Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Successo in Molise del Joe's Blues Festival


Presenze lucane del SIBC e del "De Sica" - Cinit 

Grandissimo successo per il Festival Blues di San Martino in Pensilis (Campobasso). Un successo ben oltre le aspettative per la nona edizione del Joe’s Blues Festival, la manifestazione dedicata a Lino Musacchio. Il centro storico del paese bassomolisano - dice Giancarlo Graziaplena, ideatore dell'evento, si è trasformato nella cittadella del blues, mostrando in modo inedito la caratteristica piazza del borgo. Il Blues, da sempre considerato genere di nicchia, attraverso le performance degli artisti che si sono esibiti nelle due serate, è stato capace di coinvolgere il pubblico in gran parte proveniente da fuori regione.

Un modo per far conoscere il nostro territorio e far apprezzare i prodotti tipici come il vino e la pampanella. “Il successo di un evento come il Joe’s Blues Festival è stato reso possibile grazie al lavoro degli organizzatori e dei giovani del posto che mai come quest’anno hanno partecipato alla realizzazione questa splendida manifestazione” dichiara il sindaco Giovanni Di Matteo. L’apertura del Festival, venerdì 2 Agosto, è stata affidata a Pasquale Aprile, accompagnato dalla sua band, seguito dal concerto della formazione pugliese Martino Palmisano e Complanare Blues Band. Presente nel cartellone della seconda serata anche il noto gruppo basso molisano Sound Zero e la formazione romana blues Three Steps. In conclusione, l’esibizione il 3 Agosto di Mike Sponza che vanta una carriera pluridecennale e collaborazioni internazionali, diventato l'esponente di punta di quello che potremmo definire blues europeo. La giornata conclusiva è stata impreziosita dal saluto istituzionale del presidente della regione Donato Toma, sostenitore della manifestazione e appassionato del genere blues. La serata si è conclusa a notte fonda con le Jam Session di musicisti locali per una sessione di musica live totalmente improvvisata. Sulla scorta della linea tracciata nelle scorse edizioni, il cartellone del festival non si è limitato ad i concerti musicali bensì sono state incluse molteplici attività connesse al Blues ed al mondo della musica. Diverse le iniziative che hanno caratterizzato la manifestazione: a partire dall’evento inaugurale CROSSROAD, con momenti di particolare interesse tra note Blues, gesti di condivisione e testimonianze sul mondo del lavoro e dell’integrazione e grazie alla collaborazione degli organizzatori del South Italy Blues Connection (SIBC) di Matera, la presentazione e proiezione del documentario di Armando Lostaglio “Cinema & Blues” con interventi dell’autore, presidente del CineClub De Sica - Cinit, con Donato Cordo e Rosario Claps del SIBC. Lostaglio ha dedicato alle Donne e il Blues quanto scritto dallo scrittore inglese Bruce Chatwin, esperto di viaggi e migrazioni: "solo le donne sapevano orientarsi, solo le donne riuscivano a condurre le canoe per mari e fiumi, anche senza rotta e senza stelle: perché a ogni colpo di remo corrispondeva un canto, e a ogni canto un luogo. Solo le donne erano in grado di ricordare lo spirito immaginario, di solfeggiare sulle onde. Se non conosci il canto, la metrica, il respiro giusto, non potrai mai esplorare il mondo, men che meno capirlo e governarlo... "

Commenti

Post popolari in questo blog

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Schermi Riflessi: Intervento del Vescovo Diocesi di Melfi mons. Ciro Fanelli sull’importanza del Cinema

“Eccellenza, Le saremmo grati se potesse scrivere pochi righi sulla importanza del Cinema nella conoscenza di tematiche importanti come quelle trattate nella Mostra “Effetto Notte. Il cinema dei diritti negati” Un caro saluto. Armando Lostaglio” E’ quanto abbiamo chiesto a mons. CIRO FANELLI, Vescovo della Diocesi di Melfi Rapolla Venosa, intervenuto con un suo elevato dialogo alla proiezione del film dei Fratelli Dardenne “L’età giovane”, uno dei 4 film della Mostra “Effetto Notte. Il cinema dei diritti negati, promossa da ARCI, CineClub V. DE SICA – Cinit e Parrocchia SS. Sacramento, nell’ambito della Estate Rionerese sostenuta dal Comune con la ProLoco. Ecco il suo intervento: Il Cinema: uno strumento per una chiarificazione dell’esistenza La persona cresce nella sua umanità nella misura in cui si approccia alla realtà con la sua intelligenza (la ragione) e con la sua sensibilità (il cuore): ragione ed emozioni sono le grandi luci con le quali e…

Reportage Fotografici. Venosa. Premiazione Concorso Lettearrio "Engel Von Bergeiche (23 Agosto 2020)