Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi: Armando Lostaglio nel documentario Venezia 4 Settembre


Festeggiare il proprio compleanno a Venezia é il sogno di ogni cinefilo. Festeggiare il proprio compleanno a Venezia per 30 anni di seguito é un sogno degno di essere raccontato in un documentario. Felice Vino, regista di origine lucana, porta sul grande schermo Armando Lostaglio nel documentario Venezia 4 Settembre.


Non si tratta solo della storia di un appuntamento trentennale, ma anche quella di un vero e proprio amore per il Cinema, con la C maiuscola. Venezia é infatti la più antica e prestigiosa Mostra del mondo. Il Festival per antonomasia, nel quale si susseguono gli attori e i registi più illustri, i film dei quali si parlerà per tutto l'anno seguente. Quelli che rimarranno nella storia. In altre parole, Venezia é "Luogo dell'anima e dell'amore che contagia anche gli altri ambiti". Venezia 4 Settembre raccoglie le riflessioni di Lostaglio, critico cinematografico lucano di Rionero in Vulture.
A tal punto innamorato della Mostra da coinvolgere non solo gli appassionati del CineClub De Sica, che ha fondato con altri amici e che dirige da anni in Basilicata, ma anche i più giovani, università, scuole e carceri. Il documentario é quindi arricchito dalle testimonianze di coloro che hanno condiviso con Armando questo viaggio lungo trent'anni: molti dei compagni di viaggio conosciuti al Lido. Girato nel 2018, grazie alla curiosità del produttore Gerardo Graziano per il critico lucano, Venezia 4 Settembre vuole raccontare chi ha partecipato a questo momento di formazione fondamentale. Chi ha festeggiato ogni anno la speciale data insieme ad Armando Lostaglio. Chi è accomunato da quella passione viscerale, chiamata Cinema. Appuntamento all'Excelsior, cuore pulsante della Mostra, nella sede della Fondazione Ente dello Spettacolo martedì 3 settembre ore 17,45. 

 Giorgia Colucci

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Il ferro battuto di Pietro Lettieri

Arte e cultura: da Rapone a Londra e Dubai    Rapone. L’idea nasce da Marianna Pinto, una giovane manager di Rapone, da alcuni anni attiva con una grande azienda a Londra. Gira molto per l’Europa e non soltanto, dopo gli studi svolti a Bologna. E’ dunque intenzionata ad esportare il made in Italy, in particolare “una antica arte m a allo stesso tempo nuova che in Italia sta scomparendo: sculture e quadri ed elementi di interior design in ferro battuto.” Il fulcro della galleria e un artigiano/artista di Rapone, Pietro Lettieri in arte Pie.

📰 Segnalazioni in Primo Piano: LA DOTT.SSA STEFANIA LAMANNA: PEDIATRA E SCRITTRICE

La dottoressa Stefania Lamanna rappresenta da tantissimi anni un punto di riferimento importante nel mondo della Pediatria dell’intera zona del Nord Basilicata. Svolge la sua professione con competenza e professionalità dal 1993, assistendo all’evoluzione generazionale di tutti i bambini e delle mamme mettendo a confronto l’epoca precedente e questa, denotando tante differenze sorprendenti, riferisce infatti di aver notato, nella società attuale, una prevalenza di digitalizzazione (soprattutto sotto l’aspetto dei social) piuttosto che aggregazioni interpersonali più partecipate e più vive. Con tutta se stessa si è sempre prodigata in prima persona per curare i bambini in maniera dettagliata, attenta, e soprattutto per ‘’educare’’ le mamme per quanto riguarda l’approccio psicologico, di educazione ed abitudine dei lori figli. La dott.ssa Lamanna sottolinea l’importanza di seguire oculatamente i bambini da 0 a 16 anni circa, affermando che secondo il suo parere professionale ogni

📰 Segnalazioni in Primo Piano: Intervista al musicista rionerese EDOARDO CARDONE

Edoardo Cardone, musicista 29enne di Rionero in Vulture, ha un vasto excursus artistico-musicale: A 12 anni inizia a studiare chitarra classica con il maestro Dino Rigillo; successivamente abbandona gli studi classici e si dedica allo studio della chitarra elettrica da autodidatta; nel 2010 studia armonia, ear-training e solfeggio con la maestra Lisa Preziuso; nel 2012 inizia il percorso di studi presso il Modern Music Insitute dove studia chitarra moderna ad indirizzo Rock/Fusion con il maestro Mirco Di Mitrio ed il presidente Alex Stornello approfondendo lo studio della chitarra elettrica, armonia avanzata a 360° e contemporaneamente studia HD recording con Andrea Pellegrini e Davide Rossi; nel 2018 si diploma al Modern Music Institute con il massimo dei voti; diventa insegnante abilitato MMI INTERNATIONAL e i suoi corsi di chitarra si svolgono presso la scuola di musica Rockin’Rio a Rionero in Vulture che è l’unico centro abilitato MMI in Basilicata e  la formazione è aperta a tutt