Passa ai contenuti principali

Biennale di Venezia: dalla MOSTRA DI VENEZIA


Lido di Venezia. Questa 76 Mostra d'Arte cinematografica è partita anche stavolta con il piede giusto: il lavoro del direttore Barbera e del suo staff produce e riproduce segnali di grande interesse per la cultura, e per il divenire di una umanità alle prese con i conflitti e i disagi che si manifestano nei diversi continenti. In concorso, per l'apertura il film La verité del giapponese Kore-eda Horokazu con Catherine Deneuve (inossidabile) e Juliette Binoche (straordinaria) ci conduce nella Parigi anni 60 per raccontare quegli anni che hanno segnato una epoca in Europa; e i disagi sociali del mondo arabo che condanna da sempre la donna a quel ruolo marginale e di diffidenza: The perfecte candidate di Haifaa Al Monsour, la prima regista donna araba a venire in un Festival di tale importanza come Venezia, per raccontare la voglia di riscatto delle donne arabe, peraltro gia presente a Venezia con La bicicletta verde nel 2012.

Nella Settimana della Critica da segnalare in queste prime giornate dall'India l'elegante Bombay Rose di Gitanjali Rao; dagli USA in concorso Brad Pitt in Ad Astra, grande interpretazione (c'erano dubbi?) in un film che tuttavia lascia in bilico fra la fantascienza e il divenire: lui va alla ricerca del padre disperso nello spazio, una sorta di Kurtz nell'apocalisse di coppoliana memoria: Conrad ma pure Kubrick o Malick si evocherà. Seppure in atmosfere spaziali, vige un senso claustrofobico. Dagli Usa ancora Scarlett Johanson in una interpretazione da manuale affiancata da Adam Driver (eccellente) nel film di Noah Baumbach che in dialoghi strettissimi ed una regia avvolgente ripercorre inizialmente toni da Woody Allen e conclude drammaturgicamente come il Carnage di Polanski. Lo stesso che in concorso ha portato a Venezia (ma lui non può esserci a Venezia per ragioni diremmo legali) il capolavoro J'accuse tratto da Zola. In costume e maestosamente girato con un credibilissimo Jean Dujardin, Polanski convince alla grande. La Napoli di Mario Martone ha ottenuto grandi consensi per Il sindaco del rione Sanità tratto dalla commedia di Eduardo, trasposta dagli anni 60 ai giorni nostri, dopo averla sperimentata con grande successo in teatro dal 2017. Martone ritorna al Lido dopo un anno dal Capri Revolution che convinse la critica, meno il pubblico. In questa versione del "Sindaco" che si immola nel finale in una dimensione cristologica, vorremmo sperare in una recondita speranza per quella Napoli che non merita questo destino da girone dantesco. Non era retorico Eduardo e non lo è Martone. Una Mostra, la 76, ricca di premesse che, come di consueto, potranno avverarsi. 

Armando Lostaglio

Commenti

Post popolari in questo blog

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Appuntamenti in Primo Piano: Premiazione concorso letterario nazionale a Venosa (PZ)

Domenica 23 agosto a partire dalle ore 17 nel rispetto delle normative covid (con ingressi regolamentati e solo su invito) a Venosa, nella magnifica cornice storica del castello ducale 'Pirro del Balzo', si svolgerà la cerimonia di premiazione del concorso letterario nazionale 'Engel Von Bergeiche', a cura dell'omonima Associazione artistico-letteraria. Una 9° edizione dal tema “Una goccia, per alleviar le pene di Mater Terra!”, con il patrocinio dell'amministrazione comunale e dedicata al poeta e scrittore Angelo Calderone, originario della ridente comunità del Vulture di Ruvo del Monte e autore apprezzato in Italia e all'estero con numerose coppe e targhe vinte in concorsi prestigiosi. Un modo significativo e di alto valore sociale per ricordare il conterraneo prematuramente scomparso nel 2011 che ha sempre con onore e piacevoli ricordi rispettato il valore e l'attaccamento per le sue origini in terra lucana. Il tema quest’anno ha come leitmotiv l’at…

Schermi Riflessi: Intervento del Vescovo Diocesi di Melfi mons. Ciro Fanelli sull’importanza del Cinema

“Eccellenza, Le saremmo grati se potesse scrivere pochi righi sulla importanza del Cinema nella conoscenza di tematiche importanti come quelle trattate nella Mostra “Effetto Notte. Il cinema dei diritti negati” Un caro saluto. Armando Lostaglio” E’ quanto abbiamo chiesto a mons. CIRO FANELLI, Vescovo della Diocesi di Melfi Rapolla Venosa, intervenuto con un suo elevato dialogo alla proiezione del film dei Fratelli Dardenne “L’età giovane”, uno dei 4 film della Mostra “Effetto Notte. Il cinema dei diritti negati, promossa da ARCI, CineClub V. DE SICA – Cinit e Parrocchia SS. Sacramento, nell’ambito della Estate Rionerese sostenuta dal Comune con la ProLoco. Ecco il suo intervento: Il Cinema: uno strumento per una chiarificazione dell’esistenza La persona cresce nella sua umanità nella misura in cui si approccia alla realtà con la sua intelligenza (la ragione) e con la sua sensibilità (il cuore): ragione ed emozioni sono le grandi luci con le quali e…