Passa ai contenuti principali

MILANO-TARANTO 2019: 9 luglio, la seconda tappa da Vicenza a Firenze


Tra storia, sapori e motori, attraverso Veneto, Emilia Romagna e Toscana
Giorno due della Milano-Taranto 2019, sono le 8 in punto e si parte da Vicenza dove staff e concorrenti hanno dormito, dopo l’arrivo della prima tappa e la serata a Breganze. 


Il primo tratto è stato prevalentemente pianeggiante e piacevolmente rilassante, immersi nelle campagne venete. A Lendinara ad accogliere la Mita è stata la simpatia di sempre del presidente della Proloco Claudio Martello, presente in compagnia del sindaco Luigi Viaro che ha portato il saluto di tutta la città. Tanti i curiosi presenti in Piazza Risorgimento.
Dal Veneto si è arrivati in Emilia Romagna e al controllo orario di Sirano c’era Marzio Provini, figlio di Tarquinio Provini, con la moglie Maria Chiara. Tarquinio Provini è stato vincitore di ben due titoli nel motomondiale ed era anche un grande amico della Mita e di Franco Sabatini: ad attendere la maratona c’era anche la moto con cui il campione ha corso la Milano-Taranto nei primi anni novanta, insieme a un gran numero di gnocchi fritti e di ottimi salumi.
Sono passate da poco le 13 e la Mita si rimette in marcia giusto in tempo per sfuggire a un brutto temporale, ma i concorrenti in coda al gruppo sono stati comunque raggiunti dal maltempo. Alcuni si sono dovuti addirittura fermare per ripararsi da pioggia e grandine: Maria Rosaria, numero 116, si è distinta per coraggio e fermezza continuando a viaggiare anche sotto il diluvio finché ha potuto. 
Arrivati a Porretta Terme i “tarantini” hanno trovato un’accoglienza di tutto rispetto: c’erano il manifesto storico del passaggio del 1995, ma anche delle deliziose tigelle con farina di castagne Necci e la t-shirt dedicata alla Porretta-Castelluccio, rievocazione della storica cronoscalata la cui 23esima edizione si terrà i primi del prossimo mese di settembre. Il sindaco Giuseppe Nanni nel dare il benvenuto alla Mita ha sottolineato il legame del territorio con i motori e a questo proposito ha ringraziato l’associazione Auto Moto Storiche Bagni della Porretta per le tante iniziative che realizza con successo. L’ospitalità a Porretta Terme è stata quindi eccellente grazie proprio al club Auto Moto Storiche Bagni della Porretta, al Comune e alla Proloco, agli Alpini sezione di Porretta, al Consorzio Castanicoltori e al Comitato SOS Terme Alte. E poi a Porretta c’era un amico davvero speciale della Mita, Giorgio Serra detto Matitaccia, autore dei memorabili manifesti della Milano-Taranto: in tanti non si sono fatti sfuggire l’occasione di farsi autografare la t-shirt. 
L’ultimo tratto è stato di oltre 100 chilometri, ma che sono corsi via rapidamente grazie alla bellezza dei paesaggi dell’Appennino: i circa 200 equipaggi lo hanno attraversato partendo dalle colline del Mugello e arrivando fino a Firenze.
Durante la cena, nel Capoluogo toscano, un momento commovente è stato quello in ricordo dello storico “tarantino” Giacomo Nocent
Un altro giorno della Milano-Taranto 2019 è giunto quindi a conclusione. Ad attendere i centauri c’è ora la terza tappa che si annuncia anch’essa particolarmente tosta: da Firenze a Tivoli, attraverserà, Toscana, Umbria e Lazio, per più di 360 chilometri. 



Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e