Passa ai contenuti principali

MILANO-TARANTO 2019: 11 luglio, la quarta tappa da Tivoli a San Giovanni Rotondo

 Tanti amici, ristori eccellenti, la bellezza del Molise e l’arrivo nell’amata Puglia

La tappa 4 della Milano-Taranto 2019 è partita da Tivoli col cielo azzurro, il sole e una temperatura piacevolmente fresca. Arrivati a Ferentino i centauri hanno trovato, in una Piazza Matteotti gremita di curiosi, tutto lo staff del Moto Club cittadino schierato con la divisa di ordinanza e capitanato da Massimo Datti, storico amico della manifestazione. Un’accoglienza davvero speciale dunque: le Poste hanno emesso addirittura un annullo speciale in ricordo di questo passaggio della Mita nel Comune laziale. I ringraziamenti dello staff sono andati in particolare al sindaco Antonio Pompeo e alla Bcc di Roma.


Di nuovo in sella, i “tarantini” sono passati dal Lazio al Molise percorrendo tanti chilometri tra i boschi e le montagne. A Cerro al Volturno c’era grande attesa e i preparativi fervevano ormai da giorni. A fare gli onori di casa il vulcanico Giancarlo Valente, assicuratore isernino e storico amico della Mita, con il sindaco Remo Di Ianni, Riccardo Rossi, presidente della Proloco e il Moto Club Falco. Il ristoro era un vero e proprio banchetto: pane e sottoli di produzione locale, parmigiana di melanzane, zuppa di zucchine e patate, il soffritto – piatto tipico cittadino – e molto altro ancora. 
La ripartenza è stata quindi a pancia strapiena, ma la seconda sosta molisana attendeva la Milano-Taranto che in questa edizione 2019 è tornata a Jelsi. L’accoglienza è stata ad opera di Davide Paolucci, presidente del Moto Club Bikers Jelsi, del Comune, della Proloco e del Comitato Festa del Grano. In Piazza Umberto I c’erano anche pizza a volontà e tanta frutta fresca, ideale per rifocillare i concorrenti dopo tante curve sotto il sole.
L’ultima sosta di giornata è stata a Torremaggiore dove il Vespa Club locale per l’occasione aveva preparato un delizioso piatto tipico: il “pancotto” a base di pane rigorosamente locale, patate, fave, verdure e ovviamente olio pugliese. Un altro “spuntino” niente male quindi per i tanti della carovana su moto d’epoca, ma chi partecipa alla Mita lo sa che si torna a casa sempre con tanti bellissimi ricordi e anche con qualche chilo in più. 
La quarta, lunghissima tappa si è conclusa con l’arrivo a San Giovanni Rotondo. La giornata è stata particolarmente impegnativa sia per i concorrenti che per i loro mezzi, ma a far sentire di meno la fatica è stata la bellezza del Molise, la scoperta del Tavoliere delle Puglie con il Gargano sullo sfondo e anche il clima inaspettatamente fresco e piacevole.
A rendere davvero speciale questa tappa sono stati inoltre gli incontri con tanti amici, vecchi e nuovi, e i ristori, tutti davvero eccezionali.
La giornata di domani sarà un po’ più semplice: da San Giovanni Rotondo a Bitonto, “solo“ 249 chilometri attendono i circa 200 equipaggi. 











Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo