L'Opinione di Marco Lombardi: Italiani razzisti. Ipocrita chi si indigna


Non c'è nemmeno più stupore per come certi episodi di razzismo ci colgano sorpresi, talvolta pure indignati, si dice, a causa di pochi imbecilli che disonorano tanta brava gente. C'è rabbia verso tanta ipocrisia, perché solo un ipocrita nega che, in Italia, l'offesa legata alla razza, all'etnia, all'origine territoriale, sia la regola e non l'eccezione. Neppure un mese fa una giornalista americana di colore, si è sfogata per le tante allusioni razziali subite nei suoi mesi di inviata in una città aperta come Firenze. Oggi è un calciatore. Di loro si parla in quanto personaggi capaci di dar risalto pubblico al loro livore, ma quanti senza voce subiscono in silenzio? 

Commenti