Passa ai contenuti principali

BiennaleVenezia. ROBERTO SAVIANO al LIDO DI VENEZIA per la 76 Mostra del Cinema

Lido di Venezia. E' per le strade serali del Lido, scortato da tre giovani e una donna, la segretaria. Ci avviciniamo per chiamarlo, Roberto Saviano ha il viso sorridente e gli occhi buoni. In molti lo riconoscono e c'è sempre qualcuno che chiede il selfie. Gli parliamo della sua presenza alla Mostra del Cinema che trova interessante, (saranno proiettati 2 episodi tratti dal suo ZeroZeroZero diretto da Stefano Sollima) e del film "napoletano" Martin Eden di Pietro Marcello, in concorso, e della bravura del protagonista Luca Marinelli.


Ci fermiamo qualche attimo sulla atemporalità della storia narrata, liberamente tratto da Jack London. Un film che rende univesale Napoli, la città più tormentata e più bella del mondo. A Saviano parliamo della nostra provenienza, la Basilicata, dove da decenni portiamo cinema d'autore con il CineClub Vittorio De Sica. E la divulgazione dei film d'autore in scuole, carceri, centri anziani, università. Ne resta entusiasta. E non solo, aggiunge che verrebbe con piacere in questa nostra regione che reputa bellissima.
E in particolare per la stima che nutre per Giustino Fortunato. E noi siamo proprio di Rionero In Vulture, sua città natale. Gli parliamo della splendida Biblioteca, e della stima che nutriva un grande intellettuale quale Giovanni Spadolini. "E allora ti aspettiamo!" gli diciamo, magari per celebrare insieme i nostri 25 anni di attività col CineClub De Sica. Subito la segretaria prende i nostri contatti...
Ci auguriamo che i suoi tanti impegni (tra l'altro molti mesi li passa in America) lo possano portare da noi, quale esempio di coraggio e di tenacia, specie per le nuove generazioni. Ricordiamo anche altre città della regione. Ma a noi piace evidenziare che il suo ricordo lo porta a Giustino Fortunato, magari verrebbe al Certamen dell'Istituto Superiore, che si tiene da molti anni per le scuole di tutta Italia. Ci salutiamo con i suoi occhi che restano sorridenti. 

Armando Lostaglio

Commenti

Post popolari in questo blog

Segnalazioni in Primo Pino: Un romanzo di fantascienza italiana nato tra Lombardia e Basilicata

Un ragazzo del Sud mette a frutto le sue qualità informatiche per creare un mondo migliore dopo la morte di suo fratello, l’ennesima morte bianca. Un libro di fantascienza italiana, nato tra Lombardia e Basilicata. Il quadro è Milano ed il suo hinterland, ma anche Gallarate che gravita come la Luna intorno al suo aeroporto internazionale di Malpensa, con i suoi mille voli giornalieri. Tutto parte al Sud, in terra lucana. Rocco “rappresenta” un po’ tutti i ragazzi buoni d’Italia: volenterosi, intelligenti e umili. Dopo la morte del fratello, a causa di un incidente sul lavoro, l’ennesima morte bianca , decide, ormai trent’enne, di riscriversi all’Università e dedicarsi allo studio dell’Intelligenza Artificiale . Finalmente potrà usare le sue innate qualità. Il progetto per lui è chiaro sin dall’inizio, ma quello che gli succederà andrà oltre quanto preventivato, portandolo ai bordi dell’Universo e prendendo contatto con una specie aliena, i SyborgX. Rocco non compi

Reportage. In questo momento nel mondo: Norvegia, Fiji, Scozia, Thailandia

Le migliori vignette sulla vittoria di Donald Trump alle elezioni Usa