Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Con il film L’Insulto commovente serata a Venosa


Grande serata di cinema al Lovaglio di Venosa, col film libanese L'INSULTO di Ziad Doueiri. Il dr. Georges Edmondo Almaz ha commosso tutti con le sue testimonianze su quella sua tormentata terra. Presente anche l'assessore Sinisi la quale ha espresso grande apprezzamento per l'iniziativa culturale, vera finestra sul mondo, che la direzione del Cinema Lovaglio ed il CineClub Vittorio De Sica diretto da Armando Lostaglio hanno inteso portare al colto pubblico della Città di Orazio. 



L'omaggio coinvolto alla sua terra del Dr. Almaz, che da decenni vive in Basilicata dopo aver studiato a Padova e Parigi, si è incentrato sulla ricostruzione degli ultimi decenni che hanno visto il Libano terreno di scontro interetnico e interreligioso, argomenti centrali del film premiato a Venezia. "Ricordo - ha sottolineato - la mia Beirut, la Capitale magica del Paese dei cedri, la città distrutta e ricostruita diverse volte in meno di 35 anni. Viene considerata tra le prime 10 città più belle del mondo. Beirut è il ponte tra oriente ed occidente. Beirut è un grande faro del Mediterraneo, scoperta da tanti popoli e civiltà nel corso dei millenni. Beirut ferita ma poi guarita, dei mille sapori e odori. Beirut la mia città, la mia infanzia e giovinezza, Beirut, nel cuore di tutti, nel mio cuore". Il film, umanamente ricco nella sua struttura narrativa, ha anche offerto diversi spunti di natura giuridica ad alcuni avvocati presenti alla proiezione. Davvero una finestra sul mondo, con un cinema che sa cogliere le essenze della grande storia, a partire dai piccoli confronti quotidiani.
SIDERURGIKATV Testata giornalista Registrata al Tribunale di Potenza. num. Reg. Stampa 470