Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: L’autunno per noi, fra diluvi e alberi divelti


Sa di tempo che passa l’autunno, inesorabile, quasi insopportabile, malgrado la decisa tavolozza dei colori che offre alla vista, ineluttabile come il cielo quando decide di piovere. Emana una certa nostalgia, perché l’orologio del tempo si riannoda su se stesso e il crepuscolo si avvicenda e cede il passo ad un anno che fra non molto finirà. Un profumo di incenso e di vinaccia che sa di antico e di profano, un segno del nuovo che ancora attende, mentre ci adottano i versi del poeta lucano Giulio Stolfi che, ne “Il peso del cielo”, scrive: 
 I miei passi soltanto sono vivi / nel silenzio inquietante della notte aperta di colpo / in arene di biacca. / Vecchio vicolo amico / dalle macerie degli anni / per incanto riappari ma i tetti / sopportano a stento / il peso del cielo (...) non vedo i gerani le viole / la menta alle finestre (...) / Mi veglia un angelo affranto / ora che è liscia, affilata / la guancia della luna. ” 
E’ sempre la poesia a raccontarci l’avidità del tempo che vola su di noi, con un’invincibile frequenza, mentre ci tocca “sopravvivere a stento”. Eppure i sogni dell’adolescenza ci promettevano altro. Ci proiettavano oltre. Futuri incerti ma vivaci e talvolta estremi. Questo ci promettevamo. Mai avremmo pensato di delegare quel futuro a persone incaute, incolte, che fanno persino dell’ambiente un luogo di scontato malaffare. Non prende mai a costoro quel senso di crepuscolo che sappia guardare alla guancia della luna, non hanno angeli affranti a vegliare su di loro. Mai avremmo immaginato di demandare il divenire a sventati attori senza scena. La natura fa pagare ogni scempio che si commette contro. E’ passato anni fa alla Mostra di Venezia (2012, e mai uscito) un film straziante, “ La cinquième saison ” (La quinta stagione) di Woodworth e Brosens, registi fiamminghi, che nel grigio disegna un futuro nel quale le stagioni si ribellano all’uomo. Gli alberi caduti a migliaia nel nord-est e nelle grandi città sembrano corpi abbattuti in guerra. “ Il segreto del bosco vecchio ” diretto da Ermanno Olmi (a Venezia nel 1993, tratto dal romanzo di Dino Buzzati) ci riporta ad un senso mistico dell’amore verso la natura, verso gli alberi, ponti naturali fra terra e cielo. Malgrado tutto, anche in quest’autunno ci avvolgiamo nel languore di un tempo che passa, che odora di mosto, ma che può ancora essere nostro, che può ancora raccontarci e farci intravvedere luce nuova. In questa sequenza ingrigita di nebbia, pietosa benché romantica, si può uscire dalla “normalità eterna” imposta da un’egemonia senza volto. E’ l’autunno del nostro tempo a farci intravvedere bagliori di futuro, e le stagioni continueranno ad avvicendarsi. Salvarci dall’avvento della “quinta stagione” sia un imperativo; mentre Walt Witman pontifica “ Mi contraddico? Certo che mi contraddico ... Contengo moltitudini ”, cui fa eco dal lontano oriente “ La nostalgia è tempo che si è fermato; e il seme ha nostalgia del cielo, mai della terra ”. (Junichiro Kawasaki)

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: "Il Ritratto dell'Anima" di Carmen Piccirillo edito da Photo Travel Edition di Rionero

Il libro ‘’Il Ritratto dell’Anima’’, pubblicazione d’esordio dalla giovane e valente scrittrice rionerese Carmen Piccirillo, sta ottenendo negli ultimi tempi grande successo e ampia visibilità anche su scala nazionale. L’interessante libro redatto con grande competenza e professionalità dalla 29enne scrittrice di Rionero che alterna la passione per la scrittura a quella per il giornalismo, come ricordiamo, fu presentato con successo nel febbraio dello scorso anno 2020 presso la sala convegni della Biblioteca Comunale di Rionero sita nel suggestivo Palazzo Fortunato alla presenza di una folta ed attenta platea e con tante personalità di spicco dell’ambito della cultura locale. Un libro molto interessante che racchiude al suo interno 24 racconti monoepisodici che sottolineano svariati aspetti immaginativi e realistici come la fantasia, l’importanza di sognare e di perseguire un obiettivo oltre a mettere in risalto alcuni aspetti importanti della personalità dell’autrice come sensibilità,

📰 Riflessioni di Carmen Piccirillo: IL TEMPO LIBERO DEI RAGAZZI: USARLO NEL MIGLIOR MODO E’ POSSIBILE...

Uno dei problemi principali delle nuove generazioni è la gestione del tempo libero: spesso, il tempo in cui i giovani non sono impiegati nelle svariate attività scolastiche o di studio individuale, è utilizzato in maniera disfunzionale. Un esempio è la modalità relativa al costante attaccamento ai dispositivi elettronici: lo smartphone, il computer, con i quali si cade ciclicamente in uno spasmodico uso dei social network, che, senza dubbio, sono un buon mezzo di interattività, di incontro, di crescita tra persone -soprattutto in un momento così delicato per il mondo intero a causa delle pandemia da covid-19 e delle restrizioni conseguenti, che hanno provocato una mancata possibilità di aggregazioni sociali partecipate- ma se utilizzati in maniera scorretta ed eccessiva, divengono una vera e propria dipendenza patologica che crea non pochi disagi psicofisici, per non parlare delle alterazioni anatomiche come i problemi alla vista che sono in costante aumento. Diminuiscono prog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Iran, somiglianza delle festività e dei costumi italiani

Il regista e scrittore Mohammad Ghane Fard, componente della Associazione produttori documentali dell’Iran, ci ha scritto il messaggio che segue, per augurare Buona Pasqua in segno di fratellanza fra popoli di cultura diversa.    La somiglianza delle festività e dei costumi italiani con le ricorrenze religiose e antiche degli iraniani è molto interessante. Oggi era l'ultimo giorno delle vacanze di Capodanno in Iran, noto come Giornata della Natura. La gente va in montagna, pianura e foresta e prega Dio. Si chiede di liberare dai mali e du soddisfare i loro desideri. Il cibo che mangiano in questo giorno è la zuppa di verdure. Pochi giorni fa, 5 giorni fa, era il compleanno di Mahdi, che gli Sciiti credono sia il compleanno del Salvatore per il suo ritorno con Cristo... Questi giorni fortunati sono di buon auspicio per la salvezza dell'umanità.