cantieri Teatrali Koreja
FRAME
progetto e ideazione Alessandro Serra
con Francesco Cortese, Riccardo Lanzarone, Maria Rosaria Ponzetta, Emanuela Pisicchio, Giuseppe Semeraro
Frame si ispira all'universo pittorico di Edward Hopper.


Ogni sua opera è stata trattata come un piccolo frammento di racconto dal quale distillare figure, situazioni, parole.

Una novella visiva, senza trama e senza finale, direbbe Cechov, una porta semiaperta per un istante su una casa sconosciuta e subito richiusa. Nei quadri di Hopper non vi è alcuna intenzione morale o psicologica, egli semplicemente coglie il quotidiano

dei giorni.Opere straordinarie compiute attraverso l'ordinario. Quanto più consuete sono le ambientazioni, abitate da figure semplici, tanto più si rivela la magia del reale. 


Teatro Vascello promozione speciale 20 euro in due valida dal 27 febbraio al 4 marzo dal martedì al sabato h 21 domenica h 18, oppure per chi acquista 1 biglietto a 15 euro per FRAME paga il secondo biglietto 5 euro per PALADINI DI FRANCIA dal 6 all’11 marzo e viceversa per chi acquista 1 biglietto a 10 euro per Paladini di Francia può pagare contestualmente 5 euro il biglietto per Frame, prenota 065898031 - 065881021promozione@teatrovascello.it - promozioneteatrovascello@gmail.com indicando che prenotate con la prima o seconda promozione da voi scelta.


Vi aspettiamo !


Teatro Vascello per tutta la famiglia
dal 6 all’11 marzo , dal martedì al sabato h 21
inoltre sabato h 17 – domenica h 15

PALADINI DI FRANCIA

Cantieri Teatrali Koreja

di Francesco Niccolini

con Carlo Durante, Francesco Cortese, Anna Chiara Ingrosso, Emanuela Pisicchio 

ideazione scene Iole Cilento

realizzazione scene Porziana Catalano, Iole Cilento
musiche originali Pasquale Loperfido
voce di Carlo Magno Fabrizio Saccomanno
disegno luci Angelo Piccinni
tecnico Alessandro Cardinale
organizzazione Laura Scorrano 
assistente alla regia Valentina Impiglia
regia Enzo Toma


La storia comica e tragica dei paladini di Carlo Magno – dall'arrivo a corte della bella Angelica al massacro di Roncisvalle – racconta la bellezza e la crudeltà della vita. E se da più di cinquecento anni grandi poeti e teatranti continuano a provare un piacere immenso a raccontarla, un motivo ci deve essere. Mi pare di essere nel teatrino delle marionette dove Pasolini fa raccontare a Totò, Ninetto Davoli, Franco e Ciccio, la storia di Otello, Iago e Desdemona. Con quelle stesse marionette vorrei raccontare di Rinaldo, Astolfo, Angelica, Bradamante, Fiordiligi e Orlando

Età consigliata: dai 6 anni ai 99 anni.

INFORMAZIONI E BOTTEGHINO IL VASCELLO DEI PICCOLI
Per ogni spettacolo si organizzano feste di compleanno presso il teatro abbinate agli spettacoli per i bambini, prezzo in promozione : 3 omaggi per mamma papà e festeggiato, 10 + 5 euro in coppia per gruppi in numero pari il dispari paga 5 euro + 30 euro utilizzo sala circolare, info e prenotazione ai numeri del Teatro Vascello 065898031 – 065881021 Whatsapp 3405319449 Cristina, promozione@teatrovascello.it



Teatro Vascello promozione speciale 20 euro in due prenota 065898031 - 065881021 promozione@teatrovascello.it  - promozioneteatrovascello@gmail.com  indicando che prenotate con la promozione valida lunedì 25 febbraio h 21 Vi aspettiamo!

DANIELE PARISI EUHOE’!

E’ la fine di un’Era. E’ la fine di tutto.

 E’ la fine di niente, se ricomincia tutto”.

La deriva è prossima, il caos è alle porte. Euohè! è un’ora di delirio organizzato per mettere alla berlina brandelli di un’umanità che sbraita sulla vita. È un one-man show fatto di ritmi affabulanti, umorismo allucinato, trasformismo, performance sceniche e vocali che usa, per l’impianto scenico, una loop station con cui il protagonista incide dal vivo, vocalmente, le musiche di scena.

Teatro Vascello promozione speciale 20 euro in due e per gruppi di 10 persone 80 euro prenota 065898031 - 065881021promozione@teatrovascello.it  - promozioneteatrovascello@gmail.com  indicando che prenotate con la promozione  valida dal 20 al 25 febbraio dal martedì al sabato h 21 domenica h 18
Vi aspettiamo !

Il fronte delle donne 



Di e con Lucilla Galeazzi (mezzosoprano, chitarra, narrazione),
Prologo e ideazione scenica Maria Rosaria Omaggio
E con Il gruppo vocale Levocidoro
Susanna Buffa, Chiara Casarico, Sara Marchesi, Marta Ricci, Susanna Ruffini, Nora Tigges: voci
Stefania Placidi: chitarra. 

“Il fronte delle donne”, rilettura al femminile del primo conflitto mondiale, è frutto della ricerca storica, letteraria e musicale di Lucilla Galeazzi ed è un toccante e commovente percorso di riflessione sul più terribile e sanguinoso conflitto bellico che la storia ricordi e che sconvolse la vita quotidiana di milioni di uomini e donne. Nello spettacolo, che ha ottenuto la prestigiosa concessione per l’utilizzo del logo delle celebrazioni nazionali per il Centenario della Grande Guerra, si alternano testimonianze e musica, storie individuali e canti della tradizione popolare orale. I canti sono eseguiti in polifonia a tre voci, a due voci o a voce sola, anche senza alcun accompagnamento strumentale, mentre i racconti restituiscono con efficacia le emozioni e l’inferno di quella guerra, osservata da un punto di vista femminile. In scena con Lucilla Galeazzi il sestetto vocale Levocidoro, che da anni la accompagna nei suoi progetti di polifonia, Maria Rosaria Omaggio e la chitarrista Stefania Placidi. 



Teatro Vascello per tutta la famiglia
24 e 25 febbraio
sabato h 17 – domenica h 15
matinee mercoledì 21 febbraio h 10.30 prezzo 8,00 euro
La Fabbrica dell'Attore – Teatro Vascello

Interpretato da: Valentina Bonci, Isabella Carle, Matteo Di Girolamo, Marco Ferrari,Cosimo Ricciolino, Pierfrancesco Scannavino.
Scene e costumi: Clelia Catalano
Coreografie: Rossana Longo - Danzatrici: Eleonora Chiodo, Elena Zoia
Musiche: Gianluca Testa - Proiezioni: Paride Donatelli, Clelia Catalano
Insieme alla piccola Dorothy, lo svampito Spaventapasseri, il cinico Uomo di Latta, il Leone fifone, percorreremo la strada di mattoni gialli attraversando magici regni, fino ad arrivare alla città di Smeraldo dal grande e potente Oz.
Ispirandosi al grande classico “Il Mago di Oz” di L. Frank Baum la compagnia dei giovani del
t e a t r o  v a s c e l l o porta in scena una riscrittura moderna, una riflessione sul senso dell’Arte, un cammino interiore che guida i personaggi a scoprire i propri talenti e le proprie potenzialità.
Lo spettacolo si compone di una parte recitata, canto dal vivo, video proiezioni, scene e costumi originali. Età consigliata: dai 3 anni ai 99 anni.




Abbonamenti
ABBONAMENTO REGALO € 50,00 , 5 spettacoli a scelta programmazione prosa, musica e danza

FREE CLASSIC € 90,00 10 spettacoli a scelta programmazione prosa, musica e danza

LOVE € 80,00: 4 spettacoli in coppia, a scelta programmazione prosa, musica e danza

FAMILY € 40,00 programmazione Vascello dei Piccoli
5 ingressi cumulabili
  
Il Teatro Vascello si trova nello splendido quartiere di Monteverde vicino al Gianicolo sopra a Trastevere a Roma, con i suoi 350 posti, la platea a gradinata e il palcoscenico alla greca permette un'ottima visibilità da ogni postazione.

Il Teatro Vascello propone spettacoli di Prosa, Spettacoli per Bambini, Danza, Drammaturgia Contemporanea, Eventi, FestivaL, Rassegne, Concerti, Laboratori

Come raggiungerci con mezzi privati: Parcheggio per automobili lungo Via delle Mura Gianicolensi, a circa 100 metri dal Teatro. Parcheggi a pagamento vicini al Teatro Vascello: Via Giacinto Carini, 43, Roma; Via Maurizio Quadrio, 22, 00152 Roma, Via R. Giovagnoli, 20,00152 Roma 
Con mezzi pubblici : autobus 75 ferma davanti al teatro Vascello che si può prendere da stazione Termini, Colosseo, Piramide, oppure: 44, 710, 870, 871. Treno Metropolitano : da Ostiense fermata Stazione Quattro Venti a due passi dal Teatro Vascello 

SOSTIENI LA CULTURA VIENI AL TEATRO VASCELLO
#Prosa #Danza #Musica #TeatroDanza #Performance #Readingletterari#Circo #Concerti #TeatroRagazzi #FestivaL #Eventi #Laboratori

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e