Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: De l’acerba e cruda diva – Donne Cinema Basilicata

 Con l’apertura del nuovo anno scolastico riprende il percorso cinematografico ... de l’acerba e cruda Diva, il verso di Isabella Morra che ha ispirato il progetto: Sequenze di Donne: il Cinema e la Basilicata. Protagonista è il Liceo Artistico “Carlo Levi” di Rionero in Vulture, con la Dirigente Antonella Ruggeri che esprime piena soddisfazione per il lavoro già svolto nella scorsa primavera grazie alla originalità e la competenza alla base della iniziativa, che pone la Donna al centro del confronto culturale legato al cinema d’autore. Il programma si concretizza infatti nel creare le condizioni affinché l’arte del Cinema e dell’audiovisiva educhi gli studenti della scuola secondaria di II grado alla comprensione semantica delle immagini e alla loro bellezza. L’ideazione è della Associazione Manthano presieduta da Antonio Fedota, Maria Sansone e Luigi Chiera, con il particolare contributo del CineClub “ Vittorio De Sica ” – Cinit presieduto da Armando Lostaglio, che aveva già tenuto le prime lezioni. Della partnership fanno parte l’Accademia Belle Arti “ Michelangelo ” di Agrigento e New Form ente accreditato al MIUR. Aveva aperto la rassegna il film “ Rocco e suoi fratelli ” di Luchino Visconti analizzato insieme al regista Rocco Talucci, e prevede altri 5 film. Pertanto, mercoledì 2 ottobre – ore 15,00 – nell’auditorium del Liceo Artistico “Carlo Levi” di Rionero, si proseguirà con il piano formativo dei docenti, propedeutico alla visione del secondo film che gli studenti avranno modo di vedere ed analizzare il giorno seguente: “ I Basilischi ” che la regista di origini lucane Lina Wertmüller diresse nel 1963. Dopo l'esperienza come aiuto regista di Federico Fellini per il film Otto e mezzo , la regista (oggi 91enne) debutta proprio con questo film, di cui cura anche il soggetto e la sceneggiatura (con musiche di Ennio Morricone) e lo gira anche nella sua Palazzo San Gervasio, ai confini con la Murgia pugliese . Il film rimane un “cult” nella storia del Cinema , e contribuirà al riconoscimento internazionale della regista che culminerà il prossimo anno con l’assegnazione del Premio Oscar alla Carriera. “ Sequenze di Donne – Cinema e Basilicata ”, grazie al coinvolgimento di registi e critici, offrirà dunque ai partecipanti la possibilità di essere protagonisti attivi e anche critici in grado di analizzare le opere in maniera edotta ed autonoma. Il prodotto finale è la realizzazione di un portale web cinematografico, con una formazione attiva sugli strumenti a cura dei docenti Antonio Di Palma e Francesco Verderosa, Catia Calitri. Dell’ I.I.S. "G. Fortunato" Liceo Artistico sono coinvolte le classi 4^grafica, 5^grafica e 5^design. “In coerenza con le azioni ministeriali del Piano Nazionale Cinema per la Scuola – sostiene una delle promotrici Maria Sansone – la Rassegna cinematografica si incardina sulla tematica della figura femminile, in relazione al contesto territoriale lucano, in diverse fasi storiche e oltre che agli alunni e ai docenti, intende rivolgersi anche alle famiglie e agli stakeholders , ossia quei portatori di interessi comuni, con le “Conversazioni con il pubblico”, per cui l’opera cinematografica diventa strumento educativo all’interno dei percorsi curriculari.”

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: ‍A MARATEALE IN ARRIVO NANCY BRILLI, LUCIA OCONE, CINZIA TH TORRINI E GIOVANNI ALLEVI

Nancy Brilli, Lucia Ocone e Cinzia TH Torrini riceveranno un riconoscimento nel corso della tredicesima edizione di “Marateale - Premio internazionale Basilicata”, che si terrà dal 27 al 31 luglio nella splendida location dell’hotel Santa Venere a Maratea. Per le due attrici, Brilli e Ocone, si tratta della prima volta alla Marateale, dove verranno premiate per la loro lunga e trasversale carriera mentre per la regista Cinzia TH Torrini si tratta di un gradito ritorno. “Sono felice che Lucia Ocone e Nancy Brilli abbiano accettato il nostro invito, perché noi di Marateale ci teniamo a premiarle per il loro essere così camaleontiche, visto che da anni riescono a ricoprire con disinvoltura sia ruoli divertenti che drammatici con eguale credibilità in film e fiction di enorme successo” dichiara Antonella Caramia, presidente dell'associazione Cinema Mediterraneo che organizza la kermesse, che aggiunge: “A completare questo tris di donne c’è Cinzia TH Torrini, amica di vecchia data dell

‍📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Rionero in Vulture senza cinema e teatro, dopo 150 anni

Una comunità, senza una sua piazza-agorà e senza un teatro, annienta ed annichilisce una storia che ha quasi tre millenni, ed è indegna di chiamarsi tale. Non è comunità, ma congerie irrilevante di case e di abitanti. E’ l’amara considerazione che scaturisce all’interno comunità di Rionero in Vulture, che da quasi un decennio non ha più un suo cinema né teatro. Nonostante tutto, il CineClub “De Sica” Cinit - che abbiamo fondato da quasi un trentennio - non smette le proprie attività di cultura cinematografica, compiendone almeno una quarantina ogni anno, non solo nella città fondativa. Si utilizzano sale di “fortuna” (centro Anziani, giovanile parrocchiale) adibendole alla bisogna, oppure realizzando proiezioni in arene d’estate (come a Monticchio) o in atri storici (Giardino palazzo Fortunato). “Portatori sani di bellezza” definisce il sociologo De Masi chi diffonde cultura. 

📕 Autori: Madonna del Carmelo... preghiera in versi di Vito Coviello

16 luglio, Madonna del carmelo...   madonna mia,  madre mia divina,  tu dall'alto del mondo ci proteggi tutti,  tu dall'alto del monte proteggi noi lucani,  tu dalla civitas sei di Matera patrona,  tu, agli aviglianesi tanto cara,  dal sacro monte proteggi il popolo tutto,  che in te confida,  nostra celeste mediatrice  verso il Signore padre nostro.  Madonna mia, madre mia,  ti chiameranno Bruna,  ti chiamerranno Annunziata, Addolorata ed Assunta,  ma per me,  nato alle pendici del Carmelo  e sotto il tuo mantosei la madonna del Carmine  protettrice di tutti gli aviglianesi nel mondo.  Maronna mia oggi, 16 luglio,  come da sempre,  le nostre mamme terrene,  a te vengono, a piedi scalzi,  e con in testa il cinto di candele  e fiori addobbati,  per rinnovare il patto  e mettere noi tutti sotto il tuo manto addobato di stelle.....   Vito Coviello,