Passa ai contenuti principali

MILANO-TARANTO 2019: Mita prima tappa - Milano-Breganze

 7 / 8 luglio, la prima tappa da Milano a Breganze
 Tanti chilometri percorsi sia di notte che di giorno, tappa impegnativa ma appassionante  

Tanta attesa e anche un po’ di tensione, poi l’accendersi dei motori, colonna sonora di un viaggio che durerà sei giorni, e finalmente il via: è mezzanotte all’Idroscalo di Milano e la Mita parte per attraversare l’Italia e arrivare, il prossimo 13 luglio, a Taranto. Come da tradizione ad augurare buon viaggio ai circa 200 equipaggi c’erano il sindaco di Segrate, Paolo Micheli, Giacomo Casartelli, executive director di Eicma e la tv svizzera, per un servizio sui numerosi concorrenti arrivati dal Paese famoso per il cioccolato e gli orologi.

Trascorsi i primi chilometri, la maratona per moto d’epoca è arrivata a Crema. È notte fonda, ma nonostante questo ad attendere i centauri c’erano tanti amici del Moto Club Crema e tantissimi tortelli cremaschi, deliziosi, come lo scorso anno. Il ristoro, curato dall’associazione “Le Tavole Cremasche”, è stato quindi eccellente e gustosissimo. 
 La notte è proseguita e anche la Milano-Taranto che è arrivata a Lovere, sulla riva del Lago d’Iseo, dove ha trovato altri coraggiosi che non temono il sonno e le ore piccole: l’accoglienza è stata a cura del Moto Club Costa Volpino - con il presidente Giancarlo Carrara – e anche della B.Tras del “tarantino” Francesco Balosetti e di rappresentanti dell’amministrazione comunale.
Alzataccia invece per Franco Poli e Alessandro Trinco, rispettivamente presidente e vicepresidente del Moto Club Pippo Zanini che hanno atteso la Mita a Rovereto intorno alle 8 di mattina. L’associazione è nata nel 1953 in omaggio a Gianfilippo Zanini detto Pippo, giovane e promettente pilota Laverda che quell’anno, proprio mentre si preparava alla Milano–Taranto, ebbe un tragico e fatale incidente. Ad attendere i tarantini a Rovereto c’era anche un buffet tipico a base di ottimo strudel, di golose mele trentine, di salumi e della simpatia e dell’ospitalità dei tanti cittadini intervenuti insieme all’assessore comunale Mario Bortot. 
A San Giorgio di Perlena c’erano invece rappresentanti della Polisportiva locale e della Banca San Giorgio: a rendere l’accoglienza ancor più piacevole tanti prodotti locali, i gadget del Moto Club Breganze e un coloratissimo pubblico di bambini. Un ringraziamento particolare dalla Mita va a Timoteo Mauri, Fabrizio Zorzo, Denis Michelon e Stefano De Antono. 
All’arrivo a Breganze il primo caloroso abbraccio è stato per Gianni Salin, governatore dell'Accademia del Toresan, che ha coordinato un affollatissimo fine tappa organizzato anche con la collaborazione dell’amministrazione comunale e di tanti sponsor: una grande festa che è coincisa con il 70° anniversario dalla fondazione della casa costruttrice Laverda. Staff e concorrenti della Milano-Taranto sono stati ospiti dello stabilimento AGCO, ex sede Laverda, per una bellissima serata, con macchinari agricoli e moto Laverda come scenario e il direttore generale Bernd Hoffmann a fare da cicerone. 
Presenti anche i massimi rappresentanti del Moto Club Laverda Breganze: il presidente Davide Pauletto, il vicepresidente Dario Gasparoni e il segretario Maurizio De Boni. Alla serata ha partecipato anche Antonio Zin, classe 1925, pilota di una storica Milano-Taranto alla quale conquistò il terzo posto guidando una Laverda 75cc alla media di 92 km orari. Significativo il racconto di Piero Laverda: il padre, molto amico di Zin, lo chiamava per provare le moto e la richiesta era "vai e rompila".

Si conclude così la prima tappa della Milano-Taranto 2019 che si è rivelata impegnativa, ma anche appassionante: gli inevitabili piccoli intoppi tecnici non fermeranno quindi i “tarantini” che saranno certamente alla partenza di domattina.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo