Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: NANDO IRENE, KABIR BEDI E ANTONIO CABRINI I PROTAGONISTI AL“LE GIORNATE DEL CINEMA LUCANO” A MARATEA


“Mi piacerebbe interpretare personaggi realmente esistiti”. Lo ha confessato ieri Gabriel Garko il protagonista della terza delle “Giornate del cinema lucano a Maratea – Premio Internazionale Basilicata” in corso nella “perla del Tirreno", all'interno del parco dell'hotel Santavenere. L’attore ed ex modello, acclamato da numerose ammiratrici, ha parlato dell’amore per il suo lavoro e di come si è avvicinato al cinema e alla fiction.


Oltre a Garko sono saliti sul palco il produttore Maurizio Momi, Roberto Cerè, uno dei 'life coach' più influenti a livello internazionale, e Jenny De Nucci, attrice, influencer, considerata una star del web, in quanto seguita da milioni di fan. Grande successo anche per la proiezione de “La vedovella” commedia girata nel 1964 a Maratea accompagnati dai ricordi del set visto da bambino del sindaco Daniel Stoppelli e dal curatore del recupero del film Luciano Cuomo. Molto apprezzato il “Cantiere Lucano” in particolare modo il progetto “Indovina chi viene a pranzo” nato in una scuola di Marsicovetere da un’idea di Antonella Marinelli e reso possibile dal gruppo di Jacopo Fo. 

Ricco programma anche nella sezione curata dalla Lucana Film Commission che e’ presentata da Eva Immediato e Paride Leporace. Sullo schermo “Desula” di Andrea Pecora vincitore del Moda Movie di Cosenza festival gemellato con “Le Giornate del cinema lucano di Maratea”, poi le storie forti di Lorenzo Puntoni “Acquario” prodotto dalla società lucana Mediterraneo di Angelo Troiano e Ciccio Lattarulo e Black Comedy di Luigi Pane e interpretato da Fortunato Cerlino che porterà un saluto al festival accompagnato dal giovane distributore lucano Dario Toma. 
 Spazio anche al progetto “Focus” realizzato a Pignola per la caparbia dell’assessore alla cultura Santarsiero e che verrà illustrato sul palco del Santa Venere dal direttore artistico Silvio Giordano, dal regista Giuseppe Marco Albano e dall’attore Fabio Pappacena. 

Poi règia di donne per “Con te o senza di te” di Angela Prudenzi realizzato con le scuole del territorio e l’intenso “La verità. Storie di un femminicidio” di Rosita Larocca dedicato ad un tragico episodio di cronaca avvenuto a Potenza. Torna nella sua Maratea il regista Marco Melluso che presenta la sua ultima opera “Il Conte magico” riuscito docufilm di promozione territoriale. Protagonista dello “Spazio Giovani”, curato da Janet De Nardis, Paolo Ruffini. 

A seguire Carolina Rey e Claudio Guerini intervistano il regista e sceneggiatore Terry George premio Oscar 2012 per il cortometraggio “The Shore” , i registi Giuseppe Stasi e Giancarlo Fontana, gli attori Nando Irene, Kabir Bedi e la produttrice cinematografica, Raffaella Leone. Sul palco salirà anche l’allenatore ed calciatore Antonio Cabrini.

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

IN PRIMO PIANO con Benny G.

IN PRIMO PIANO 15. Puntata.    BENNY G. è una cantante italiana (pugliese, di Santeramo in Colle -BA-) nata il 27 Settembre 2010. Già a soli 8 anni ha raggiunto notevoli successi musicali, merito del suo talento e della sua vivacità, che ha conquistato rapidamente lo scenario della musica neomelodica napoletana. Una giovanissima vocalist musicale sempre in continua crescita, che può contare già su diversi inediti di gran successo che hanno raggiunto consensi e apprezzamenti, oltre ai videoclip con milioni di visualizzazioni su YouTube, per una popolarità dimostrata dai suoi tantissimi estimatori e fans. Una piccola artista, una nuova stella nello scenario del genere, con una grande energia e passione per la musica, che rappresenta l'idea di un'innovazione nella forma più giovane e fresca. Una straordinaria collaborazione con diversi artisti della scena musicale nazionale, tra cui il fenomeno Daniele De Martino e la partecipazione a numerosissimi concerti e osp