Passa ai contenuti principali

Emozioni di Gianni Donaudi: RICORDI

Verso la fine degli anni ' 50 ero sui 12 anni e ricordo perfettamente gli allora diciotto/ ventenni di Imperia scimmiottare i " teddy boys " e i giovani  nordamericani in genere-

Pochi anni  prima il film " Gioventù bruciata " interpretato da James Dean aveva avuto un poderoso successo.

E fu così che anche da noi arrivarono gli scimmiottatori dei giovani d' oltre-Oceano, che già Alberto Sordi aveva portato sullo schermo in " Un americano a Roma " -

Ma se Albertone era stato considerato " mezzo- scemo" da suo padre, altrettanto tali non potevano considerarsi quei giovani, indossanti i primi " jeans " in quanto erano troppi( ma forse già allora si iniziava un rincretinimento della massa giovanile  che sarebbe arrivato sino ad oggi, naturalmente elevato al cubo rispetto ad allora ) -

Il principale punto di ritrovo di questi epigoni di Dean  era il Moka Bar sito sotto i portici di via Bonfante dalla parte un tempo denominata " dei poveri" e all' angolo con via Gianpietro Vieusseux , allora gestito dalla famiglia Muraglia e che dopo pochi anni sarebbe passato alla famiglia Damonte- Stenca .

Da qualche anno erano arrivati i primi " juke box " e questi ragazzi se ne stavano per lunghe ore ad ascoltare la musica con in mano il bicchierino di " wiscky and soda " .
I motivi preferiti erano quelli dei " Platters " ( sopra tutto la celeberrima " Only You " ) , ma questi avventori del locale ascoltavano spesso e volentieri la celebre canzone di Renato Carosone " Tu vuo fa l' americano " , che in realtà era proprio una satira a quelli come loro.
I quali però non avevano colto il messaggio e avevano interpretato la canzone quasi come un incitamento a continuare, appunto, " a fare gli americani" .

Tra questi " teddy boys " uno in particolare merita un aneddoto - Era costui soprannominato " Lancaster " , poiché egli si era messo in testa  di rassomigliare al grande divo di Hollywood ( anche se per la verità a me, che andavo spesso al cinema , non mi sembrava affatto ) .

"Lancaster" amava esibirsi di fronte al pubblico e non si sa come  riusciva a mangiare i bicchieri di vetro senza tagliarsi la bocca. Aveva doti di fachiro? Chissà...

Poco tempo dopo un altro giovane, in seguito noto come " Modugno " volle scimmiottare " Lancaster " ma dovette essere ricoverato d' urgenza al Pronto Soccorso del vecchio ospedale.....

Gianni Donaudi

Commenti

Post popolari in questo blog

Segnalazioni in Primo Pino: Un romanzo di fantascienza italiana nato tra Lombardia e Basilicata

Un ragazzo del Sud mette a frutto le sue qualità informatiche per creare un mondo migliore dopo la morte di suo fratello, l’ennesima morte bianca. Un libro di fantascienza italiana, nato tra Lombardia e Basilicata. Il quadro è Milano ed il suo hinterland, ma anche Gallarate che gravita come la Luna intorno al suo aeroporto internazionale di Malpensa, con i suoi mille voli giornalieri. Tutto parte al Sud, in terra lucana. Rocco “rappresenta” un po’ tutti i ragazzi buoni d’Italia: volenterosi, intelligenti e umili. Dopo la morte del fratello, a causa di un incidente sul lavoro, l’ennesima morte bianca , decide, ormai trent’enne, di riscriversi all’Università e dedicarsi allo studio dell’Intelligenza Artificiale . Finalmente potrà usare le sue innate qualità. Il progetto per lui è chiaro sin dall’inizio, ma quello che gli succederà andrà oltre quanto preventivato, portandolo ai bordi dell’Universo e prendendo contatto con una specie aliena, i SyborgX. Rocco non compi

Reportage. In questo momento nel mondo: Norvegia, Fiji, Scozia, Thailandia

Le migliori vignette sulla vittoria di Donald Trump alle elezioni Usa