Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Martin Eden rivisto con Stefano Bonaga


Si incontra spesso il filosofo Stefano Bonaga durante la Mostra del Cinema, dove è invitato per tenere seminari e dibattere su tematiche scaturite dai film. Laureatosi con Gilles Deleuze, docente di antropologia filosofica dell'Università di Bologna, è un intellettuale con il quale si può discutere con semplicità raccogliendo sempre qualcosa di nuovo. Mediante un rapporto empatico che ci lega da diversi anni, parliamo di uno dei tre film italiani in concorso alla 76^ Mostra: “Martin Eden” del casertano Pietro Marcello - sceneggiato con Maurizio Braucci - il cui protagonista Luca Marinelli ha vinto la Coppa Volpi quale miglior attore. Il film di Marcello si ispira liberamente al Martin Eden che lo scrittore statunitense Jack London pubblicò ai primi del 900; lo traspone in una città di mare europea, a Napoli. E il personaggio diventa a noi piuttosto familiare, per accento e vibrazioni. Non resta collocato in un tempo specifico, è “una figura contemporanea che attraversa il mare del 900” dirà il regista. “Questa diacronia del personaggio che, pur vivendo diversi tempi, rimane lo stesso, paradossalmente – ci dice il filosofo Bonaga – lo pone in una non temporalità che i greci chiamavano “aiòn”: una specie di eterno presente pur utilizzando strumenti di passaggio da un tempo all’altro. E paradossalmente va al di là dei tempi, valorizzando la storia. Un effetto bello di un film bello.” Vige una tenace volontà di emancipazione che solo la cultura saprà affrancare? “La storia è interessante: un ragazzo che si riscatta da un grado di povertà ed ignoranza e si ostina fino ad un individualismo estremo, per cui rifiuta una visione collettiva del mondo, perché essendosi conquistato da solo un posto, ipervalorizza la propria individualità risultando persino un po’ esaltato, gasato. Una storia ben costruita dal regista Pietro Marcello che utilizza anche materiale d’archivio e in parte computerizzato come l’affondamento di un veliero del ‘700, allora il cinema non esisteva”. La città di Napoli diventa dunque universalmente una città del mondo, un Sud del mondo. “Quando c’è una caratteristica come la povertà che è comune a tutto il pianeta, qualunque immagine conferisce una sorta di vocazione universale.” Nel film viene citato Spencer, filosofo britannico dell’800 – chiediamo infine al prof. Bonaga. “Mi limito al suo nome: Herbert Spencer, non aggiungo altro”. E noi aggiungiamo il valore del cast: Carlo Cecchi nei panni di Russ Brissenden; straordinari ruoli di contorno, dunque, affidati ad attori della scena napoletana. Come Autilia Ranieri (la sorella di Martin), Gaetano Bruno (il giudice Mattei), e la eccellente Carmen Pommella (Maria). Sempre energico è Marco Leonardi, nel ruolo dell’arrogante cognato. Il commento musicale, infine, riesce a coniugare Debussy e Teresa De Sio. Una consonante libertà espressiva che ci conduce fino ai giorni nostri, con gli immigrati sbarcati sulla spiaggia.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: ‍A MARATEALE IN ARRIVO NANCY BRILLI, LUCIA OCONE, CINZIA TH TORRINI E GIOVANNI ALLEVI

Nancy Brilli, Lucia Ocone e Cinzia TH Torrini riceveranno un riconoscimento nel corso della tredicesima edizione di “Marateale - Premio internazionale Basilicata”, che si terrà dal 27 al 31 luglio nella splendida location dell’hotel Santa Venere a Maratea. Per le due attrici, Brilli e Ocone, si tratta della prima volta alla Marateale, dove verranno premiate per la loro lunga e trasversale carriera mentre per la regista Cinzia TH Torrini si tratta di un gradito ritorno. “Sono felice che Lucia Ocone e Nancy Brilli abbiano accettato il nostro invito, perché noi di Marateale ci teniamo a premiarle per il loro essere così camaleontiche, visto che da anni riescono a ricoprire con disinvoltura sia ruoli divertenti che drammatici con eguale credibilità in film e fiction di enorme successo” dichiara Antonella Caramia, presidente dell'associazione Cinema Mediterraneo che organizza la kermesse, che aggiunge: “A completare questo tris di donne c’è Cinzia TH Torrini, amica di vecchia data dell

‍📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Rionero in Vulture senza cinema e teatro, dopo 150 anni

Una comunità, senza una sua piazza-agorà e senza un teatro, annienta ed annichilisce una storia che ha quasi tre millenni, ed è indegna di chiamarsi tale. Non è comunità, ma congerie irrilevante di case e di abitanti. E’ l’amara considerazione che scaturisce all’interno comunità di Rionero in Vulture, che da quasi un decennio non ha più un suo cinema né teatro. Nonostante tutto, il CineClub “De Sica” Cinit - che abbiamo fondato da quasi un trentennio - non smette le proprie attività di cultura cinematografica, compiendone almeno una quarantina ogni anno, non solo nella città fondativa. Si utilizzano sale di “fortuna” (centro Anziani, giovanile parrocchiale) adibendole alla bisogna, oppure realizzando proiezioni in arene d’estate (come a Monticchio) o in atri storici (Giardino palazzo Fortunato). “Portatori sani di bellezza” definisce il sociologo De Masi chi diffonde cultura. 

📕 Autori: Madonna del Carmelo... preghiera in versi di Vito Coviello

16 luglio, Madonna del carmelo...   madonna mia,  madre mia divina,  tu dall'alto del mondo ci proteggi tutti,  tu dall'alto del monte proteggi noi lucani,  tu dalla civitas sei di Matera patrona,  tu, agli aviglianesi tanto cara,  dal sacro monte proteggi il popolo tutto,  che in te confida,  nostra celeste mediatrice  verso il Signore padre nostro.  Madonna mia, madre mia,  ti chiameranno Bruna,  ti chiamerranno Annunziata, Addolorata ed Assunta,  ma per me,  nato alle pendici del Carmelo  e sotto il tuo mantosei la madonna del Carmine  protettrice di tutti gli aviglianesi nel mondo.  Maronna mia oggi, 16 luglio,  come da sempre,  le nostre mamme terrene,  a te vengono, a piedi scalzi,  e con in testa il cinto di candele  e fiori addobbati,  per rinnovare il patto  e mettere noi tutti sotto il tuo manto addobato di stelle.....   Vito Coviello,