Passa ai contenuti principali

TRACCE di Roco Brancati: GIUSEPPE NICOLO' LEONARDO BIAGIO FORLENZA


(Picerno 3 febbraio 1757 - Parigi 22 luglio 1833) Il "Giornale del regno delle due Sicilie" nel n.1 di mercoledì 2 gennaio 1828 scrisse: "E' giunto in Napoli, proveniente da Parigi ove dimorava fin dalla sua prima gioventù, il nostro concittadino dottor Forlenza, chirurgo oculista di tutti gli ospedali, stabilimenti di beneficienza, e collegi reali di Francia. Noi abbiam veduta più di una memoria di questo valente professore intorno alle operazioni più ardue, ed alle più gravi malattie degli occhi..".

Sul "Diario di Roma" del 1828 vennero sottolineati "...i metodi più sinceri e più semplici di operare, e le pruove numerose ed irrefragabili del valore e della felicità dell'ingegno e della mano del dottor Forlenza...un elogio del Forlenza che venne universalmente applaudito". Fu uno dei primi ad operare la cataratta, quel processo di progressiva perdita di trasparenza del cristallino nell'occhio che comporta una diminuzione della vista. "Il signor Forlenza di Napoli, chirurgo oculista degli ospizj civili dell'impero francese, per fare l'operazione della pupilla artificiale incide due terzi della cornea trasparente come suole nell'estrazione della cateratta..." (Paolo Assalini, Ricerche sulle pupille artificiali, Stamperia Reale, Milano 1811). 
Giuseppe Nicolò Leonardo Biagio Forlenza nacque a Picerno il 3 febbraio del 1757 da Felice e Vita Pagano. Il bambino fu mandato a Ruoti presso gli zii Sebastiano e Gennaro. Qui apprese i primi rudimenti della medicina perché imparò dagli zii l'arte chirurgica praticando la professione di " barbiere" (i barbieri-chirurghi erano, fin dal medioevo, coloro che eseguivano salassi, suture e interventi di piccola chirurgia). Sempre a Ruoti frequentò la "scuola di catechismo" che, secondo il Racioppi, aveva il carattere di scuola elementare e che era stata fondata da figlio secondogenito del principe di Ruoti Francesco Capece Minutolo. Sia il padre che gli zii erano molto legati alla famiglia baronale perché esercitavano i mestieri di barbieri e flebotomisti di fiducia. Il bambino precoce e di ingegno vivace fu notato e aiutato dal principe Ferdinando Capece Minutolo che lo inviò a Napoli per proseguire gli studi. Nella capitale del Regno Forlenza acquisì un'ottima preparazione. Non pago seguì corsi di perfezionamento in Sicilia, a Malta e in alcune isole greche. Infine approdò in Francia dove ebbe come maestri Pierre-Joseph Desault, e Jean-Nicolas Corvisart Des Marets. 


A Parigi Joseph-Nicolas-Blaise Forlenze "chirurgien oculiste célèbre, naquit à Picerno, dans le royaume de Naples, au mois de mai 1751. A l'age de seize ans, il se rendit à Naples chez un oncle qui se chargea de son éducation. Il entreprit ensuite ses premiers voyages, passe en Sicile, à Malte et dan les Iles de la Grece. Son oncle l'envoya plus tard à Paris pour suivre les cours de Louis et de Desault.Ce dernier antomiste le regarda comme son éléve favori, et Forlenze devint son ami intime en s'associant à se travaux" (un famoso chirurgo oculista, nato a Picerno, nel regno di Napoli, nel maggio 1751. All'età di sedici anni, andò a Napoli da uno zio che si occupò della sua educazione. Ha poi intrapreso i suoi primi viaggi, andando in Sicilia, a Malta e alle isole della Grecia. Più tardi, lo zio lo mandò a Parigi per frequentare le classi di Louis e Desault, quest'ultimo che lo considerava il suo allievo preferito, e Forlenza divenne il suo amico intimo associandosi alle sue fatiche). [Biographie Universelle ancienne et moderne, chez madame c. deslaces, Paris 1856]. Cavaliere della legione d'onore, membro di diverse Accademie, chirurgo-oculista di tutti gli ospedali, collegi reali e istituzioni caritatevoli del regno di Francia, Giuseppe Biagio Forlenza divenne molto noto in tutta Europa. Nel 1799 divenne "medico oculista" nell'Ospedale Nazionale degli Invalidi e nell'Ospedale principale di Parigi. Durante la campagna di Napoleone in Egitto numerosissimi furono i soldati rientrati in patria per tracoma agli occhi definita "oftalmia egiziana o militare". Forlenza scrisse il 9 luglio del 1801: "ho fatto tutto ciò che mi è stato possibile, di mostrare loro la mia nuova maniera di operare e di trattare le malattie degli occhi; gli officiali della salute sono estremamente arretrati su questa branca dell'arte del guarire". La fama e la perizia dei Forlenza accrebbe durante tutto il periodo napoleonico. La sua opera proseguì anche dopo la caduta di Napoleone effettuò vari viaggi n tutta Europa dove veniva richiesta la sua perizia chirurgica. A Roma operò, tra gli altri, il cardinale Doria. Morì a Parigi il 22 luglio del 1833 colpito da apoplessia all'età di 76 anni. 

-------- 

Tra i primi biografi e ricercatori del Forlenza va ricordato Gerardo Salinardi che pubblicò "Da Picerno a Parigi. Giuseppe Nicolò Leonardo Biagio Forlenza (Chirurgo oculista 1757-1833) edito nel 1980 a cura dell'amministrazione comunale di PIcerno e della Comunità Montana del Melandro

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e