Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi: L'Italia è una democrazia matura?


Nella vita si è spesso portati a pensare che raggiungere la maturità significhi avere piena indipendenza nelle scelte, senza dover chiedere mai, come nel noto slogan. Soddisfare i bisogni con un proprio stipendio, decidere da soli quando rincasare, cosa mangiare, come vestirci, se e quanto risparmiare, spendere o indebitarci.

Non a caso, per anni il concetto di persona matura è corrisposto con l'adagio del “vado a vivere da solo”. Forse però ci sbagliamo e ce ne accorgiamo ora che la precarietà esistenziale impone a molti adulti, giudiziosi e responsabili, di rinunciare a questi abituali indicatori. In cosa consiste dunque il profondo concetto di maturità? In attesa che i sociologi dissipino la matassa, possiamo buttare sul tavolo un'ipotesi, anzi un sostantivo: consapevolezza. Sono maturo quando ho piena consapevolezza di cosa c'è alla base delle mie scelte, siano esse indipendenti o meno e quindi prendo la mia decisione, altrettanto consapevole delle conseguenze che essa avrà su di me e sugli altri. E' un grande gesto di onestà intellettuale, riconoscersi limitati nei propri poteri, eppure non rinunciare ad esercitarli tenendo conto del prima e del dopo. Al contrario è da incoscienti illudersi di poter fare quello che ci pare, perché le nostre azioni non subiscono condizionamenti e comunque non provocano esiti anche irreversibili. Questo ragionamento vale tanto per gli uomini, quanto per le loro comunità. Detto ciò è del tutto possibile che una società matura prenda scelte sbagliate o che, al contrario, una immatura segua una strada snaturata ma alla fine giusta. Sta a noi, o meglio al nostro inconscio, scegliere se poter sbagliare ragionando, o magari azzeccarla seppur agendo con sventatezza. Maturità è tuttavia anche decidere di non soccombere ad un'immobilismo figlio della consapevolezza, scegliendo di cambiare correndo dei ragionevoli rischi, ma senza gettarsi in imprevedibili azzardi.

Post popolari in questo blog

Galleria Fotografica: Lavello. Miss Miss In4missima (19 Settembre 2020)

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Schermi Riflessi: Addio a Walter Golia

Nella primavera del 2006 dopo un certosino lavoro di raccolta fondi (23 tra istituzioni pubbliche, 11 Comuni lucani, Regioni, Proloco, Comunità montane, Associazioni culturali, il CineClub De Sica-Cinit di Rionero, la famiglia Doino; qui e nel Limburg in Belgio, aziende, la Fiat Sata di Melfi...) il film si concretizza: siamo a Bella nella sala consiliare del Comune e stiamo provinando bambini in quantità per formare la classe di quinta elementare che vedremo spesso nel film nella parte lucana, sotto l'abile e amorosa cura del maestro, interpretato magistralmente da Ulderico Pesce. Abbiamo soprattutto da trovare piccoli interpreti per quattro ruoli sfaccettati, Armando, Egidio, Vito e Mario. Armando ed Egidio ci saranno in tutto il film, in Lucania e nel Limburg. Quello che mi fa tremare i polsi è trovare l'interprete di Armando, il figlio più giovane di Michele Acucella (Franco Nero) e di Vitina (Valeria Vaiano), che lo dovrà raggiungere in Belgio, a ricongiungers…