Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Fiati festival Ferrandina: Gran finale con le street band e Music and Young People


Filippo Lattanzi, Italian Brass band e Olivier Hass le stelle di questa edizione

Sarà una grande festa della musica, la serata finale del Fiati Festival Ferrandina il 28 Luglio 2019 – 34° Raduno bandistico nazionale. Una full immersion nel mondo delle sette note che avvolgerà di nuove sonorità tutta la città, per l’intera giornata. Si parte dal chiostro del complesso monumentale di San Domenico che, alle ore 12, ospiterà la favola musicale di Derek Bourgeois “Bandaland” con la voce narrante di Luca Mazzone e il commento musicale dell’ Orchestra Fiati Giovanni XXIII Pianezza .


La festa continua nel pomeriggio: “Quartieri in musica” dalle 17.30, grazie alle incursioni musicali nei rioni Purgatorio, Piana di Santa Maria e Cappuccini di Sonora Junior Sax, Guarda che Banda, Amaseno Marching Band . Dalle 18, il colorato corteo musicale delle street band sfilerà da piazza De Gasperi fino a piazza Plebiscito, dove a turno le tre formazioni daranno vita a una coinvolgente performance Stop and go. Poi, alle 21, sarà la sfilata in corso da piazza Plebiscito fino a calata san Domenico ad annunciare il gran finale : il doppio concerto della Junior band Fiati Festival Ferrandina con la partecipazione speciale del Coro di voci bianche Anima Voice e “ Youth Wind Orchestra” Fiati Festival Ferrandina , diretta dal maestro Antonio Zizzamia . 

Saranno, insomma, le note dei musicisti di domani a salutare il pubblico del 34° Raduno bandistico nazionale e a dare appuntamento alla prossima edizione. Ma sarà difficile dimenticare le emozioni dispensate a piene mani dalle tante stelle che hanno illuminato il Fiati Festival Ferrandina 2019: Fillippo Lattanzi , percussionista e clinician internazionale, accompagnato per l’occasione da Francesco D'Aniello- percussioni, Anna Lisa Pisanu- flauto , Giovanni Astorino- violoncello , l’Italian Brass Band diretta da Filippo Cangiamila e Olivier Haas , maestro di eufonio di fama internazionale ed endorser Adams.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

IN PRIMO PIANO con Benny G.

IN PRIMO PIANO 15. Puntata.    BENNY G. è una cantante italiana (pugliese, di Santeramo in Colle -BA-) nata il 27 Settembre 2010. Già a soli 8 anni ha raggiunto notevoli successi musicali, merito del suo talento e della sua vivacità, che ha conquistato rapidamente lo scenario della musica neomelodica napoletana. Una giovanissima vocalist musicale sempre in continua crescita, che può contare già su diversi inediti di gran successo che hanno raggiunto consensi e apprezzamenti, oltre ai videoclip con milioni di visualizzazioni su YouTube, per una popolarità dimostrata dai suoi tantissimi estimatori e fans. Una piccola artista, una nuova stella nello scenario del genere, con una grande energia e passione per la musica, che rappresenta l'idea di un'innovazione nella forma più giovane e fresca. Una straordinaria collaborazione con diversi artisti della scena musicale nazionale, tra cui il fenomeno Daniele De Martino e la partecipazione a numerosissimi concerti e osp

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per