Appuntamenti in Primo Piano: BRINDISI MONTAGNA “CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA” PER UN GIORNO


Brindisi Montagna, piccolo borgo lucano, conosciuto per essere il paese che ha dato vita al primo grande attrattore lucano, il Parco della Grancia e il cinespettacolo “La Storia Bandita”, e culla del medioevo con le Giornate Medioevali giunte alla ventesima edizione nel 2018 con l'inaugurazione del ritrovato Castello Fittipaldi Antinori simbolo della comunità, si appresta a vivere due giorni ricchi di iniziative, l’11 e il 12 maggio nell’ambito del progetto “Capitale europea della cultura per un giorno” coprodotto dal Comune di Brindisi e dalla Fondazione Matera Basilicata 2019. In particolare domenica verrà presentato il musical "San Nicola e le tre fanciulle", scritto, musicato e diretto dal regista potentino Rocco Messina. Lo spettacolo vuole diventare un nuovo attrattore per Brindisi Montagna ed essere nuova meta per gli appassionati di quel turismo religioso sempre più in crescita anche nella nostra Regione. Un evento corale, dove i nove cantanti e gli otto elementi del corpo di ballo si esibiranno dal vivo, mettendo in luce una delle gesta più famose del santo. Siamo a Patara, in Turchia, nel 291 d.C. Tre giovani sorelle, figlie di un uomo povero e indebitato, sono costrette a prostituirsi per racimolare dei soldi necessari alla dote nuziale e alla propria sopravvivenza. Un destino beffardo che viene ribaltato da Nicola, giovane e generoso ereditiere, che di notte, senza farsi scoprire riempirà le stanze delle fanciulle di sacchi d'oro. Un Babbo Natale ante litteram, capace di ribaltare una situazione compromessa e di trasformare una premessa tragica nel più classico lieto fine, per un messaggio di speranza e di giustizia che è il lascito più importante del santo. Nel corso della due giorni di “Capitale europea della cultura per un giorno” sarà possibile gratuitamente visitare il castello Fittipaldi Antinori inserito nella XXI edizione della Giornata Nazionale dei Castelli aperti curata dall'Istituto Italiano dei Castelli.

Commenti