Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Successo in Molise del Joe's Blues Festival


Presenze lucane del SIBC e del "De Sica" - Cinit 

Grandissimo successo per il Festival Blues di San Martino in Pensilis (Campobasso). Un successo ben oltre le aspettative per la nona edizione del Joe’s Blues Festival, la manifestazione dedicata a Lino Musacchio. Il centro storico del paese bassomolisano - dice Giancarlo Graziaplena, ideatore dell'evento, si è trasformato nella cittadella del blues, mostrando in modo inedito la caratteristica piazza del borgo. Il Blues, da sempre considerato genere di nicchia, attraverso le performance degli artisti che si sono esibiti nelle due serate, è stato capace di coinvolgere il pubblico in gran parte proveniente da fuori regione.

Un modo per far conoscere il nostro territorio e far apprezzare i prodotti tipici come il vino e la pampanella. “Il successo di un evento come il Joe’s Blues Festival è stato reso possibile grazie al lavoro degli organizzatori e dei giovani del posto che mai come quest’anno hanno partecipato alla realizzazione questa splendida manifestazione” dichiara il sindaco Giovanni Di Matteo. L’apertura del Festival, venerdì 2 Agosto, è stata affidata a Pasquale Aprile, accompagnato dalla sua band, seguito dal concerto della formazione pugliese Martino Palmisano e Complanare Blues Band. Presente nel cartellone della seconda serata anche il noto gruppo basso molisano Sound Zero e la formazione romana blues Three Steps. In conclusione, l’esibizione il 3 Agosto di Mike Sponza che vanta una carriera pluridecennale e collaborazioni internazionali, diventato l'esponente di punta di quello che potremmo definire blues europeo. La giornata conclusiva è stata impreziosita dal saluto istituzionale del presidente della regione Donato Toma, sostenitore della manifestazione e appassionato del genere blues. La serata si è conclusa a notte fonda con le Jam Session di musicisti locali per una sessione di musica live totalmente improvvisata. Sulla scorta della linea tracciata nelle scorse edizioni, il cartellone del festival non si è limitato ad i concerti musicali bensì sono state incluse molteplici attività connesse al Blues ed al mondo della musica. Diverse le iniziative che hanno caratterizzato la manifestazione: a partire dall’evento inaugurale CROSSROAD, con momenti di particolare interesse tra note Blues, gesti di condivisione e testimonianze sul mondo del lavoro e dell’integrazione e grazie alla collaborazione degli organizzatori del South Italy Blues Connection (SIBC) di Matera, la presentazione e proiezione del documentario di Armando Lostaglio “Cinema & Blues” con interventi dell’autore, presidente del CineClub De Sica - Cinit, con Donato Cordo e Rosario Claps del SIBC. Lostaglio ha dedicato alle Donne e il Blues quanto scritto dallo scrittore inglese Bruce Chatwin, esperto di viaggi e migrazioni: "solo le donne sapevano orientarsi, solo le donne riuscivano a condurre le canoe per mari e fiumi, anche senza rotta e senza stelle: perché a ogni colpo di remo corrispondeva un canto, e a ogni canto un luogo. Solo le donne erano in grado di ricordare lo spirito immaginario, di solfeggiare sulle onde. Se non conosci il canto, la metrica, il respiro giusto, non potrai mai esplorare il mondo, men che meno capirlo e governarlo... "

Commenti

Post popolari in questo blog

Reportage. In questo momento nel mondo: Norvegia, Fiji, Scozia, Thailandia

Segnalazioni in Primo Pino: Un romanzo di fantascienza italiana nato tra Lombardia e Basilicata

Un ragazzo del Sud mette a frutto le sue qualità informatiche per creare un mondo migliore dopo la morte di suo fratello, l’ennesima morte bianca. Un libro di fantascienza italiana, nato tra Lombardia e Basilicata. Il quadro è Milano ed il suo hinterland, ma anche Gallarate che gravita come la Luna intorno al suo aeroporto internazionale di Malpensa, con i suoi mille voli giornalieri. Tutto parte al Sud, in terra lucana. Rocco “rappresenta” un po’ tutti i ragazzi buoni d’Italia: volenterosi, intelligenti e umili. Dopo la morte del fratello, a causa di un incidente sul lavoro, l’ennesima morte bianca , decide, ormai trent’enne, di riscriversi all’Università e dedicarsi allo studio dell’Intelligenza Artificiale . Finalmente potrà usare le sue innate qualità. Il progetto per lui è chiaro sin dall’inizio, ma quello che gli succederà andrà oltre quanto preventivato, portandolo ai bordi dell’Universo e prendendo contatto con una specie aliena, i SyborgX. Rocco non compi

Le migliori vignette sulla vittoria di Donald Trump alle elezioni Usa