Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: La Biennale di Venezia / 76. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica I film restaurati di Venezia Classici / La regista Costanza Quatriglio Presidente della Giuria di studenti di cinema


Sarà la regista e sceneggiatrice Costanza Quatriglio (Sembra mio figlio, Terramatta, Con il fiato sospeso) a presiedere la Giuria di studenti di cinema che – per l’ottavo anno – assegnerà i PREMI VENEZIA CLASSICI per i rispettivi concorsi, MIGLIOR FILM RESTAURATO e MIGLIOR DOCUMENTARIO SUL CINEMA.

La 76. Mostra del Cinema di Venezia si terrà al Lido dal 28 agosto al 7 settembre 2019, diretta da Alberto Barbera e organizzata dalla Biennale presieduta da Paolo Baratta . Venezia Classici è la sezione che dal 2012 presenta alla Mostra in anteprima mondiale, con crescente successo, una selezione dei migliori restauri di film classici realizzati nel corso dell’ultimo anno da cineteche, istituzioni culturali e produzioni di tutto il mondo. 

Curata da Alberto Barbera con la collaborazione di Stefano Francia di Celle , Venezia Classici presenta inoltre una selezione di documentari sul cinema e i suoi autori. La Giuria presieduta da Costanza Quatriglio è composta da 22 studenti , ognuno indicato dai docenti dei diversi corsi di cinema delle università italiane, dei DAMS e della veneziana Ca’ Foscari. Tra i restauri di Venezia Classici , si vedranno ad esempio al Lido: Lo sceicco bianco di Federico Fellini , che ebbe la première alla Mostra di Venezia del 1952, oggi presentato in vista del centenario della nascita del regista nel 2020; un “doppio” Bernardo Bertolucci con La commare secca , esordio del regista alla Mostra del 1962, e Strategia del ragno , presentato alla Mostra del 1970; il sorprendente esordio di Giuliano Montaldo, Tiro al piccione , che ebbe la sua prima alla Mostra del 1961; un grande film da riscoprire prodotto dalla Rai, Maria Zef (1981) di Vittorio Cottafavi ; il capolavoro di Manoel de Oliveira, Francisca (1981); Out of the Blue (1980) di Dennis Hopper ; New York, New York (1977) di Martin Scorsese , in una nuova copia 35mm appositamente stampata per la Mostra in occasione del 100° anniversario della United Artists. 

 Al termine della proiezione di quest’ultimo film, seguirà una master class del celebre produttore Irvin Winkler ( Toro Scatenato; Quei bravi ragazzi; New York, New York, i cinque film della serie di Rocky ). 

Questo l’elenco completo dei restauri di Venezia Classici
selezionati per la
76. Mostra:
VENEZIA CLASSICI
THE INCREDIBLE SHRINKING MAN [RADIAZIONI BX: DISTRUZIONE
UOMO]
di
JACK ARNOLD
(USA, 1957, 81’, B/N)
restauro: Universal Pictures
LA COMMARE SECCA (THE GRIM REAPER)
di
BERNARDO BERTOLUCCI
(Italia, 1962, 92’, B/N)
restauro: CSC-Cineteca Nazionale in collaborazione con RTI-Mediaset
STRATEGIA DEL RAGNO (THE SPIDER'S STRATAGEM)
di
BERNARDO BERTOLUCCI
(Italia,1970, 110’, Colore)
restauro: Fondazione Cineteca di Bologna e Massimo Sordella in
collaborazione con Compass Film
ENSAYO DE UN CRIMEN (THE CRIMINAL LIFE OF ARCHIBALDO DE
LA CRUZ) [ESTASI DI UN DELITTO]
di
LUIS BU
Ñ
UEL
(Messico, 1955, 92’, B/N)
restauro: Cineteca Nacional México in collaborazione con Sindicato de
Trajadores de la Producción Cinematográfica
LE PASSAGE DU RHIN (THE CROSSING OF THE RHINE) [IL
PASSAGGIO DEL RENO]
di
ANDRÉ CAYATTE
(Francia, Germania, Italia, 1960, 125’, B/N)
restauro: Gaumont
MARIA ZEF
di
VITTORIO COTTAFAVI
(Italia, 1981, 122’, Colore)
restauro: Rai Teche in collaborazione con Cineteca del Friuli, Fuori Orario
(Rai3) e Museo Nazionale del Cinema di Torino
CRASH
di
DAVID CRONENBERG
(Canada, 1996, 100’, Colore)
restauro: Recorded Picture Company e Turbine Media Group (supervisione del
restauro di David Cronenberg e del direttore della fotografia Peter Suschitzky)
FRANCISCA
di
MANOEL DE OLIVEIRA
(Portogallo, 1981, 167’, Colore)
restauro: Cinemateca Portuguesa - Museu do Cinema
KHANEH SIAH AST (THE HOUSE IS BLACK)
di
FOROUGH FARROKHZAD
(Iran, 1962, 21’, B/N)

 estauro: Fondazione Cineteca di Bologna e Ecran Noir productions, in
collaborazione con Ebrahim Golestan. Con il sostegno di Genoma Films e
Mahrokh Eshaghian.
LO SCEICCO BIANCO (THE WHITE SHEIK)
di
FEDERICO FELLINI
(Italia, 1952, 86’, B/N)
restauro: Fondazione Cineteca di Bologna nell’ambito del progetto “Fellini
100” in collaborazione con RTI-Mediaset e Infinity
SODRÁSBAN (CURRENT) [NELLA CORRENTE]
di
ISTVÁN GAÁL
(Ungheria, 1963, 85’, B/N)
restauro: Hungarian National Film Fund – Film Archive
TAPPE-HAYE MARLIK (
THE HILLS OF MARLIK)
di
EBRAHIM GOLESTAN
(Iran, 1964, 15’, Colore)
restauro: Ecran Noir productions e Fondazione Cineteca di Bologna in
collaborazione con Ebrahim Golestan
e il National Film Archive of Iran.
Con il
sostegno di Mahrokh Eshaghian e Genoma Films
LA MUERTE DE UN BURÒCRATA (DEATH OF A BUREAUCRAT) [LA
MORTE DI UN BUROCRATE]
di
TOMÁS GUTIÉRREZ ALEA
(Cuba, 1966
,
85’, B/N)
restauro: Academy of Motion Picture Arts and Sciences (Archive) e
Cinemateca de Cuba
OUT OF THE BLUE
di
DENNIS HOPPER
(Canada, USA, 1980, 94’, Colore)
restauro: Discovery Productions (John Alan Simon e Elizabeth Karr)
EXTASE (ECSTASY) [ESTASI]
di
GUSTAV MACHATÝ
(Cecoslovacchia, 1932, 87’, B/N)
restauro: Národní filmový archiv (Cineteca di Praga) con il sostegno di Milada
Kučerová e Eduard Kučera e la collaborazione di Film Servis Festival Karlovy
Vary
MAURI
di
MERATA MITA
(Nuova Zelanda, 1988, 100’, Colore)
restauro: New Zealand Film Commission
TIRO AL PICCIONE (PIGEON SHOOT)
di
GIULIANO MONTALDO
(Italia, 1961, 115’, B/N)
restauro:
CSC-Cineteca Nazionale in collaborazione con Surf Film
NEW YORK, NEW YORK
di
MARTIN SCORSESE
(USA, 1977, 163’, Colore)
Nuova copia 35mm realizzata da Metro Goldwyn Mayer (MGM), in occasione
del 100° anniversario della United Artists

KALINA KRASNAYA
(THE RED SNOWBALL TREE) [VIBURNO ROSSO]
di
VASILIY SHUKSHIN
(URSS, 1973, 107’, Colore)
restauro: Mosfilm Cinema Concern (produttore del restauro Karen
Shakhnazarov)
WAY OF A GAUCHO [IL GRANDE GAUCHO]
di
JACQUES TOURNEUR
(USA, 1952, 91’, Colore )
restauro: Twentieth Century Fox e The Film Foundation
A completamento della sezione Venezia Classici, verrà presentata una selezione di documentari sul cinema e i suoi autori. L’elenco completo della sezione sarà reso noto nel corso della conferenza stampa di presentazione del programma della Mostra di Venezia, che si terrà a Roma  giovedì 25 luglio alle ore 11.00 (Cinema Moderno).
Costanza Quatriglio – Nota biografica
Costanza Quatriglio (Palermo, 1973) è regista, sceneggiatrice e direttrice artistica della sede Sicilia del Centro Sperimentale di Cinematografia dedicata al cinema documentario. Ha esordito con il pluripremiato
L’isola, presentato alla 56° Quinzaine des Réalisateurs al Festival di Cannes nel 2003. Nello stesso anno il making of Racconti per L’isola è stato invitato alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia nella sezione Nuovi Territori. Due volte Nastro d’Argento per il miglior documentario: con Terramatta nel 2013 e Triangle nel 2015. Tra i suoi documentari presentati nei più importanti festival internazionali e vincitori di numerosi premi:
Écosaimale?
(2000),
Il bambino Gioacchino
(2000),
La borsa di Hélène
(2000),
L’insonnia di Devi
(2001),
Raìz
(2004),
Il mondo addosso
(2006),
Il mio cuore
umano
(2009),
Terramatta
(2012),
Con il fiato sospeso
(2013),
Triangle
(2014),
87 ore
(2015). Nel 2018 al Festival di Locarno
ha presentato il film
Sembra mio figlio

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e