Passa ai contenuti principali

Scheri Riflessi di Armando Lostaglio: Eleganza, splendidi paesaggi e atmosfere coinvolgenti alle Cantine Dei di Paola Dei


Il 22 settembre alle Cantine Dei di Montepulciano dalle ore 18,00, si è svolta la prima edizione di Sinfonia d'Impresa dedicata all'ingegner Glauco Dei, un industriale che ha saputo coniugare cultura, imprenditorialità e gusto del bello. Voluta fortemente dalle figlie Caterina e Camilla e dalla moglie Annamaria, la serata ha visto la partecipazione di oltre 200 ospiti che hanno potuto degustare il sapore unico di uno dei vini catalogati fra i migliori 50 italiani: La Madonna della Querce , dedicato dalla figlia Caterina al padre e hanno inoltre potuto vivere l'evento all'interno di una straordinaria opera architettonica a forma di chiocciola, realizzata in travertino, settore del quale si occupa la figlia Camilla. Due eccellenze toscane dalle quali emerge grande professionalità ma anche tanto cuore, che traspare sia da ognuna delle opere monumentali realizzate in tutto il mondo dall'ingegnere del travertino toscano, sia dalle bottiglie di vino che custodiscono fragranze che ben si sposano con le dolci colline dei paesaggi toscani. A guidare gli ospiti nella vita e nelle opere dell'ingegnere nato a Serre di Rapolano, la musica del Maestro Vince Tempera che, accompagnato da un quartetto di archi ha fatto attraversare agli intervenuti le più suggestive colonne sonore di film senza tempo. Delicate melodie che in un crescendo di poetiche note sono esplose nel brano: La vita è bella , cantato da Caterina, che come lei stessa ha spiegato ben descrive lo spirito con il quale Glauco ha sempre affrontato la vita. A partire da La strada di Nino Rota, attraversando Anna di Trovajoli, Il Postino di Bacalov, Giù la testa, Metti una sera, C'era una volta il west di Morricone, Anonimo Veneziano di Stelvio Cipriani, Malafemmina di De Curtis Totò, 7 Note in nero di Vince Tempera, Profondo Rosso dei Goblin, Il Gattopardo e La dolce vita di Nino Rota, 8 e mezzo La passerella di addio, i l Maestro Tempera al pianoforte ha raccontato aneddoti con ironia e passione per la musica spendendo parole lusinghiere per il lavoro dell'ingegnere che ha sempre avuto al fianco a propria famiglia, perno e punto fermo di tutta la sua vita. Il racconto musicale è stato accompagnato da documenti storici, fotografie, riprese, filmati, testimonianze introdotte da una commossa Virginia Masoni e condensate in un video realizzato da Canale 3 Toscana, dove è stata sintetizzata la vita e l'opera di Glauco Dei. Emozionante ma scevro da sentimentalismi, è stato poterlo ascoltare nel filmato e assaporare l'entusiasmo con il quale ha sempre affrontato la propria quotidianità e la propria vita. Nato a Serre di Rapolano l'ingegnere ha seguito le orme del padre Alibrando, ed ha gestito per 50 anni la Travertini Paradiso srl Gruppo Dei di cui adesso si occupa la figlia Camilla. Un passaggio di competenze trigenerazionale che affonda le radici in un passato ancora vivo e presente. In una intervista fatta da Enza Billi a Mauro Berrettini e riportata in “ Comunità di mestiere: percorso etnografico sulle cave di travertino di Rapolano Terme ” (V. Lusini-Università degli Studi di Siena” si legge: “ Lavorare la pietra insegnava certi comportamenti. [...] L'uomo attraverso le mani apprende cose che non si possono apprendere con la mente: la grande sapienza delle mani e il rigore del mestiere”. Antichi mestieri che insegnavano la vita ancor prima del lavoro. Per quello che riguarda il vino, nel 1964, sempre il nonno di Caterina e Camilla, Alibrando, sceglie di acquistare i terreni di Bossona dove viene impiantato il primo vigneto e scopre un luogo straordinario, ideale per la produzione di grandi vini rossi. Negli anni 70 viene l'acquisto della proprietà di Martiena e della Villa padronale. Sarà il 1985 un anno di eccezionale vendemmia, quando la famiglia Dei esce con la sua prima bottiglia di Vino Nobile di Montepulciano. Da oltre 20 anni Caterina è l'interprete di questa tradizione, come si legge sul sito delle cantine. Un connubio di ricordi, gusti e sapori che hanno messo insieme un'opera unica; quella che lo stesso ingegnere definiva una Sinfonia. A seguire sapori toscani che si sono sposati alle atmosfere magiche della serata regalando agli intervenuti un esempio vivente di ciò che accade quando si riesce ad unire tecnica e cuore.

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Il ferro battuto di Pietro Lettieri

Arte e cultura: da Rapone a Londra e Dubai  Rapone. L’idea nasce da Marianna Pinto, una giovane manager di Rapone, da alcuni anni attiva con una grande azienda a Londra. Gira molto per l’Europa e non soltanto, dopo gli studi svolti a Bologna. E’ dunque intenzionata ad esportare il made in Italy, in particolare “una antica arte m a allo stesso tempo nuova che in Italia sta scomparendo: sculture e quadri ed elementi di interior design in ferro battuto.” Il fulcro della galleria e un artigiano/artista di Rapone, Pietro Lettieri in arte Pie.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: “Oltre la felicità” di Michele Libutti

Può capitare che uno scrittore senta il bisogno di ri-raccontarsi con maggiore veemenza, ovvero di fare ulteriore chiarezza rispetto a quanto ha già pubblicato. Oltre la Felicità di Michele Libutti Accade allo scrittore lucano Michele Libutti che ha alle spalle diciannove pubblicazioni, un quarantennio da medico, una laurea in lettere classiche e premi letterari di livello nazionale. Con il suo ultimo lavoro dal titolo impegnativo “Oltre la felicità” (Nuova Prhomos Edizioni) lo scrittore si misura con la probabilità di carpire il segreto che sta dietro a tale ambizione umana e necessaria che chiamiamo felicità, in fondo ad un viale ipotetico o reale che sia. Operazione non sempre riuscita a scrittori e intellettuali anche del grande schermo come Woody Allen, ipocondriaco che sente sempre il bisogno di ambire a quel livello superiore che chiamiamo felicità. Michele Libutti sente, dicevamo, un bisogno ulteriore, di fare chiarezza nella maniera di interpretare questo suo testo, che ap…

Segnalazione in primo Piano: l Quarry Resort di Matera vincitore al Premio “La Fabbrica nel Paesaggio – edizione 2020”

Si è tenuta a Foligno la premiazione dei vincitori del bando nazionale indetto dal club per l’UNESCO di Foligno e Valle del Clitunno e dalla FICLU, Federazione Nazionale dei Centri e Club per L’Unesco, “La fabbrica nel paesaggio - premio 2020”. Il primo premio se lo è meritato il Quarry Resort- Palazzo Zicari di Matera candidata dal Club per l’UNESCO del Vulture con la seguente motivazione: “Per la perfetta e piena rispondenza ai criteri del 1 e 2 del bando cioè della conservazione, anzi del miglioramento, di un paesaggio naturale e culturale di grande delicatezza, quale quello dei sassi di Matera, nel rispetto delle vocazioni territoriali. Il tutto avendo garantito un’alta qualità estetica dell’intervento e dimostrato la capacità di sapere restaurare e reintegrare una grave lacuna urbana in modo colto e, al tempo stesso, produttivo, tale da generare una nuova realtà capace di produrre lavoro oltre che interazione sociale e culturale. Molto interessante il recupero delle vecc…