Passa ai contenuti principali

MILANO-TARANTO 2019: La Mita è arrivata a Taranto

 13 Luglio 2019
Tante emozioni e l’arrivederci al 2020: l’edizione numero 34 sarà dal 5 al 12 luglio


 Dopo sei giorni e circa 1.900 chilometri, anche la Mita 2019 è arrivata al traguardo.
La partenza dell’ultima tappa di oggi è stata “comoda”, alle 9 da Bari: un po’ di riposo in più ci voleva dopo le levatacce dei giorni scorsi. Il percorso è stato scandito dalle soste classiche dell’ultima giornata e da un velo di malinconia per la consapevolezza che un’altra bellissima esperienza sta volgendo al termine. Allo stesso tempo però c’era anche l’entusiasmo di arrivare allo storico traguardo di Taranto, già attraversato ben 32 volte dalle moto d’epoca della Milano-Taranto.
Per la prima sosta c’era grande attesa, soprattutto per i più golosi. Castellana Grotte è infatti la città vincitrice del Miglior Ristoro delle ultime due edizioni e Beppe Palumbo, quest’anno anche lui in gara con una “Gloriosa” Gilera 150cc, non ha alcuna intenzione di cedere lo scettro: coadiuvato da Comune, Coldiretti, Banca Credito Cooperativo di Castellana e altre associazioni e aziende del territorio, ha mobilitato tutto l’Automotoclub Storico delle Grotte di cui è presidente. L’accoglienza non ha tradito le aspettative: davvero trionfale e resa ancor più piacevole dalla simpatia delle signore addette agli stand. 

E poi il buffet che ha superato addirittura quelli degli anni passati, con tantissime prelibatezze locali praticamente impossibili da elencare: non entravano neanche nella lavagna all’ingresso. A pance strapiene i “tarantini” hanno quindi salutato gli amici di Castellana con un “a risentirci” per la classifica dei ristori.
Ancora pochi chilometri e la Mita è arrivata nella splendida Martina Franca, tra ulivi e muretti a secco a delimitare le tortuose stradine di campagna. Qui ad attenderla c’era lo storico amico Arcangelo Conserva che a nome del Veteran Club Valle d’Itria ha premiato gli iscritti che sono in gara quest’anno e anche l’organizzazione. Ci sono stati anche dei momenti toccanti quando il padre, Giuseppe Conserva, ha ricordato la lunga amicizia con il patron della Milano-Taranto Franco Sabatini, rivelando che i due club “Veteran” sono stati fondati lo stesso anno. E ovviamente anche qui un ottimo ristoro a base di prodotti locali, frutta fresca e bibite ghiacciate, realizzato anche grazie alla fondamentale collaborazione con il Comune. 
 Altra ripartenza e ancora pochi chilometri in direzione del mare: la fermata successiva è stata nella Città Bianca di Ostuni, come lo scorso anno quindi, ma con una nuova location, un magnifico parco all’ombra di giganteschi pini. Ad accogliere la Mita il presidente del Vespa Club Ostuni, Giovanni Totero, insieme al sindaco Guglielmo Cavallo, che ha portato il saluto di tutta la città. E poi ragazze in costume tipico e con i tamburelli hanno realizzato per i centauri un piccolo spettacolo caratteristico della zona mentre il buffet era 100% locale: polpette, mozzarelle, primo sale e immancabili le friselle con il pomodoro. Le simpaticissime donne del Vespa Club Ostuni hanno anche distribuito dei graditissimi gadget a tema, poco prima della ripartenza.
 Intorno alle 13 l’arrivo ad un’altra tappa storica della Mita, Villa Castelli, e anche qui il buffet non ha deluso: ricchissimo e tipicissimo ha visto spiccare il purè di fave con i peperoni, le orecchiette e la parmigiana. Ad esaltare i sapori è stata poi la location d’eccezione: il buffet è stato allestito all’interno del palazzo comunale proprio nella piazza Municipio che staff e concorrenti conoscono ormai bene e alla quale sono particolarmente legati. Acclamatissimo è stato “l’eroe locale” Vito Ciracì che ha percorso quest’ultima tappa con la sua ammiratissima Guzzi Albatros. Ringraziamenti e un arrivederci ai rappresentanti del Comune e ai tanti amici castellani, poi la ripartenza, questa volta l’ultima del 2019.
 All’arrivo di Taranto l’accoglienza è stata organizzata dal Comune, rappresentato dal consigliere Carmen Galluzzo, da OPES Puglia con la cara amica della Mita Francesca Gatto e dall’amico Edmondo Motolese che si è davvero prodigato per realizzare tutto, in collaborazione anche col Bar Orchidea e ReviMoto Automobile Club di Taranto.
Per ogni mezzo che ha sfilato tagliando lo storico traguardo sul Lungomare Virgilio sono state grandi emozioni, abbracci, felicità, ringraziamenti, saluti. Per la carovana su moto d’epoca e i suoi protagonisti già sembra arrivare un po’ di nostalgia, come sempre accade al termine di un’avventura coinvolgente e bellissima. Ma per fortuna anche quest’anno è solo un arrivederci alla prossima edizione: quella 2020, la numero 34, sarà dal 5 al 12 luglio e qualcuno ha già iniziato il conto alla rovescia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Appuntamenti in Primo Piano: Premiazione concorso letterario nazionale a Venosa (PZ)

Domenica 23 agosto a partire dalle ore 17 nel rispetto delle normative covid (con ingressi regolamentati e solo su invito) a Venosa, nella magnifica cornice storica del castello ducale 'Pirro del Balzo', si svolgerà la cerimonia di premiazione del concorso letterario nazionale 'Engel Von Bergeiche', a cura dell'omonima Associazione artistico-letteraria. Una 9° edizione dal tema “Una goccia, per alleviar le pene di Mater Terra!”, con il patrocinio dell'amministrazione comunale e dedicata al poeta e scrittore Angelo Calderone, originario della ridente comunità del Vulture di Ruvo del Monte e autore apprezzato in Italia e all'estero con numerose coppe e targhe vinte in concorsi prestigiosi. Un modo significativo e di alto valore sociale per ricordare il conterraneo prematuramente scomparso nel 2011 che ha sempre con onore e piacevoli ricordi rispettato il valore e l'attaccamento per le sue origini in terra lucana. Il tema quest’anno ha come leitmotiv l’at…

Schermi Riflessi: Intervento del Vescovo Diocesi di Melfi mons. Ciro Fanelli sull’importanza del Cinema

“Eccellenza, Le saremmo grati se potesse scrivere pochi righi sulla importanza del Cinema nella conoscenza di tematiche importanti come quelle trattate nella Mostra “Effetto Notte. Il cinema dei diritti negati” Un caro saluto. Armando Lostaglio” E’ quanto abbiamo chiesto a mons. CIRO FANELLI, Vescovo della Diocesi di Melfi Rapolla Venosa, intervenuto con un suo elevato dialogo alla proiezione del film dei Fratelli Dardenne “L’età giovane”, uno dei 4 film della Mostra “Effetto Notte. Il cinema dei diritti negati, promossa da ARCI, CineClub V. DE SICA – Cinit e Parrocchia SS. Sacramento, nell’ambito della Estate Rionerese sostenuta dal Comune con la ProLoco. Ecco il suo intervento: Il Cinema: uno strumento per una chiarificazione dell’esistenza La persona cresce nella sua umanità nella misura in cui si approccia alla realtà con la sua intelligenza (la ragione) e con la sua sensibilità (il cuore): ragione ed emozioni sono le grandi luci con le quali e…