Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Presenze lucane al Festival di Berlino

Incontro con il regista e produttore Carlo Fusco

Al Festival del Cinema di Berlino, in corso in questi giorni (15 – 25 febbraio), è presente il regista e produttore Carlo Fusco, potentino di origine ma americano di adozione. Porta in vetrina tre suoi recenti film, non già in concorso, bensì presentati alla borsa-mercato del Festival.
Lo abbiamo sentito prima di partire per l’importante kermesse cinematografica, fra le più importanti del mondo. 
Fusco, di quali film si tratta?
I miei due film a Berlino li rappresenta la ITN DISTRIBUTION e sono entrambi da me diretti: si tratta di  THE SLIDER con Bruce Davison (che ha avuto una nomination all’Oscar per altro film), Ieva Lykos, Tom Sizemore , Daryl Hannah , Maia Morgenstern (già nel cast di “The Passion” di Gibson) e Hal Yamanouchi. Il film è già uscito in diversi paesi, fra questi STATI UNITI e CANADA con la Sony Pictures. Paesi dove il film ha ottenuto entusiasmanti consenti di critica e di pubblico. THE SLIDER
è stato girato in lingua inglese nel nord della Romania, è prodotto dalla WIND OF CORLEONE FILM (di cui sono amministratore) e coprodotto dalla società romena GPF .
Uscito negli Stati Uniti circa un anno fa e distribuito sul territorio Americano dalla SONY e dalla ITN, è successivamente uscito in Canada e Sud America; ora sta avendo la distribuzione anche in Europa e presto sarà anche nel circuito Italiano.

L’altro film?

E’ KIDNAPPED IN ROMANIA con Michael Madsen , Paul Sorvino , Maia Morgenstern , Yoon C. Joice, Abraam Fontana , Andrea Stefancikova , Gouchy Boy.  Anche questo è stato girato in Romania, viene distribuito all world dalla ITN DISTRIBUTION, ed è già uscito in molti paesi nel mondo. E’ stato da me diretto oltre che prodotto.
Il protagonista italiano è Abraam Fontana che ha anche prodotto con me il film. 

Ci faccia una breve sinossi di KIDNAPPED IN ROMANIA

- Due giornalisti Italo-Americani si trovano in Romania per un reportage turistico, vengono rapiti da una famiglia alquanto particolare, causa del rapimento è un vecchio conto in sospeso che pende fra il rapitore e il padre della giornalista.

Una buona vetrina per un regista e produttore lucano che si mette in luce anche e soprattutto negli Stati Uniti?

- Certo, ne vado orgoglioso. Inoltre, sono presente a Berlino anche con un documentario su Salvatore Giuliano da me prodotto e diretto da Ieva Lykos. Il film parla di tutte le vicissitudini legate al noto bandito siciliano. Nel documentario abbiamo reperito documenti inediti e rivelazioni sconvolgenti, molte delle quali sono ancora coperte dal Segreto di Stato. Si tratta certamente di una operazione alquanto coraggiosa svolta dalla regista-giornalista. Fra gli intervistati figura la giornalista Stefania Limiti, Carlo Ruta, Fabio Delicato e il nipote di Salvatore Giuliano , Giuseppe Sciortino Giuliano.

Qual è il titolo del documentario? 

- "Il padrino del bandito" è il titolo: tratta la vita del bandito siciliano Salvatore Giuliano e le tragiche situazioni che si vennero a creare attorno a lui: dalla politica alla terribile strage di Portella Della Ginestra, agli interessi americani all'inizio della Guerra fredda. La storia, dopo 63 anni, è ancora sotto tutela del Segreto di Stato in Italia: peraltro un segreto di stato non può durare più di 30 anni.

Che idea si è fatto di quelle drammatiche vicende? 

- "Il Padrino" è il responsabile “spirituale” del bandito e del suo destino. In particolare del massacro di Portella della Ginestra e la morte presunta. Pare che vi siano ancora dei politici coinvolti. Pertanto, Giuliano, coautore di Sicilia e autonomia, mette l'impronta su una sporca Repubblica e l’annessione della Sicilia all’America di Truman. Giuliano è visto dalla Storia come un assassino, un eroe e persino un bandito romantico. Aver girato un documentario con una descrizione completa del personaggio, sono certo che contribuirà a scoprire alcune verità che vengono ancora ignorate.

Ha già avuto una distribuzione?

- Sì, il documentario è da poco uscito in America e Canada, South Africa, Ireland, Australia, New Zealand and the Scandinavian countries (Iceland/Finland/Denmark/Norway/Sweden).

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e