Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Corigliano Rossano (Cs) - CODEX. Il sacro dell'Arte


CODEX. Il sacro dell'Arte. Omaggio al Codex Purpureus Rossanensis
Mostra Internazionale di Libri d’Artista

a cura di Teo de Palma e Ombretta Gazzola

promossa da Biblioteca Minnicelli, Corigliano Rossano (Cs)

con il patrocinio del Museo Diocesano e del Codex, della Biblioteca Diocesana Santi Nilo e Bartolomeo, dell'Amministrazione Comunale di Corigliano Rossano e dell'Università della Calabria, Dipartimento di Studi Umanistici.
Complesso monumentale di S. Bernardino – Rossano (CS)

21 settembre - 20 ottobre 2019

Inaugurazione: 21 settembre, ore 18,30

Catalogo: Edizioni Gutenberg, Baronissi (Sa)

La mostra, promossa dalla Biblioteca Minnicelli di Corigliano Rossano con il patrocinio del Museo Diocesano e del Codex, della Biblioteca Diocesana Santi Nilo e Bartolomeo, del Comune di Corigliano Rossano e dell'Università della Calabria, intende rendere omaggio al Codex Purpureus Rossanensis, splendido Evangeliario greco miniato, che gli studiosi datano tra il V e il VI secolo d. Cr. e che nel 2015 è stato riconosciuto dall'Unesco di Parigi Patrimonio Universale dell'Umanità, nella categoria "Memory of the world".
Al tempo stesso l'intenzione della Mostra è anche quella di sollecitare gli Artisti ad una riflessione sull'attualità del concetto di sacro nell'Arte, come auspicato da Paolo VI in una sua famosa lettera agli Artisti, a conclusione del Concilio Vaticano II. (1965).
La mostra si inserisce nel progetto Vedere Parole, che la biblioteca Minnicelli ha avviato nel 2013 con la mostra dei libri d’artista svoltasi nel castello di Amendolara e nel complesso di S. Berardino.
The exhibition, promoted by the Minnicelli Library of Corigliano Rossano with the patronage of the Diocesan Museum and the Codex, of the Diocesan Library of Saints Nile and Bartholomew, of the Municipality of Corigliano Rossano and of the University of Calabria, intends to pay tribute to the Codex Purpureus Rossanensis, a splendid Evangeliary Greek Miniato, which scholars date between the fifth and sixth centuries AD Cr. and that in 2015 it was recognized by UNESCO in Paris as a Universal Heritage of Humanity, in the "Memory of the world" category.
At the same time, the intention of the exhibition is also to urge the artists to reflect on the topicality of the concept of the sacred in art, as advocated by Paul VI in a famous letter to the artists, at the conclusion of the Second Vatican Council. (1965).
The exhibition is part of the Vedere Parole project, which the Minnicelli library launched in 2013 with the exhibition of artist books held in the castle of Amendolara and in the complex of S. Berardino

Hanno aderito al progetto gli Artisti: ABATE Rocco, AGOSTINI Laura, ALTOBELLI Franco, AMBROSINO Antonio, ANELLI Salvatore, ATTIANESE Michele, BARBA Calogero, BEDNARSKA Kamila, BENZONI Claudio, BONADUCE Maria, BOSCHI Anna, BUCCI Rossana, CALO’ Alessandra, CAPORALE Antonio, CARAVITA Lamberto, CARRASCO Olenka (Venezuela), CELATI Berardo, CHEN Li (Cina), CHOMICZ Malgorzata (Polonia), CICCONI Fabrizio, CORSITTO Carmela, CORTESE Marisa, CREDIDIO Maria, CRONA Karin (Svezia), DE LEO Mario, DE MITRI Giulio, de PALMA Teo, DECEMBRINO Carmen, DIOTALLEVI Marcello, DONNARUMMA Giovanna, FEDI Fernanda, FLACCAVENTO Franco, GALLETTI Teresa, GAMBATESA Regina, GIANINETTI Roberto, GINI Gino, GIULIANA Lillo, IPPOLITO Gennaro, KELLY Jean Marie (Canada) , KOUWENHOVEN Paula (Olanda), LAGROTTERIA Massimo, LANGE Judith, LIBERATORE Nicola, LIUZZI Oronzo, LO COCO Mario, MAGGI Ruggero, MAGRO Francesca, MARRA Max, MILIANI Alberto, MONTAGNANI Gianremo, MORGESE Giovanni, MUELLER-BAJI Susanne (Germania), OFFERGELT Florine (Olanda), PANELLA Franco, PANGARO Rocco, PATTI Enzo, PETRUNGARO Anna, PINGITORE Tarcisio, PROTA Giurleo Antonella, PUNZINA Samantha, QUINDI Rosella, REA Mauro, ROTUNDO Lucia, RUGGIERO Enzo, SALTINI Andrea, SASSU Antonio, SAVOIA Pino, SERGIO Gianfranco, TESTORI Roberto, TONON Vittorio, VALENTINO Giuseppe, ZDANSKI Clarice (Stati Uniti).

Nella foto: “Archeologia della scrittura” di Oronzo Liuzzi

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e