EMOZIONI di Gianni Donaudi: Poesie


LUISA ( sangue pazzo )

Di te parla molto il cinema in questi giorni...
Successo & carriera tra bianchi apparecchi/ telecomunicanti...
Facesti la tua scelta estrema col tuo compagno/ tenente di vascello per l' occasione/ nello stesso momento in cui tutti fuggivano...

" Ma l' amore no..." / " Non dimenticar le mie parole..." / " Le donne non ci vogliono più bene..." / " Signore fa della Tua croce un ' insegna..."

Scelta oscura con storie di cocaina, orge e sessualità estrema.../ Di certo non fosti una santa e di te/ ne dissero di tutti i colori.

Ma un merito c' è a tuo vantaggio :
essere rimasta (nel bene e nel male) / vicina al tuo compagno/ fino alla botta finale.

Diva scappata da Roma/ passata per la Laguna e abbattuta a Milano...

E oggi persino Il Manifesto ti ricorda/ tramite un tuo ex subalterno/ e oggi compagno
che allora c' era...


Giulio AICARDI ( Torino 2007 )

oooooooooooooooooooooooooooooo


MATERIA

Sbatteva, sbatteva/ come un forsennato / pareva impazzito/ voleva uscire da quella stretta e oppressiva situazione.
Ma proprio per questo/ che a sua volta opprimeva e tormentava il malcapitato.
Fu all' improvviso, allora, che due stressate, esasperate e sudate dita/ mlo strinsero premendolo e faticosamente schiacciandolo/ fino a provocarne la fatale esplosione.
Libero, finalmente libero/ di andarsi a schiantare sullo specchio del bagno/ verniciandolo tutto di giallo- verdino.
E per l' ascesso non ci fu più nulla da fare.
Di lui non si parlò più...

Anonimo


000000000000000000000000000000


OMBRE

Ombre danzanti/ tra sogni confusi, / notte stregata/ da mille illusioni.
Ansie e respiri/ galleggian nel buio/ che rafforza intuizioni/ e contiene presagi.
Lampi di luce/ tra sospiri di stelle/ illuminano i pensieri/ che la notte cela
tra ombre cangianti.

Norma BERTRALMIO( Lusernetta - TO ) -

oooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo


VOGLIONO CACCIARCI SOTTO

Mettono cancelli dappertutto
Piantano pali massicci/ alzano grossi muri, / garitte & guardiani/ a ogni angolo.
Vogliono cacciarci sotto, dentro/ sempre più sotto/ sempre più dentro.
Ma non sanno, non sanno/ - è loro sfuggito- che il sole/ vive proprio qua da noi.
Respira con noi/ tra queste paurose lastre/ di cemento & acciaio/ dietro queste mostruose ciminiere.
Non sanno, non sanno/ delle nostre conversazioni silenziose/ col sole/ ogni mattina, / del nostro grande progetto di lotta,
di vita.

Ferruccio BRUGNARO ( Spinea - VE - ) -


oooooooooooooooooooooooooooooo

GOCCIE DI RUGIADA

La rosa rossa/ davanti alla finestra/ ha goccie di rugiada/ che sono come occhi/ che s' innalzano a poco a poco/ in bella speranza/ come la sete di cristallo/ o come sogni/ che si aprono uno dopo l' altro.

Choi LAI SHEUNG ( Hong Kong ) -
Traduzione di Amerigo IANNACONE 


oooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

NON SARO'

No, non sarò la tua Penelope
Intenta alla tela/ da fare e disfare
Nell' interminabile attesa/ del tuo ritorno.
Preferisco ammaliarti/ Come Calipso nell' antro profondo
Inebriò Ulisse delle sue grazie, / O stregarti col mio canto come le Sirene.
O, come Circe la maga/ Sedurti con i miei incantesimi.
Eppure, nel mio tramonto/ mi piacerebbe camminare con te
Guardando all' infinito.

Gabriella DI LUZIO ( Napoli/ Roma - 1951/ 2016 )


oooooooooooooooooooooooooooooo

LA TUA VOCE

La tua voce delicata/ i tuoi innumerevoli impegni/ causanti stress/ e malanni, forse psicosomatici/ le tue cure naturali idroterapiche/ le tue costanti curiosità artistiche, / le tue ormai inutili/ passioni ideali.../ il tuo amore per i miagolii/ la tua molteplicità dei ruoli/ la moglie/ la mamma/ l' impiegata/ la ex(?) militante/ l' artista...( che altro ancora? ) , / non possono lasciarmi indifferente/ al solo ascoltare/ la tua voce/ i miei chakra palpitano....


Gianni DONAUDI( Torino/ Imperia )


oooooooooooooooooooooooooooooo


CANZONE DADA 1

Sotto la pioggia/ metalli corati artiglierie
Un dì liane folli/ non tornerà da zarda jarish/ lask er daa
Egli passa/ il cielo era carbonizzato
Il dio si era aperto le vene/ metalli accorati
Che ponte aereo/ si schianti
Le comete/ le comete e l' eclissi
Rovente
( il grande serpe Ea/ si srotola tra i sommergibili )
tam tapapapa/ glein daa

Julius EVOLA ( Roma, 1898/ 1974 )


oooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo


GELATOMANìA

Gelato, fottuto gelato/ quanti appuntamenti ritardati/ quanti bus & treni persi?
Sembra quasi la storia del marmocchio smorfioso/ a cui scappa da pisciare all' ultimo momento e manda tutto all' aria.
Gelato, fottuto gelato/ sciami, code, file di ebeti metropoliNani/ zombie$/ Kadaveri viventi/ nell' attesa di poter con te praticare/ l' inconscio freudiano sesso orale.
Gelato, fottuto gelato/ io ne faccio anche a meno/ non vado in crisi/ se sei assente/ o vai a schiantarti sul  muso di qualche deficiente.

K.


oooooooooooooooooooooooooooooo


LIQUIDATIONS

Ils se penchent de l' Oder/ des visages gourmands et pàles/ avec des yeux brillants/ qu' ils ràvent les rues de Berlin,/ ils flairent Wurstel uns Sauekraut/ fumants tout près en chaque vitrine/ qu' il ne craint pas des rideaux, / ils regardent affabulès à l' horizon/ ènclairé/ depui les nuits lunières de l' ouest.

Pedant ce temps una Dame grasse/ regrette les caresses laborieuses/ de mains teutoniques et pàles/ respectueuses dans le toucher,/ elle rève des invasions possibles/ de mains timides de droits/ et aveugles de diffèrends, / qu' ils aspirent aux des cors libres...

Francesco MANDRINO ( MO ) -


ooooooooooooooooooooooooooooooooo


ETRURIA

...e venne/ fino a questa terra, / venne a rinnovare/ a chi fuggì da ciò/ che sempre è, / le promesse del Sole; /ed evocava/ una storia lontana, / una bufera/ sempre più violenta, / la sfida/ alla gran tempesta/ ed il corvo/ che all' infinito vaga/ tra miraggi e lusinghe/ e l' ala leggera/ del Grande Arcobaleno; / venne naufrago/ da Antiche e Alate certezze/ e qui/ dodici città fondò :
Cielo e Terra/ A suoi testimoni, / il Fuoco/ tutta la sua vita/ qui/ su questa terra.

Giuliana MILONE ( Avellino )


oooooooooooooooooooooooooooooo


LA MORTE IN FEBBRAIO

La gente si uccide in febbraio/ ed i cimiteri si riempiono / di fiori invernali.
C'è un triste sogno/ freddo nel cuore ferito.
La morte, spontanea/ e melodiosa, si piega/ davanti all' avventura dell ' al di là...
Basta un istante/ e subito si placa tutto/ il patrimonio della sofferenza.
Le mie labbra hanno paura/ di dirlo, ma la morte/ è un trofeo/ liric amente dorato, è l' ultima invenzione dell' utopia.

TeresinKa PERREIRA ( Toledo/ Ohio/$.U.A. ) -


oooooooooooooooooooooooooooooooo


QUESTO CIELO

questo cielo! / che corre come/ fiume tra i tetti/ come nastro fra i capelli/ questo cielo che/ sgorga dall' infinito/ argento dell' orizzonte/ come fonte che ignora la sua sorgente/ sogno che non vuole/ morire/ pozza d' acqua e cantocatino/ di stelle!

Eugenia SERAFINI( Roma )




SIDERURGIKATV Testata giornalista Registrata al Tribunale di Potenza. num. Reg. Stampa 470