Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi: Sentirsi estremisti, oggi


Si parla molto di un ritorno agli anni di piombo, ma il contesto italiano è assi diverso da quello degli anni ‘70. E’ cambiata la società, all’epoca spaccata tra una minoranza capace di comprendere il complicato messaggio dell’ideologia estremista e dunque o di sposarlo in segreto, o di prenderne le distanze e una maggioranza dal basso livello di scolarizzazione le cui preoccupazioni erano quelle di lavorare e campare la famiglia.

Una maggioranza non coinvolta, che vedeva solo il sangue della violenza di piazza, senza afferrarne il senso, ma che partecipava alla vita politica del paese con un forte senso di appartenenza verso i corpi intermedi della democrazia. Non è un caso che il vero contrasto tra Brigate rosse e classe operaia, che avevano grossomodo convissuto nella reciproca indifferenza, secondo molti si ebbe con l’omicidio del sindacalista Guido Rossa. Oggi, al contrario, abbiamo una maggioranza di italiani con più strumenti culturali di lettura della realtà, ma che partecipa poco e punto e quando lo fa si muove slegata da organizzazioni politiche e sindacali. In questa lacunosa intermediazione democratica si colloca un rinato estremismo che non si esprime più con ostiche costruzioni teoriche, ma utilizza slogan e temi che vanno diretti alla pancia del pubblico e soprattutto sono perfetti per essere veicolati nei nuovi mass media. Al contrario la minoranza più prossima agli ambienti del potere difficilmente potrà subire la fascinazione di una violenza poggiata su basi ideologiche così fragili. Dove possa portare questo mutato quadro non è facile a prevedersi, perché se da un lato gli estremismi di oggi non godranno di una parentela prossima con ambienti istituzionali, politici ed economici, che offrano loro protezione e sostegno diretto e indiretto, materiale e simbolico, le loro azioni potrebbero godere di una legittimazione popolare che quarant’anni fa sarebbe stata insperata. Un estremismo che trova il suo fisiologico sfogo a destra, anzi, in un populismo che ha nell’estrema destra di allora il legame dinastico naturale. Il fascismo come contenitore politico non tornerà, perché questa maggioranza di italiani lo scarterebbe come un qualunque prodotto politico. Può tornare però il fascismo come contenuto, uno squadrismo ripulito da finalità sociali che se non sia un pericolo per le istituzioni democratiche, rappresenti comunque una temibile minaccia per la pacifica convivenza civile.

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e