Passa ai contenuti principali

Editoriale: Miracoli a Potenza: cieco gioca a carte, depresso canta...

23 Settembre 2019
Miracoli a Potenza: cieco gioca a carte, depresso canta, infermo si alza dalla sedia a rotelle per coltivare i campi! Le attività d’indagine coordinate dalla Procura della Repubblica e svolte da personale della Squadra Mobile della Questura di Potenza ha consentito di identificare i componenti di un sodalizio criminale composto da faccendieri, medici ed avvocati potentini volto al compimento di truffe seriali ai danni dell’Inps, che hanno causato all’ente un danno di alcune centinaia di migliaia di euro, ancora da quantificate esattamente. Pertanto, nel corso della mattinata di ieri, agenti della Squadra Mobile della Questura di Potenza hanno eseguito, coordinati da questa Procura della Repubblica, una serie di’ provvedimenti cautelari disposti dal Gip del Tribunale di Potenza nei riguardi di sei persone che in veste di promotori-organizzatori o di meri partecipi hanno dato vita ad un’associazione a delinquere dedita al compimento di una serie di reati quali corruzione, truffa e vari falsi ai danni dell’Inps. Il numero degli indagati è tuttavia di circa 40 soggetti che, a a vario titolo, hanno beneficiato dell’attività delittuosa o cooperato alla stessa Ogni appartenente all’associazione si è occupato di un preciso segmento della condotta criminale volta come detto all’indebita erogazione da parte dell’INPS della pensione o dell’indennità di accompagnamento. Alcuni suoi membri, infatti, si occupavano di reclutare persone anziane intenzionate ad avviare l’iter per il riconoscimento della pensione dell’invalidità, dell’assegno ordinario di invalidità e dell’indennità di accompagnamento nonostante mancassero i necessari presupposti, altri provvedevano a creare la falsa documentazione (anche sanitaria) necessaria ad ottenere i benefici, ed altri ancora a seguire i contenziosi con l’INPS che ne scaturivano e in particolare anche l’assistenza legale in caso di provvedimento di diniego da parte delle commissioni di riconoscimento dell’Inps. Questo vero e proprio circuito criminale, operante in tutto il territorio del capoluogo lucano, comprendeva come accennato medici, avvocati, mediatori e veri e propri “procacciatori d’affari’ che operavano che avvicinavano soprattutto persone anziana allettandole con l’idea di facili guadagni. L’indagine è stata complessa poiché si è avvalsa di attività tecniche quali, intercettazioni telefoniche e ambientali, servizi di 0.c.p. unitamente ad un’articolata analisi documentale. In particolare, di fondamentale rilevanza investigativa sono stati i servizi di osservazione svolti dagli investigatori della Squadra Mobile che hanno accertato in maniera inconfutabile l’assenza delle patologie che erano alla base dell’erogazione della pensione o dell’indennità di accompagnamento. I casi più eclatanti, tra quelli documentati dagli inquirenti, comprendono quello di un falso cieco ripreso dai poliziotti mentre gioca a carte, oppure quello di una persona affetta ufficialmente da una grave patologia depressiva che è stata vista partecipare quasi quotidianamente a rassegne canore nel ruolo di cantante folk, o ancora quello di una persona che per ottenere un’indennità di accompagnamento si presenta dal medico su di una sedia a rotelle, ma, non appena giunge presso la propria abitazione, miracolosamente si alzava e cominciava a coltivare il proprio campo ‘utilizzando una zappa.

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e