Passa ai contenuti principali

TRACCE di Rocco Brancati: ANTONIO BUSCIOLANO


(Potenza, 15 gennaio 1823 – Napoli, 10 agosto 1871) 

"Quando vidi per la prima volta il monumento della sua Immacolata promisi a me stesso che avrei presto e pubblicamente significata la mia ammirazione pel tuo stupendo lavoro. Assolvo ora la promessa, e le mie povere ispirazioni..." Lo scrisse il poeta Nicola Sole ad Antonio Busciolano dopo aver ammirato il gruppo scultoreo che l'artista potentino aveva realizzato per l'altare maggiore della Chiesa del Gesù Nuovo a Napoli, nel 1857.

"Accetta dunque, caro e valoroso Busciolani, questo Idillio, come dono di amico, e come cosa che interamente ti appartiene". La poesia "La fanciulla e l'artista" sarà inserita in "Canti" pubblicata fin dalla prima edizione, nel 1858, edita dalla tipografia Nobile di Napoli. (Dopo la prematura scomparsa di Nicola Sole nel 1859 sarà poi ritrovata e inserita nella raccolta dei "Canti" pubblicata grazie ad una sottoscrizione suggerita da Giovanni Paladino su "La Rivista Lucana" di Decio Albini nel febbraio del 1894). 
Antonio Busciolano o Busciolani nacque a Potenza, il 15 gennaio del 1823, figlio del contadino Nicola Felice e di Anna Brienza. Da bambino era spesso in competizione con il fratello minore Michele nella realizzazione, per gioco, di statuine in creta dei Santi. Dopo la prematura morte del padre a 12 anni, grazie ad un sussidio concesso da D. Mauro Amati fu inviato a Napoli a studiare, seguito di lì a poco dalla madre e dal fratello. 


Don Mauro nel 1834 aveva introdotto la bietola da zucchero per l'ingrasso dei suini tra le coltivazioni dei terreni che teneva in fitto nei dintorni del capoluogo lucano (per ducati quattrocentottanta lordi annui) e di proprietà del Monastero di S. Francesco degli _Scaroni in Napoli. (cfr. Collezione delle leggi e de' decreti reali nel Regno delle Due Sicilie, anno 1836). Per interessamento dello stesso D. Mauro il Busciolano fu ammesso nel Reale Istituto di Belle Arti, presso la scuola di scultura. 


Qui seguì con profitto le lezioni di Tito Angelini che ben presto riconobbe il grande talento del giovane potentino. Tra le prime opere di Busciolano una medaglia con "San Giovannino dormiente" che presentò all'Esposizione napoletana del 1843 e donata al suo protettore il quale intervenne anche perché il re Ferdinando II concedesse un sussidio di 15 ducati mensili per il suo sostentamento presso l'Accademia a Roma. Tornato a Napoli nel 1850 sposò Luisa di Leone, figlia di un oste dalla quale ebbe quattro figli. 


Collezionista di archeologia enotria e magnogreca D.Mauro Amati ebbe una forte influenza nella formazione del Busciolano. Scrisse padre Vincenzo Federico Pogwisch, minore conventuale con la passione per l'archeologia in un rapporto al filologo ed epigrafista tedesco Wilhelm Henzen nel 1853. 


"Passando nell'agosto scorso per Potenza, capitale della Basilicata, ebbi occasione di ammirare una vasta collezione di antichità, principalmente di vasi dipinti, raccolta in quella provincia per le cure di D.Mauro Amati" (in Bullettino dell'Instituto di corrispondenza archeologica per l'anno 1853, pei tipi di Gaetano A. Bertinelli, Roma). 
Negli anni seguenti Busciolano modellerà due rilievi in gesso "Liberazione di San Pietro" e "Gesù e i fanciulli" presentati all'Esposizione napoletana del 1851. Su quei modelli più tardi realizzerà due statue in marmo donate alla famiglia Amati per il sepolcro del suo protettore a Potenza. 


Negli anni a cavallo tra Regno delle Due Sicilie e Regno d'Italia realizzerà la sua produzione più importante e più nota, a cominciare dal Gesù Nuovo di Napoli dove si trova la tomba (cenotafio) del principe di Venosa, il madrigalista Carlo Gesualdo, sotto la grande cappella di Sant'Ignazio di Loyola con le statue di Davide e del profeta Geremia opere di Cosimo Fanzago. 


L'artista potentino dopo le opere nella Chiesa del Gesù Nuovo (sue sono anche un San Giovanni Evangelista e un'Addolorata) realizzò una nuova statua dell'Immacolata Concezione nella cappella del Palazzo Nuziante (una commissione avuta grazie a Domenico Morelli), il "Pier delle Vigne" nel chiostro detto "delle Statue" (poiché custodisce numerose statue dedicate a personaggi illustri legati alla città di Napoli) scolpite intorno al 1865 e collaborò alla esecuzione del Monumento di piazza dei Martiri (in particolare suo è uno dei leoni, il "leone morente" scolpiti e dedicato ai caduti delle rivoluzioni dal 1799 al 1860 anche se, in epoca borbonica, Ferdinando II all'origine pensò di intitolarlo "Madonna della pace"). 

Controversa l'attribuzione al Busciolano del monumento funebre a Rocco Beneventani di Sasso di Castalda mentre è certamente suo quello dedicato a Carlo Troya nel Cappellone dell'Altare maggiore della chiesa di San Severino e, soprattutto, il monumento a Mario Pagano. 


Al giurista e martire del 1799 Antonio Busciolano realizzò un busto in marmo grazie alla sottoscrizione pubblica per omaggiare una "gloria della Lucania per virtù, scienza e martirio" inaugurato il 14 marzo 1863 (oggi si trova nel nuova Palazzo di Giustizia di Potenza). 


Secondo alcuni critici il busto sarebbe però opera del fratello di Antonio, Michele Busciolano al quale è attribuito il Monumento funerario al cardinale Carafa e quello della famiglia d'Errico a Palazzo San Gervasio. Il Busciolano morì a Napoli il 10 agosto del 1871 e venne sepolto in una fossa comune nel cimitero di Poggioreale. 


Il fratello Michele (che era nato il 28 febbraio del 1825) frequentò anche lui la Regia scuola delle Belle Arti a Napoli dove rimase per alcuni anni. Tornò poi a Potenza dove rimase fino alla morte (l'8 aprile del 1894).


Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e