Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi: il duro mestiere del Ministro

Si sente spesso chiedere perché non siano nominati come ministro persone con certificata competenza nella materia che andranno ad amministrare. Un medico alla salute, un ingegnere ai trasporti e così via. La risposta è che a capo di un ministero ci sia un politico che esprima un determinato orientamento ideologico e valoriale, riconducibile al partito che lo sostiene, poiché a tradurre tali indirizzi in atti ci pensano i tecnici. Ragionamento condivisibile, ma non totalmente. In primo luogo un ministro non può essere del tutto digiuno della materia, poichè altrimenti diverrebbe ostaggio dei suoi funzionari, come spesso purtroppo accade in molte pubbliche amministrazioni, con il risultato che la politica estende il proprio spoyl sistem anche alle figure dirigenziali delle stesse in modo da prevenire la deriva tecnicistica o, secondo i punti di vista, a mantenere ben salde le proprie dita sui bottoni che contano. In secondo luogo un ministro, per quanto possa essere dotato di buon senso, intuito ed esperienza sul campo, dovrebbe possedere un bagaglio culturale minimo che gli consenta, ad esempio, di comprendere la terminologia giuridica e quella specialistica inerente il proprio dicastero, di dialogare senza imbarazzi con i propri interlocutori esterni, in primis le temutissime lobbies, di confrontarsi con i pari grado in contesti globali, di sviluppare insomma il proprio orientamento intellettuale in atti concreti che diano esecuzione al processo legislativo e, come sempre più spesso accade negli ultimi anni, lo sopperiscano con una decretazione ormai più ordinaria che emergenziale. Insomma, duro mestiere quello di ministro, da far tremare i polsi e suggerire a chi non se ne ritenesse all'altezza di fare un passo indietro e dire, no, grazie.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: "Il Ritratto dell'Anima" di Carmen Piccirillo edito da Photo Travel Edition di Rionero

Il libro ‘’Il Ritratto dell’Anima’’, pubblicazione d’esordio dalla giovane e valente scrittrice rionerese Carmen Piccirillo, sta ottenendo negli ultimi tempi grande successo e ampia visibilità anche su scala nazionale. L’interessante libro redatto con grande competenza e professionalità dalla 29enne scrittrice di Rionero che alterna la passione per la scrittura a quella per il giornalismo, come ricordiamo, fu presentato con successo nel febbraio dello scorso anno 2020 presso la sala convegni della Biblioteca Comunale di Rionero sita nel suggestivo Palazzo Fortunato alla presenza di una folta ed attenta platea e con tante personalità di spicco dell’ambito della cultura locale. Un libro molto interessante che racchiude al suo interno 24 racconti monoepisodici che sottolineano svariati aspetti immaginativi e realistici come la fantasia, l’importanza di sognare e di perseguire un obiettivo oltre a mettere in risalto alcuni aspetti importanti della personalità dell’autrice come sensibilità,

📰 Segnalazioni in primo Piano: 22 APRILE: 51esima GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA

Un chiaro esempio di tutela verso l'ambiente arriva dalla realtà rionerese The Factory Best Class    La giornata mondiale della terra, che si celebra ogni anno il 22 aprile, è conosciuta in tutto il mondo come Earth Day, ed è l'evento "green" che riesce a coinvolgere un elevato numero di persone in tutto il mondo, sensibilizzando la salvaguardia dell'ambiente . L'idea di dedicare una giornata alla terra nacque negli anni '60, negli Stati Uniti , subito dopo la pubblicazione del libro manifesto ambientalista, "Primavera Silenziosa" di Rachel Carson, una biologa statunitense che ebbe molto successo e diede origine a notevoli movimenti ecologisti.

📰 Riflessioni di Carmen Piccirillo: IL TEMPO LIBERO DEI RAGAZZI: USARLO NEL MIGLIOR MODO E’ POSSIBILE...

Uno dei problemi principali delle nuove generazioni è la gestione del tempo libero: spesso, il tempo in cui i giovani non sono impiegati nelle svariate attività scolastiche o di studio individuale, è utilizzato in maniera disfunzionale. Un esempio è la modalità relativa al costante attaccamento ai dispositivi elettronici: lo smartphone, il computer, con i quali si cade ciclicamente in uno spasmodico uso dei social network, che, senza dubbio, sono un buon mezzo di interattività, di incontro, di crescita tra persone -soprattutto in un momento così delicato per il mondo intero a causa delle pandemia da covid-19 e delle restrizioni conseguenti, che hanno provocato una mancata possibilità di aggregazioni sociali partecipate- ma se utilizzati in maniera scorretta ed eccessiva, divengono una vera e propria dipendenza patologica che crea non pochi disagi psicofisici, per non parlare delle alterazioni anatomiche come i problemi alla vista che sono in costante aumento. Diminuiscono prog