EMOZIONI di Gianni Donaudi: Poesie


LUISA ( sangue pazzo )

Di te parla molto il cinema in questi giorni...
Successo & carriera tra bianchi apparecchi/ telecomunicanti...
Facesti la tua scelta estrema col tuo compagno/ tenente di vascello per l' occasione/ nello stesso momento in cui tutti fuggivano...

" Ma l' amore no..." / " Non dimenticar le mie parole..." / " Le donne non ci vogliono più bene..." / " Signore fa della Tua croce un ' insegna..."

Scelta oscura con storie di cocaina, orge e sessualità estrema.../ Di certo non fosti una santa e di te/ ne dissero di tutti i colori.

Ma un merito c' è a tuo vantaggio :
essere rimasta (nel bene e nel male) / vicina al tuo compagno/ fino alla botta finale.

Diva scappata da Roma/ passata per la Laguna e abbattuta a Milano...

E oggi persino Il Manifesto ti ricorda/ tramite un tuo ex subalterno/ e oggi compagno
che allora c' era...


Giulio AICARDI ( Torino 2007 )

oooooooooooooooooooooooooooooo


MATERIA

Sbatteva, sbatteva/ come un forsennato / pareva impazzito/ voleva uscire da quella stretta e oppressiva situazione.
Ma proprio per questo/ che a sua volta opprimeva e tormentava il malcapitato.
Fu all' improvviso, allora, che due stressate, esasperate e sudate dita/ mlo strinsero premendolo e faticosamente schiacciandolo/ fino a provocarne la fatale esplosione.
Libero, finalmente libero/ di andarsi a schiantare sullo specchio del bagno/ verniciandolo tutto di giallo- verdino.
E per l' ascesso non ci fu più nulla da fare.
Di lui non si parlò più...

Anonimo


000000000000000000000000000000


OMBRE

Ombre danzanti/ tra sogni confusi, / notte stregata/ da mille illusioni.
Ansie e respiri/ galleggian nel buio/ che rafforza intuizioni/ e contiene presagi.
Lampi di luce/ tra sospiri di stelle/ illuminano i pensieri/ che la notte cela
tra ombre cangianti.

Norma BERTRALMIO( Lusernetta - TO ) -

oooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo


VOGLIONO CACCIARCI SOTTO

Mettono cancelli dappertutto
Piantano pali massicci/ alzano grossi muri, / garitte & guardiani/ a ogni angolo.
Vogliono cacciarci sotto, dentro/ sempre più sotto/ sempre più dentro.
Ma non sanno, non sanno/ - è loro sfuggito- che il sole/ vive proprio qua da noi.
Respira con noi/ tra queste paurose lastre/ di cemento & acciaio/ dietro queste mostruose ciminiere.
Non sanno, non sanno/ delle nostre conversazioni silenziose/ col sole/ ogni mattina, / del nostro grande progetto di lotta,
di vita.

Ferruccio BRUGNARO ( Spinea - VE - ) -


oooooooooooooooooooooooooooooo

GOCCIE DI RUGIADA

La rosa rossa/ davanti alla finestra/ ha goccie di rugiada/ che sono come occhi/ che s' innalzano a poco a poco/ in bella speranza/ come la sete di cristallo/ o come sogni/ che si aprono uno dopo l' altro.

Choi LAI SHEUNG ( Hong Kong ) -
Traduzione di Amerigo IANNACONE 


oooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

NON SARO'

No, non sarò la tua Penelope
Intenta alla tela/ da fare e disfare
Nell' interminabile attesa/ del tuo ritorno.
Preferisco ammaliarti/ Come Calipso nell' antro profondo
Inebriò Ulisse delle sue grazie, / O stregarti col mio canto come le Sirene.
O, come Circe la maga/ Sedurti con i miei incantesimi.
Eppure, nel mio tramonto/ mi piacerebbe camminare con te
Guardando all' infinito.

Gabriella DI LUZIO ( Napoli/ Roma - 1951/ 2016 )


oooooooooooooooooooooooooooooo

LA TUA VOCE

La tua voce delicata/ i tuoi innumerevoli impegni/ causanti stress/ e malanni, forse psicosomatici/ le tue cure naturali idroterapiche/ le tue costanti curiosità artistiche, / le tue ormai inutili/ passioni ideali.../ il tuo amore per i miagolii/ la tua molteplicità dei ruoli/ la moglie/ la mamma/ l' impiegata/ la ex(?) militante/ l' artista...( che altro ancora? ) , / non possono lasciarmi indifferente/ al solo ascoltare/ la tua voce/ i miei chakra palpitano....


Gianni DONAUDI( Torino/ Imperia )


oooooooooooooooooooooooooooooo


CANZONE DADA 1

Sotto la pioggia/ metalli corati artiglierie
Un dì liane folli/ non tornerà da zarda jarish/ lask er daa
Egli passa/ il cielo era carbonizzato
Il dio si era aperto le vene/ metalli accorati
Che ponte aereo/ si schianti
Le comete/ le comete e l' eclissi
Rovente
( il grande serpe Ea/ si srotola tra i sommergibili )
tam tapapapa/ glein daa

Julius EVOLA ( Roma, 1898/ 1974 )


oooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo


GELATOMANìA

Gelato, fottuto gelato/ quanti appuntamenti ritardati/ quanti bus & treni persi?
Sembra quasi la storia del marmocchio smorfioso/ a cui scappa da pisciare all' ultimo momento e manda tutto all' aria.
Gelato, fottuto gelato/ sciami, code, file di ebeti metropoliNani/ zombie$/ Kadaveri viventi/ nell' attesa di poter con te praticare/ l' inconscio freudiano sesso orale.
Gelato, fottuto gelato/ io ne faccio anche a meno/ non vado in crisi/ se sei assente/ o vai a schiantarti sul  muso di qualche deficiente.

K.


oooooooooooooooooooooooooooooo


LIQUIDATIONS

Ils se penchent de l' Oder/ des visages gourmands et pàles/ avec des yeux brillants/ qu' ils ràvent les rues de Berlin,/ ils flairent Wurstel uns Sauekraut/ fumants tout près en chaque vitrine/ qu' il ne craint pas des rideaux, / ils regardent affabulès à l' horizon/ ènclairé/ depui les nuits lunières de l' ouest.

Pedant ce temps una Dame grasse/ regrette les caresses laborieuses/ de mains teutoniques et pàles/ respectueuses dans le toucher,/ elle rève des invasions possibles/ de mains timides de droits/ et aveugles de diffèrends, / qu' ils aspirent aux des cors libres...

Francesco MANDRINO ( MO ) -


ooooooooooooooooooooooooooooooooo


ETRURIA

...e venne/ fino a questa terra, / venne a rinnovare/ a chi fuggì da ciò/ che sempre è, / le promesse del Sole; /ed evocava/ una storia lontana, / una bufera/ sempre più violenta, / la sfida/ alla gran tempesta/ ed il corvo/ che all' infinito vaga/ tra miraggi e lusinghe/ e l' ala leggera/ del Grande Arcobaleno; / venne naufrago/ da Antiche e Alate certezze/ e qui/ dodici città fondò :
Cielo e Terra/ A suoi testimoni, / il Fuoco/ tutta la sua vita/ qui/ su questa terra.

Giuliana MILONE ( Avellino )


oooooooooooooooooooooooooooooo


LA MORTE IN FEBBRAIO

La gente si uccide in febbraio/ ed i cimiteri si riempiono / di fiori invernali.
C'è un triste sogno/ freddo nel cuore ferito.
La morte, spontanea/ e melodiosa, si piega/ davanti all' avventura dell ' al di là...
Basta un istante/ e subito si placa tutto/ il patrimonio della sofferenza.
Le mie labbra hanno paura/ di dirlo, ma la morte/ è un trofeo/ liric amente dorato, è l' ultima invenzione dell' utopia.

TeresinKa PERREIRA ( Toledo/ Ohio/$.U.A. ) -


oooooooooooooooooooooooooooooooo


QUESTO CIELO

questo cielo! / che corre come/ fiume tra i tetti/ come nastro fra i capelli/ questo cielo che/ sgorga dall' infinito/ argento dell' orizzonte/ come fonte che ignora la sua sorgente/ sogno che non vuole/ morire/ pozza d' acqua e cantocatino/ di stelle!

Eugenia SERAFINI( Roma )






Meteo



Reportage fotografico eventi

Interviste Redazionali

Contro-Video

Basilicata Sport

Musica Live

Spettacoli e Teatro

Festival de Cinema di Venezia

Cultura

Sere d'Estate

Basilicata Inchieste

Vivi il Medioevo

Scuola

Sagra del Pecorino di Filiano

Basilicata Filmati inediti

Eventi Filiano

Eventi Lavello

Eventi Rapone

Eventi Rionero in Vulture

Venosa

Brienza

Eventi Potenza

Eventi Rapolla

Eventi Melfi

Eventi Barile

Eventi Vaglio Basilicata

Monticchio

Ripacandida

Atella

Acerenza

Palazzo San Gervasio

San Mauro Forte

Maschito

Ginestra

Pescopagano

Forenza

Altri Comuni della Basilicata

Live ClassicRock

Live ClassicRock

Etichette

Mostra di più
SIDERURGIKATV Testata giornalista Registrata al Tribunale di Potenza. num. Reg. Stampa 470