Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: De l’acerba e cruda diva – Donne Cinema Basilicata

 Con l’apertura del nuovo anno scolastico riprende il percorso cinematografico ... de l’acerba e cruda Diva, il verso di Isabella Morra che ha ispirato il progetto: Sequenze di Donne: il Cinema e la Basilicata. Protagonista è il Liceo Artistico “Carlo Levi” di Rionero in Vulture, con la Dirigente Antonella Ruggeri che esprime piena soddisfazione per il lavoro già svolto nella scorsa primavera grazie alla originalità e la competenza alla base della iniziativa, che pone la Donna al centro del confronto culturale legato al cinema d’autore. Il programma si concretizza infatti nel creare le condizioni affinché l’arte del Cinema e dell’audiovisiva educhi gli studenti della scuola secondaria di II grado alla comprensione semantica delle immagini e alla loro bellezza. L’ideazione è della Associazione Manthano presieduta da Antonio Fedota, Maria Sansone e Luigi Chiera, con il particolare contributo del CineClub “ Vittorio De Sica ” – Cinit presieduto da Armando Lostaglio, che aveva già tenuto le prime lezioni. Della partnership fanno parte l’Accademia Belle Arti “ Michelangelo ” di Agrigento e New Form ente accreditato al MIUR. Aveva aperto la rassegna il film “ Rocco e suoi fratelli ” di Luchino Visconti analizzato insieme al regista Rocco Talucci, e prevede altri 5 film. Pertanto, mercoledì 2 ottobre – ore 15,00 – nell’auditorium del Liceo Artistico “Carlo Levi” di Rionero, si proseguirà con il piano formativo dei docenti, propedeutico alla visione del secondo film che gli studenti avranno modo di vedere ed analizzare il giorno seguente: “ I Basilischi ” che la regista di origini lucane Lina Wertmüller diresse nel 1963. Dopo l'esperienza come aiuto regista di Federico Fellini per il film Otto e mezzo , la regista (oggi 91enne) debutta proprio con questo film, di cui cura anche il soggetto e la sceneggiatura (con musiche di Ennio Morricone) e lo gira anche nella sua Palazzo San Gervasio, ai confini con la Murgia pugliese . Il film rimane un “cult” nella storia del Cinema , e contribuirà al riconoscimento internazionale della regista che culminerà il prossimo anno con l’assegnazione del Premio Oscar alla Carriera. “ Sequenze di Donne – Cinema e Basilicata ”, grazie al coinvolgimento di registi e critici, offrirà dunque ai partecipanti la possibilità di essere protagonisti attivi e anche critici in grado di analizzare le opere in maniera edotta ed autonoma. Il prodotto finale è la realizzazione di un portale web cinematografico, con una formazione attiva sugli strumenti a cura dei docenti Antonio Di Palma e Francesco Verderosa, Catia Calitri. Dell’ I.I.S. "G. Fortunato" Liceo Artistico sono coinvolte le classi 4^grafica, 5^grafica e 5^design. “In coerenza con le azioni ministeriali del Piano Nazionale Cinema per la Scuola – sostiene una delle promotrici Maria Sansone – la Rassegna cinematografica si incardina sulla tematica della figura femminile, in relazione al contesto territoriale lucano, in diverse fasi storiche e oltre che agli alunni e ai docenti, intende rivolgersi anche alle famiglie e agli stakeholders , ossia quei portatori di interessi comuni, con le “Conversazioni con il pubblico”, per cui l’opera cinematografica diventa strumento educativo all’interno dei percorsi curriculari.”

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e