Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi: Fiat Lux... ma la bolletta chi la paga?

Un Fra Dolcino dei nostri tempi, con residenza in Vaticano, il che è già un ossimoro, violando le leggi dello Stato ha portato luce in un condominio occupato lasciato al buio dalla compagnia elettrica.
Staccare le utenze ai morosi è un precetto introdotto dal Governo Monti, non allacciarle agli occupanti abusivi invece è un parto di quello Renzi, ma non si ricordano prelati immolatisi in segno di protesta, né tantomeno prese di posizione nelle alte sfere vaticane. Come dire che forse, in questo gesto di indubbia umana compassione, per altro non inedito per il suddetto rappresentante papale, ad essere maliziosi, c'entra un poco anche il colore politico del Comune di Roma, nonché di Palazzo Chigi. Tuttavia il bene e il male non hanno colore, sono così in quanto tali e che i poveri non possano godere delle condizioni minime di sussistenza date dall'elettricità è senza dubbio malvagio.
E' anche vero che, bambini e famiglie a parte, l'immobile in questione non è solo occupato da indigenti, ma pare addirittura gestito da un'associazione che via ha allestito centri di aggregazione e addirittura una sala prove. Tutto molto bello, certo, ma con trecentomila euro di bollette non pagate, forse, si poteva pensare meno alla poesia e più alla prosa, che prevede anche di saldare i debiti, o almeno, coniugando le due cose, provare a farlo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Schermi Riflessi: Intervento del Vescovo Diocesi di Melfi mons. Ciro Fanelli sull’importanza del Cinema

“Eccellenza, Le saremmo grati se potesse scrivere pochi righi sulla importanza del Cinema nella conoscenza di tematiche importanti come quelle trattate nella Mostra “Effetto Notte. Il cinema dei diritti negati” Un caro saluto. Armando Lostaglio” E’ quanto abbiamo chiesto a mons. CIRO FANELLI, Vescovo della Diocesi di Melfi Rapolla Venosa, intervenuto con un suo elevato dialogo alla proiezione del film dei Fratelli Dardenne “L’età giovane”, uno dei 4 film della Mostra “Effetto Notte. Il cinema dei diritti negati, promossa da ARCI, CineClub V. DE SICA – Cinit e Parrocchia SS. Sacramento, nell’ambito della Estate Rionerese sostenuta dal Comune con la ProLoco. Ecco il suo intervento: Il Cinema: uno strumento per una chiarificazione dell’esistenza La persona cresce nella sua umanità nella misura in cui si approccia alla realtà con la sua intelligenza (la ragione) e con la sua sensibilità (il cuore): ragione ed emozioni sono le grandi luci con le quali e…

Reportage Fotografici. Venosa. Premiazione Concorso Lettearrio "Engel Von Bergeiche (23 Agosto 2020)