Passa ai contenuti principali

Scheri Riflessi di Armando Lostaglio: Eleganza, splendidi paesaggi e atmosfere coinvolgenti alle Cantine Dei di Paola Dei


Il 22 settembre alle Cantine Dei di Montepulciano dalle ore 18,00, si è svolta la prima edizione di Sinfonia d'Impresa dedicata all'ingegner Glauco Dei, un industriale che ha saputo coniugare cultura, imprenditorialità e gusto del bello. Voluta fortemente dalle figlie Caterina e Camilla e dalla moglie Annamaria, la serata ha visto la partecipazione di oltre 200 ospiti che hanno potuto degustare il sapore unico di uno dei vini catalogati fra i migliori 50 italiani: La Madonna della Querce , dedicato dalla figlia Caterina al padre e hanno inoltre potuto vivere l'evento all'interno di una straordinaria opera architettonica a forma di chiocciola, realizzata in travertino, settore del quale si occupa la figlia Camilla. Due eccellenze toscane dalle quali emerge grande professionalità ma anche tanto cuore, che traspare sia da ognuna delle opere monumentali realizzate in tutto il mondo dall'ingegnere del travertino toscano, sia dalle bottiglie di vino che custodiscono fragranze che ben si sposano con le dolci colline dei paesaggi toscani. A guidare gli ospiti nella vita e nelle opere dell'ingegnere nato a Serre di Rapolano, la musica del Maestro Vince Tempera che, accompagnato da un quartetto di archi ha fatto attraversare agli intervenuti le più suggestive colonne sonore di film senza tempo. Delicate melodie che in un crescendo di poetiche note sono esplose nel brano: La vita è bella , cantato da Caterina, che come lei stessa ha spiegato ben descrive lo spirito con il quale Glauco ha sempre affrontato la vita. A partire da La strada di Nino Rota, attraversando Anna di Trovajoli, Il Postino di Bacalov, Giù la testa, Metti una sera, C'era una volta il west di Morricone, Anonimo Veneziano di Stelvio Cipriani, Malafemmina di De Curtis Totò, 7 Note in nero di Vince Tempera, Profondo Rosso dei Goblin, Il Gattopardo e La dolce vita di Nino Rota, 8 e mezzo La passerella di addio, i l Maestro Tempera al pianoforte ha raccontato aneddoti con ironia e passione per la musica spendendo parole lusinghiere per il lavoro dell'ingegnere che ha sempre avuto al fianco a propria famiglia, perno e punto fermo di tutta la sua vita. Il racconto musicale è stato accompagnato da documenti storici, fotografie, riprese, filmati, testimonianze introdotte da una commossa Virginia Masoni e condensate in un video realizzato da Canale 3 Toscana, dove è stata sintetizzata la vita e l'opera di Glauco Dei. Emozionante ma scevro da sentimentalismi, è stato poterlo ascoltare nel filmato e assaporare l'entusiasmo con il quale ha sempre affrontato la propria quotidianità e la propria vita. Nato a Serre di Rapolano l'ingegnere ha seguito le orme del padre Alibrando, ed ha gestito per 50 anni la Travertini Paradiso srl Gruppo Dei di cui adesso si occupa la figlia Camilla. Un passaggio di competenze trigenerazionale che affonda le radici in un passato ancora vivo e presente. In una intervista fatta da Enza Billi a Mauro Berrettini e riportata in “ Comunità di mestiere: percorso etnografico sulle cave di travertino di Rapolano Terme ” (V. Lusini-Università degli Studi di Siena” si legge: “ Lavorare la pietra insegnava certi comportamenti. [...] L'uomo attraverso le mani apprende cose che non si possono apprendere con la mente: la grande sapienza delle mani e il rigore del mestiere”. Antichi mestieri che insegnavano la vita ancor prima del lavoro. Per quello che riguarda il vino, nel 1964, sempre il nonno di Caterina e Camilla, Alibrando, sceglie di acquistare i terreni di Bossona dove viene impiantato il primo vigneto e scopre un luogo straordinario, ideale per la produzione di grandi vini rossi. Negli anni 70 viene l'acquisto della proprietà di Martiena e della Villa padronale. Sarà il 1985 un anno di eccezionale vendemmia, quando la famiglia Dei esce con la sua prima bottiglia di Vino Nobile di Montepulciano. Da oltre 20 anni Caterina è l'interprete di questa tradizione, come si legge sul sito delle cantine. Un connubio di ricordi, gusti e sapori che hanno messo insieme un'opera unica; quella che lo stesso ingegnere definiva una Sinfonia. A seguire sapori toscani che si sono sposati alle atmosfere magiche della serata regalando agli intervenuti un esempio vivente di ciò che accade quando si riesce ad unire tecnica e cuore.

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e