Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi: il duro mestiere del Ministro

Si sente spesso chiedere perché non siano nominati come ministro persone con certificata competenza nella materia che andranno ad amministrare. Un medico alla salute, un ingegnere ai trasporti e così via. La risposta è che a capo di un ministero ci sia un politico che esprima un determinato orientamento ideologico e valoriale, riconducibile al partito che lo sostiene, poiché a tradurre tali indirizzi in atti ci pensano i tecnici. Ragionamento condivisibile, ma non totalmente. In primo luogo un ministro non può essere del tutto digiuno della materia, poichè altrimenti diverrebbe ostaggio dei suoi funzionari, come spesso purtroppo accade in molte pubbliche amministrazioni, con il risultato che la politica estende il proprio spoyl sistem anche alle figure dirigenziali delle stesse in modo da prevenire la deriva tecnicistica o, secondo i punti di vista, a mantenere ben salde le proprie dita sui bottoni che contano. In secondo luogo un ministro, per quanto possa essere dotato di buon senso, intuito ed esperienza sul campo, dovrebbe possedere un bagaglio culturale minimo che gli consenta, ad esempio, di comprendere la terminologia giuridica e quella specialistica inerente il proprio dicastero, di dialogare senza imbarazzi con i propri interlocutori esterni, in primis le temutissime lobbies, di confrontarsi con i pari grado in contesti globali, di sviluppare insomma il proprio orientamento intellettuale in atti concreti che diano esecuzione al processo legislativo e, come sempre più spesso accade negli ultimi anni, lo sopperiscano con una decretazione ormai più ordinaria che emergenziale. Insomma, duro mestiere quello di ministro, da far tremare i polsi e suggerire a chi non se ne ritenesse all'altezza di fare un passo indietro e dire, no, grazie.

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Il ferro battuto di Pietro Lettieri

Arte e cultura: da Rapone a Londra e Dubai  Rapone. L’idea nasce da Marianna Pinto, una giovane manager di Rapone, da alcuni anni attiva con una grande azienda a Londra. Gira molto per l’Europa e non soltanto, dopo gli studi svolti a Bologna. E’ dunque intenzionata ad esportare il made in Italy, in particolare “una antica arte m a allo stesso tempo nuova che in Italia sta scomparendo: sculture e quadri ed elementi di interior design in ferro battuto.” Il fulcro della galleria e un artigiano/artista di Rapone, Pietro Lettieri in arte Pie.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: “Oltre la felicità” di Michele Libutti

Può capitare che uno scrittore senta il bisogno di ri-raccontarsi con maggiore veemenza, ovvero di fare ulteriore chiarezza rispetto a quanto ha già pubblicato. Oltre la Felicità di Michele Libutti Accade allo scrittore lucano Michele Libutti che ha alle spalle diciannove pubblicazioni, un quarantennio da medico, una laurea in lettere classiche e premi letterari di livello nazionale. Con il suo ultimo lavoro dal titolo impegnativo “Oltre la felicità” (Nuova Prhomos Edizioni) lo scrittore si misura con la probabilità di carpire il segreto che sta dietro a tale ambizione umana e necessaria che chiamiamo felicità, in fondo ad un viale ipotetico o reale che sia. Operazione non sempre riuscita a scrittori e intellettuali anche del grande schermo come Woody Allen, ipocondriaco che sente sempre il bisogno di ambire a quel livello superiore che chiamiamo felicità. Michele Libutti sente, dicevamo, un bisogno ulteriore, di fare chiarezza nella maniera di interpretare questo suo testo, che ap…

Schermi Riflessi: Addio a Walter Golia

Nella primavera del 2006 dopo un certosino lavoro di raccolta fondi (23 tra istituzioni pubbliche, 11 Comuni lucani, Regioni, Proloco, Comunità montane, Associazioni culturali, il CineClub De Sica-Cinit di Rionero, la famiglia Doino; qui e nel Limburg in Belgio, aziende, la Fiat Sata di Melfi...) il film si concretizza: siamo a Bella nella sala consiliare del Comune e stiamo provinando bambini in quantità per formare la classe di quinta elementare che vedremo spesso nel film nella parte lucana, sotto l'abile e amorosa cura del maestro, interpretato magistralmente da Ulderico Pesce. Abbiamo soprattutto da trovare piccoli interpreti per quattro ruoli sfaccettati, Armando, Egidio, Vito e Mario. Armando ed Egidio ci saranno in tutto il film, in Lucania e nel Limburg. Quello che mi fa tremare i polsi è trovare l'interprete di Armando, il figlio più giovane di Michele Acucella (Franco Nero) e di Vitina (Valeria Vaiano), che lo dovrà raggiungere in Belgio, a ricongiungers…