Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi: Armando Lostaglio nel documentario Venezia 4 Settembre


Festeggiare il proprio compleanno a Venezia é il sogno di ogni cinefilo. Festeggiare il proprio compleanno a Venezia per 30 anni di seguito é un sogno degno di essere raccontato in un documentario. Felice Vino, regista di origine lucana, porta sul grande schermo Armando Lostaglio nel documentario Venezia 4 Settembre.


Non si tratta solo della storia di un appuntamento trentennale, ma anche quella di un vero e proprio amore per il Cinema, con la C maiuscola. Venezia é infatti la più antica e prestigiosa Mostra del mondo. Il Festival per antonomasia, nel quale si susseguono gli attori e i registi più illustri, i film dei quali si parlerà per tutto l'anno seguente. Quelli che rimarranno nella storia. In altre parole, Venezia é "Luogo dell'anima e dell'amore che contagia anche gli altri ambiti". Venezia 4 Settembre raccoglie le riflessioni di Lostaglio, critico cinematografico lucano di Rionero in Vulture.
A tal punto innamorato della Mostra da coinvolgere non solo gli appassionati del CineClub De Sica, che ha fondato con altri amici e che dirige da anni in Basilicata, ma anche i più giovani, università, scuole e carceri. Il documentario é quindi arricchito dalle testimonianze di coloro che hanno condiviso con Armando questo viaggio lungo trent'anni: molti dei compagni di viaggio conosciuti al Lido. Girato nel 2018, grazie alla curiosità del produttore Gerardo Graziano per il critico lucano, Venezia 4 Settembre vuole raccontare chi ha partecipato a questo momento di formazione fondamentale. Chi ha festeggiato ogni anno la speciale data insieme ad Armando Lostaglio. Chi è accomunato da quella passione viscerale, chiamata Cinema. Appuntamento all'Excelsior, cuore pulsante della Mostra, nella sede della Fondazione Ente dello Spettacolo martedì 3 settembre ore 17,45. 

 Giorgia Colucci

Commenti

Post popolari in questo blog

Segnalazioni in Primo Pino: Un romanzo di fantascienza italiana nato tra Lombardia e Basilicata

Un ragazzo del Sud mette a frutto le sue qualità informatiche per creare un mondo migliore dopo la morte di suo fratello, l’ennesima morte bianca. Un libro di fantascienza italiana, nato tra Lombardia e Basilicata. Il quadro è Milano ed il suo hinterland, ma anche Gallarate che gravita come la Luna intorno al suo aeroporto internazionale di Malpensa, con i suoi mille voli giornalieri. Tutto parte al Sud, in terra lucana. Rocco “rappresenta” un po’ tutti i ragazzi buoni d’Italia: volenterosi, intelligenti e umili. Dopo la morte del fratello, a causa di un incidente sul lavoro, l’ennesima morte bianca , decide, ormai trent’enne, di riscriversi all’Università e dedicarsi allo studio dell’Intelligenza Artificiale . Finalmente potrà usare le sue innate qualità. Il progetto per lui è chiaro sin dall’inizio, ma quello che gli succederà andrà oltre quanto preventivato, portandolo ai bordi dell’Universo e prendendo contatto con una specie aliena, i SyborgX. Rocco non compi

Le migliori vignette sulla vittoria di Donald Trump alle elezioni Usa

Reportage. In questo momento nel mondo: Norvegia, Fiji, Scozia, Thailandia