Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Corigliano Rossano (Cs) - CODEX. Il sacro dell'Arte


CODEX. Il sacro dell'Arte. Omaggio al Codex Purpureus Rossanensis
Mostra Internazionale di Libri d’Artista

a cura di Teo de Palma e Ombretta Gazzola

promossa da Biblioteca Minnicelli, Corigliano Rossano (Cs)

con il patrocinio del Museo Diocesano e del Codex, della Biblioteca Diocesana Santi Nilo e Bartolomeo, dell'Amministrazione Comunale di Corigliano Rossano e dell'Università della Calabria, Dipartimento di Studi Umanistici.
Complesso monumentale di S. Bernardino – Rossano (CS)

21 settembre - 20 ottobre 2019

Inaugurazione: 21 settembre, ore 18,30

Catalogo: Edizioni Gutenberg, Baronissi (Sa)

La mostra, promossa dalla Biblioteca Minnicelli di Corigliano Rossano con il patrocinio del Museo Diocesano e del Codex, della Biblioteca Diocesana Santi Nilo e Bartolomeo, del Comune di Corigliano Rossano e dell'Università della Calabria, intende rendere omaggio al Codex Purpureus Rossanensis, splendido Evangeliario greco miniato, che gli studiosi datano tra il V e il VI secolo d. Cr. e che nel 2015 è stato riconosciuto dall'Unesco di Parigi Patrimonio Universale dell'Umanità, nella categoria "Memory of the world".
Al tempo stesso l'intenzione della Mostra è anche quella di sollecitare gli Artisti ad una riflessione sull'attualità del concetto di sacro nell'Arte, come auspicato da Paolo VI in una sua famosa lettera agli Artisti, a conclusione del Concilio Vaticano II. (1965).
La mostra si inserisce nel progetto Vedere Parole, che la biblioteca Minnicelli ha avviato nel 2013 con la mostra dei libri d’artista svoltasi nel castello di Amendolara e nel complesso di S. Berardino.
The exhibition, promoted by the Minnicelli Library of Corigliano Rossano with the patronage of the Diocesan Museum and the Codex, of the Diocesan Library of Saints Nile and Bartholomew, of the Municipality of Corigliano Rossano and of the University of Calabria, intends to pay tribute to the Codex Purpureus Rossanensis, a splendid Evangeliary Greek Miniato, which scholars date between the fifth and sixth centuries AD Cr. and that in 2015 it was recognized by UNESCO in Paris as a Universal Heritage of Humanity, in the "Memory of the world" category.
At the same time, the intention of the exhibition is also to urge the artists to reflect on the topicality of the concept of the sacred in art, as advocated by Paul VI in a famous letter to the artists, at the conclusion of the Second Vatican Council. (1965).
The exhibition is part of the Vedere Parole project, which the Minnicelli library launched in 2013 with the exhibition of artist books held in the castle of Amendolara and in the complex of S. Berardino

Hanno aderito al progetto gli Artisti: ABATE Rocco, AGOSTINI Laura, ALTOBELLI Franco, AMBROSINO Antonio, ANELLI Salvatore, ATTIANESE Michele, BARBA Calogero, BEDNARSKA Kamila, BENZONI Claudio, BONADUCE Maria, BOSCHI Anna, BUCCI Rossana, CALO’ Alessandra, CAPORALE Antonio, CARAVITA Lamberto, CARRASCO Olenka (Venezuela), CELATI Berardo, CHEN Li (Cina), CHOMICZ Malgorzata (Polonia), CICCONI Fabrizio, CORSITTO Carmela, CORTESE Marisa, CREDIDIO Maria, CRONA Karin (Svezia), DE LEO Mario, DE MITRI Giulio, de PALMA Teo, DECEMBRINO Carmen, DIOTALLEVI Marcello, DONNARUMMA Giovanna, FEDI Fernanda, FLACCAVENTO Franco, GALLETTI Teresa, GAMBATESA Regina, GIANINETTI Roberto, GINI Gino, GIULIANA Lillo, IPPOLITO Gennaro, KELLY Jean Marie (Canada) , KOUWENHOVEN Paula (Olanda), LAGROTTERIA Massimo, LANGE Judith, LIBERATORE Nicola, LIUZZI Oronzo, LO COCO Mario, MAGGI Ruggero, MAGRO Francesca, MARRA Max, MILIANI Alberto, MONTAGNANI Gianremo, MORGESE Giovanni, MUELLER-BAJI Susanne (Germania), OFFERGELT Florine (Olanda), PANELLA Franco, PANGARO Rocco, PATTI Enzo, PETRUNGARO Anna, PINGITORE Tarcisio, PROTA Giurleo Antonella, PUNZINA Samantha, QUINDI Rosella, REA Mauro, ROTUNDO Lucia, RUGGIERO Enzo, SALTINI Andrea, SASSU Antonio, SAVOIA Pino, SERGIO Gianfranco, TESTORI Roberto, TONON Vittorio, VALENTINO Giuseppe, ZDANSKI Clarice (Stati Uniti).

Nella foto: “Archeologia della scrittura” di Oronzo Liuzzi

Commenti

Post popolari in questo blog

Galleria Fotografica: Lavello. Miss Miss In4missima (19 Settembre 2020)

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Schermi Riflessi: Addio a Walter Golia

Nella primavera del 2006 dopo un certosino lavoro di raccolta fondi (23 tra istituzioni pubbliche, 11 Comuni lucani, Regioni, Proloco, Comunità montane, Associazioni culturali, il CineClub De Sica-Cinit di Rionero, la famiglia Doino; qui e nel Limburg in Belgio, aziende, la Fiat Sata di Melfi...) il film si concretizza: siamo a Bella nella sala consiliare del Comune e stiamo provinando bambini in quantità per formare la classe di quinta elementare che vedremo spesso nel film nella parte lucana, sotto l'abile e amorosa cura del maestro, interpretato magistralmente da Ulderico Pesce. Abbiamo soprattutto da trovare piccoli interpreti per quattro ruoli sfaccettati, Armando, Egidio, Vito e Mario. Armando ed Egidio ci saranno in tutto il film, in Lucania e nel Limburg. Quello che mi fa tremare i polsi è trovare l'interprete di Armando, il figlio più giovane di Michele Acucella (Franco Nero) e di Vitina (Valeria Vaiano), che lo dovrà raggiungere in Belgio, a ricongiungers…