Contro-Video: Taranto, i volontari con le lampade per accompagnare le tartarughe appena nate


Una lampada rivestita da una pellicola rossa per attrarle verso il mare anziché finire sulla vicina litoranea salentina e rischiare di essere schiacciate dalle auto in transito. È quella utilizzata dagli operatori del Wwf di Policoro intervenuti per salvare le tartarughe Caretta caretta appena nate sulla spiaggia di Specchiarica, tra San Pietro in Bevagna e Torre Colimena (Taranto). Attratte dalla luce arancione indirizzata dal nido alla battigia, in 17 sono riuscite a raggiungere il mare. A loro si aggiungono le due sopravvissute della prima schiusa dei giorni scorsi. Erano finite sull'asfalto della strada seguendo la luce dei lampioni dell'illuminazione pubblica. In 34 sono morte schiacciate dalle auto. Da qui il metodo utilizzato, una volta individuato il nido, dagli operatori del Wwf Policoro, responsabile del progetto Euro Turtles per il Golfo di Taranto. "Sotto la sabbia potrebbero esserci ancora della uova - spiega il biologo marino Gianluca Cirelli - per questo continueremo a monitorare il nido nelle prossime ore" (Gino Martina)

Commenti