Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: L’ho chiesto alle stelle Chiacchierata letteraria e reading


Venerdì 19 luglio ore 19.00 Corso Cavour 46, 
Ruvo di Puglia, Libreria L'Agorà 

Nelll’ambito della rassegna culturale estiva Immaginari – scene d’estate 2019 del Comune di Ruvo di Puglia, In folio incontra la scrittura di Barbara Buttiglione. Poetessa e scrittrice bitontina d’adozione. Esperta di letteratura inglese e appassionata di letteratura giapponese che trovano sintesi in L’ho chiesto alle stelle edito da L’Erudita. L’amore nell’Inghilterra di fine ‘800. Una coinvolgente e emozionante storia d’amore nello scenario della Londra vittoriana. Protagonista Mizuko, la figlia dell’acqua, una giovane geisha dai tratti esili e eleganti, che un giorno arriva alla prestigiosa casa di appuntamento di Madame La Fleur chiedendo ospitalità. La vita di Mizuko presto si intreccia con le vite del capitano Andrew Fairchild e del colonnello Victor Worthington, due uomini uniti da fraterna amicizia e divisi dall’amore per la giovane donna venuta dall’estremo oriente. Scritta con stile elegante e sensuale, dal tratto fluido e gradevole, L’ho chiesto alle stelle è una appassionata storia d’amore che si dipana nello scenario della società maschile e del modo di vivere la dimensione del piacere nell’epoca vittoriana che incontra la cultura nipponica e le sue tradizioni, facendo da contrappunto alla prima. Si intrecciano due culture profondamente diverse che tessono fili e dialogano tra loro. Barbara Buttiglione descrive con abilità le trame emotive e i sentimenti di uomini e donne così diversi tra loro per esperienze di vita e luoghi di provenienza e con attenta perizia dà pari evidenza alle dimensioni narrative femminili e maschili nell’articolarsi della storia senza trascurare una buona dose di ironia lungo tutto l’intreccio narrativo. In un’epoca di paura dello straniero, questa storia abbatte le barriere storiche e culturali perché l’amore nasce e r-esiste al di là di tutto. --

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018