Passa ai contenuti principali

EMOZIONI di Gianni Donaudi: P I N O B A L Z A N O (1948 / 1998)


Nella metà di gennaio del 1998  a Napoli se ne andava l'amico  PINO BALZANO. Nato a Milano da padre partenopeo e madre emiliana (una Fornieri discendente del socialista umanitario francese Fournier), Pino si era trasferito ancor bambino nella metropoli originaria del padre.


Ancora ragazzo fa riferimento alla "destra" radicale, in una formazione europeista e appena ventenne sarà tra i principali redattori de "La Nazione Europea" (riduzione italiana della belga La Nation Europeenne) nei suoi ultimi numeri. N.E. stampa il suo ultimo numero nella primavera del 1970 dove viene tradotta in italiano l' intervista a Peron, che si dichiara d' accordo con Fidel Castro, con la Cina maoista e definisce il Che "il simbolo della Liberazione latino- americana".
All' interno del gruppo ben pochi hanno voglia di tornare a "destra " e si guarda avanti con simpatie per la Nuova Sinistra, altri per i partiti laici, altri ancora per la "balena bianca". Fino a quel momento gli interlocutori dell'area "europeista", all'interno della Sinistra sono sopratutto i gruppi "m. l.", sopratutto il P.C.d' I., dove infatti, prima di darsi alla clandestinità, approderà anche Renato Curcio proveniente dallo stesso ambiente.

Per Pino la sigla è indifferente. Importante è lavorare nella Sinistra rivoluzionaria (un suo paginone su ALDOUS HUXLEY apparirà su "Lotta Continua" del 123 febbraio 1980) e al contempo inizia una ricerca spirituale interiore con preferenze per il TAO di Lao Tse (e sull'argomento, nel 1986 scriverà un pezzo su "Il Manifesto", quotidiano dove in un altro articolo sui Cicli Cosmici, tanto studiati da René Guenon, invita il quotidiano "gauchista" romano a confrontarsi con la c.d. "nuova destra" di Marco Tarchi, Franco Cardini, etc.): Pino collabora anche al "Quotidiano dei Lavoratori", organo di Democrazia Proletaria,  dove scrive, in due puntate un'analisi sul fascismo di "sinistra"  e finché esce non trascura qualche articolo per Fronte Popolare, organo del Movimento Lavoratori per il Socialismo.

Ma nei ritagli di tempo Pino non trascura la poesia (in lui sono evidenti gli influssi di Kerouç, Camus e Orwell,  oltre a quelli di Pier Paolo Pasolini e ANCHE di Louis Fèrnand Cèline. Balzano stampa diversi libretti autoprodotti e nel 1982, pubblica, insieme all'allora ottantenne GENNARO AMMENDOLA "I Poeti del vicolo", conducendo, al contempo, insieme ad altri un' inchiesta sui giovani, che verrà raccolta nel volume " I Rompiballe" della Sperling & Kupfer.

Nel 1991 inizia la pubblicazione della rivista "Nuove Angolazioni- Tempi Decisivi" che all' inizio esce come supplemento di "N.d.R." , il cui direttore responsabile è quel ATTIGLIO WENDERLING, del Circolo "Intramegna" di piazza Bellini, già corrispondente da Napoli de "Il Manifesto" ed ex consorte di LUCIA ANNUNZIATA.
Dal 1994 direttore responsabile di "Nuove Angolazioni" sarà LUCIO MARTELLI di Bordighera, da tempo militante nel direttivo provinciale di Imperia di Rifondazione comunista, e anch' egli scomparso(2006) .-
Altri collaboratori di N.A. sono la sua compagna Rosetta, MARIO SEPE, lo stesso  LUCIO MARTELLI e GIANNI DONAUDI (allora residente a Torino e che per N.A. cura la redazione per il Piemonte e la Liguria). Anche la figlia di Pino EVA scrive, a soli 14 anni, un simpatico articolo sulla figura del Rag. FANTOZZI (...uno di noi...lo definisce), mentre  LURA SEPE, figlia di Mario si occupa di musica giovanile .
Sulla stessa rivista escono anche articoli di nostri amici, quali ALBERTO SORDI di La Spezia, MARIO CASTELLANO di Imperia, PIER LUIGI VERRUA di Torino, FRANCESCO MULé di Vallecrosia (IM) .
La rivista stampa anche supplementi di poesia, con testi di TERESIO ZANINETTI, FRANCESCA VENTURA, KATIA DI STELLA, CLAUDIO VERIOL, LUIGI BETRONE, etc.

Il sogno di Pino era una società comunitaria, antiutilitarista( per questo seguiva con assiduità il M.A.U.S.S. francese di SERGE LATOUCHE) e solidale, magari meno edonistica ma che assicurasse il benessere a tutti, compresi molti diseredati ed esclusi nostrani e non solo quelli che provengono da fuori- Europa .
Tra gli studiosi  contemporanei, le simpatie di PINO BALZANO andavano a MASSIMO CACCIARI, a MARCO REVELLI( con la sua visione comunitaria, molto spesso snobbata da larga parte della SX ), COSTANZO PREVE, LUCIANO CANFORA, DOMENICO LO SURDO e , in parte, ERNESTO GALLI DELLA LOGGIA.
L' originalità del pensiero di Pino non aveva la pretesa che ad ottenere tali risultati fosse una corrente o un ' altra. L' importante era che gli uomini di buona volontà sentissero tale urgenza. NON importa chi fossero.
Per questo , oltre a pubblicare la sua rivista, Pino non si pose alcun problema a scrivere anche su un quotidiano  come " L' Umanità" ( ex organo del P.S.D.I.), dove grazie alla sua amicizia col direttore Ugo e di altri collaboratori, riusciva a far passare le sue tesi, che contraddicevano estremamente con le posizioni filo- atlantiste, conservatrici e "moderate" che rispecchiavano la linea generale del quotidiano.

PINO BALZANO amava ridere, scherzare, ironizzare , mescolando la bonarietà napoletana con lo " h u m o r " dell' Emilia Romagna, terra di sua madre.
Pino era anche un incallito tifoso del " Milan" ( " per togliere la squadra all' egemonia berlusconiana"-si giustificava ...) . Sempre ironico( e a volte sarcastico, sopratutto nel vedere il reincretinimento di tante masse giovanili informate all' " a m e r i K a n    w a y      o f      l i f e  " . Un processo già iniziato negli anni '50 e ben messo in evidenza da ALBERTO SORDI ( il comico) nel film " UN AMERIKANO A ROMA " e, musicalmente da RENATO CAROSONE con " TU VUO FA' L' AMERICANO' . Due esempi che Pino citava spesso e volentieri .

G.D.



Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e