Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Martin Eden rivisto con Stefano Bonaga


Si incontra spesso il filosofo Stefano Bonaga durante la Mostra del Cinema, dove è invitato per tenere seminari e dibattere su tematiche scaturite dai film. Laureatosi con Gilles Deleuze, docente di antropologia filosofica dell'Università di Bologna, è un intellettuale con il quale si può discutere con semplicità raccogliendo sempre qualcosa di nuovo. Mediante un rapporto empatico che ci lega da diversi anni, parliamo di uno dei tre film italiani in concorso alla 76^ Mostra: “Martin Eden” del casertano Pietro Marcello - sceneggiato con Maurizio Braucci - il cui protagonista Luca Marinelli ha vinto la Coppa Volpi quale miglior attore. Il film di Marcello si ispira liberamente al Martin Eden che lo scrittore statunitense Jack London pubblicò ai primi del 900; lo traspone in una città di mare europea, a Napoli. E il personaggio diventa a noi piuttosto familiare, per accento e vibrazioni. Non resta collocato in un tempo specifico, è “una figura contemporanea che attraversa il mare del 900” dirà il regista. “Questa diacronia del personaggio che, pur vivendo diversi tempi, rimane lo stesso, paradossalmente – ci dice il filosofo Bonaga – lo pone in una non temporalità che i greci chiamavano “aiòn”: una specie di eterno presente pur utilizzando strumenti di passaggio da un tempo all’altro. E paradossalmente va al di là dei tempi, valorizzando la storia. Un effetto bello di un film bello.” Vige una tenace volontà di emancipazione che solo la cultura saprà affrancare? “La storia è interessante: un ragazzo che si riscatta da un grado di povertà ed ignoranza e si ostina fino ad un individualismo estremo, per cui rifiuta una visione collettiva del mondo, perché essendosi conquistato da solo un posto, ipervalorizza la propria individualità risultando persino un po’ esaltato, gasato. Una storia ben costruita dal regista Pietro Marcello che utilizza anche materiale d’archivio e in parte computerizzato come l’affondamento di un veliero del ‘700, allora il cinema non esisteva”. La città di Napoli diventa dunque universalmente una città del mondo, un Sud del mondo. “Quando c’è una caratteristica come la povertà che è comune a tutto il pianeta, qualunque immagine conferisce una sorta di vocazione universale.” Nel film viene citato Spencer, filosofo britannico dell’800 – chiediamo infine al prof. Bonaga. “Mi limito al suo nome: Herbert Spencer, non aggiungo altro”. E noi aggiungiamo il valore del cast: Carlo Cecchi nei panni di Russ Brissenden; straordinari ruoli di contorno, dunque, affidati ad attori della scena napoletana. Come Autilia Ranieri (la sorella di Martin), Gaetano Bruno (il giudice Mattei), e la eccellente Carmen Pommella (Maria). Sempre energico è Marco Leonardi, nel ruolo dell’arrogante cognato. Il commento musicale, infine, riesce a coniugare Debussy e Teresa De Sio. Una consonante libertà espressiva che ci conduce fino ai giorni nostri, con gli immigrati sbarcati sulla spiaggia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Il ferro battuto di Pietro Lettieri

Arte e cultura: da Rapone a Londra e Dubai  Rapone. L’idea nasce da Marianna Pinto, una giovane manager di Rapone, da alcuni anni attiva con una grande azienda a Londra. Gira molto per l’Europa e non soltanto, dopo gli studi svolti a Bologna. E’ dunque intenzionata ad esportare il made in Italy, in particolare “una antica arte m a allo stesso tempo nuova che in Italia sta scomparendo: sculture e quadri ed elementi di interior design in ferro battuto.” Il fulcro della galleria e un artigiano/artista di Rapone, Pietro Lettieri in arte Pie.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: “Oltre la felicità” di Michele Libutti

Può capitare che uno scrittore senta il bisogno di ri-raccontarsi con maggiore veemenza, ovvero di fare ulteriore chiarezza rispetto a quanto ha già pubblicato. Oltre la Felicità di Michele Libutti Accade allo scrittore lucano Michele Libutti che ha alle spalle diciannove pubblicazioni, un quarantennio da medico, una laurea in lettere classiche e premi letterari di livello nazionale. Con il suo ultimo lavoro dal titolo impegnativo “Oltre la felicità” (Nuova Prhomos Edizioni) lo scrittore si misura con la probabilità di carpire il segreto che sta dietro a tale ambizione umana e necessaria che chiamiamo felicità, in fondo ad un viale ipotetico o reale che sia. Operazione non sempre riuscita a scrittori e intellettuali anche del grande schermo come Woody Allen, ipocondriaco che sente sempre il bisogno di ambire a quel livello superiore che chiamiamo felicità. Michele Libutti sente, dicevamo, un bisogno ulteriore, di fare chiarezza nella maniera di interpretare questo suo testo, che ap…

Segnalazione in primo Piano: l Quarry Resort di Matera vincitore al Premio “La Fabbrica nel Paesaggio – edizione 2020”

Si è tenuta a Foligno la premiazione dei vincitori del bando nazionale indetto dal club per l’UNESCO di Foligno e Valle del Clitunno e dalla FICLU, Federazione Nazionale dei Centri e Club per L’Unesco, “La fabbrica nel paesaggio - premio 2020”. Il primo premio se lo è meritato il Quarry Resort- Palazzo Zicari di Matera candidata dal Club per l’UNESCO del Vulture con la seguente motivazione: “Per la perfetta e piena rispondenza ai criteri del 1 e 2 del bando cioè della conservazione, anzi del miglioramento, di un paesaggio naturale e culturale di grande delicatezza, quale quello dei sassi di Matera, nel rispetto delle vocazioni territoriali. Il tutto avendo garantito un’alta qualità estetica dell’intervento e dimostrato la capacità di sapere restaurare e reintegrare una grave lacuna urbana in modo colto e, al tempo stesso, produttivo, tale da generare una nuova realtà capace di produrre lavoro oltre che interazione sociale e culturale. Molto interessante il recupero delle vecc…