Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: De l’acerba e cruda diva – Donne Cinema Basilicata

 Con l’apertura del nuovo anno scolastico riprende il percorso cinematografico ... de l’acerba e cruda Diva, il verso di Isabella Morra che ha ispirato il progetto: Sequenze di Donne: il Cinema e la Basilicata. Protagonista è il Liceo Artistico “Carlo Levi” di Rionero in Vulture, con la Dirigente Antonella Ruggeri che esprime piena soddisfazione per il lavoro già svolto nella scorsa primavera grazie alla originalità e la competenza alla base della iniziativa, che pone la Donna al centro del confronto culturale legato al cinema d’autore. Il programma si concretizza infatti nel creare le condizioni affinché l’arte del Cinema e dell’audiovisiva educhi gli studenti della scuola secondaria di II grado alla comprensione semantica delle immagini e alla loro bellezza. L’ideazione è della Associazione Manthano presieduta da Antonio Fedota, Maria Sansone e Luigi Chiera, con il particolare contributo del CineClub “ Vittorio De Sica ” – Cinit presieduto da Armando Lostaglio, che aveva già tenuto le prime lezioni. Della partnership fanno parte l’Accademia Belle Arti “ Michelangelo ” di Agrigento e New Form ente accreditato al MIUR. Aveva aperto la rassegna il film “ Rocco e suoi fratelli ” di Luchino Visconti analizzato insieme al regista Rocco Talucci, e prevede altri 5 film. Pertanto, mercoledì 2 ottobre – ore 15,00 – nell’auditorium del Liceo Artistico “Carlo Levi” di Rionero, si proseguirà con il piano formativo dei docenti, propedeutico alla visione del secondo film che gli studenti avranno modo di vedere ed analizzare il giorno seguente: “ I Basilischi ” che la regista di origini lucane Lina Wertmüller diresse nel 1963. Dopo l'esperienza come aiuto regista di Federico Fellini per il film Otto e mezzo , la regista (oggi 91enne) debutta proprio con questo film, di cui cura anche il soggetto e la sceneggiatura (con musiche di Ennio Morricone) e lo gira anche nella sua Palazzo San Gervasio, ai confini con la Murgia pugliese . Il film rimane un “cult” nella storia del Cinema , e contribuirà al riconoscimento internazionale della regista che culminerà il prossimo anno con l’assegnazione del Premio Oscar alla Carriera. “ Sequenze di Donne – Cinema e Basilicata ”, grazie al coinvolgimento di registi e critici, offrirà dunque ai partecipanti la possibilità di essere protagonisti attivi e anche critici in grado di analizzare le opere in maniera edotta ed autonoma. Il prodotto finale è la realizzazione di un portale web cinematografico, con una formazione attiva sugli strumenti a cura dei docenti Antonio Di Palma e Francesco Verderosa, Catia Calitri. Dell’ I.I.S. "G. Fortunato" Liceo Artistico sono coinvolte le classi 4^grafica, 5^grafica e 5^design. “In coerenza con le azioni ministeriali del Piano Nazionale Cinema per la Scuola – sostiene una delle promotrici Maria Sansone – la Rassegna cinematografica si incardina sulla tematica della figura femminile, in relazione al contesto territoriale lucano, in diverse fasi storiche e oltre che agli alunni e ai docenti, intende rivolgersi anche alle famiglie e agli stakeholders , ossia quei portatori di interessi comuni, con le “Conversazioni con il pubblico”, per cui l’opera cinematografica diventa strumento educativo all’interno dei percorsi curriculari.”

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Il ferro battuto di Pietro Lettieri

Arte e cultura: da Rapone a Londra e Dubai  Rapone. L’idea nasce da Marianna Pinto, una giovane manager di Rapone, da alcuni anni attiva con una grande azienda a Londra. Gira molto per l’Europa e non soltanto, dopo gli studi svolti a Bologna. E’ dunque intenzionata ad esportare il made in Italy, in particolare “una antica arte m a allo stesso tempo nuova che in Italia sta scomparendo: sculture e quadri ed elementi di interior design in ferro battuto.” Il fulcro della galleria e un artigiano/artista di Rapone, Pietro Lettieri in arte Pie.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: “Oltre la felicità” di Michele Libutti

Può capitare che uno scrittore senta il bisogno di ri-raccontarsi con maggiore veemenza, ovvero di fare ulteriore chiarezza rispetto a quanto ha già pubblicato. Oltre la Felicità di Michele Libutti Accade allo scrittore lucano Michele Libutti che ha alle spalle diciannove pubblicazioni, un quarantennio da medico, una laurea in lettere classiche e premi letterari di livello nazionale. Con il suo ultimo lavoro dal titolo impegnativo “Oltre la felicità” (Nuova Prhomos Edizioni) lo scrittore si misura con la probabilità di carpire il segreto che sta dietro a tale ambizione umana e necessaria che chiamiamo felicità, in fondo ad un viale ipotetico o reale che sia. Operazione non sempre riuscita a scrittori e intellettuali anche del grande schermo come Woody Allen, ipocondriaco che sente sempre il bisogno di ambire a quel livello superiore che chiamiamo felicità. Michele Libutti sente, dicevamo, un bisogno ulteriore, di fare chiarezza nella maniera di interpretare questo suo testo, che ap…

Schermi Riflessi: Addio a Walter Golia

Nella primavera del 2006 dopo un certosino lavoro di raccolta fondi (23 tra istituzioni pubbliche, 11 Comuni lucani, Regioni, Proloco, Comunità montane, Associazioni culturali, il CineClub De Sica-Cinit di Rionero, la famiglia Doino; qui e nel Limburg in Belgio, aziende, la Fiat Sata di Melfi...) il film si concretizza: siamo a Bella nella sala consiliare del Comune e stiamo provinando bambini in quantità per formare la classe di quinta elementare che vedremo spesso nel film nella parte lucana, sotto l'abile e amorosa cura del maestro, interpretato magistralmente da Ulderico Pesce. Abbiamo soprattutto da trovare piccoli interpreti per quattro ruoli sfaccettati, Armando, Egidio, Vito e Mario. Armando ed Egidio ci saranno in tutto il film, in Lucania e nel Limburg. Quello che mi fa tremare i polsi è trovare l'interprete di Armando, il figlio più giovane di Michele Acucella (Franco Nero) e di Vitina (Valeria Vaiano), che lo dovrà raggiungere in Belgio, a ricongiungers…