Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Calabria – Focus sull’arte in Calabria


MUSEO DEI BRETTII E DEGLI ENOTRI 
Salita Sant'Agostino - Cosenza 
Calabria – Focus sull’arte in Calabria 
curatori Enzo Le Pera, Gianluca Covelli, Ghislain Mayaud 
Inaugurazione: 30 ottobre 2019 , ore 17,30 
Dal 30 ottobre al 7 dicembre 2019 

Artisti: Salvatore Anelli; Caterina Arcuri; Cesare Berlingeri; Natino Chirico; Domenico Cordì; Franco Correggia; Maria Credidio; Ugo D'Ambrosi; Sebastiano Dammone Sessa; Elena Diaco Mayer; Massimiliano Ferragina; Franco Flaccavento; Francomà; Fiorentina Giannotta; Franco Lupinacci; Luigi Magli; Max Marra; Diego Minuti; Giuseppe Negro; Fabio Nicotera; Rocco Pangaro; Vincenzo Paonessa; Lina Passalacqua; Salvatore Pepe; Pino Pingitore; Tarcisio Pingitore; Alfredo Pirri; Antonio Pujia Veneziano; Anna Romanello; Nicola Rotiroti; Gianfranco Sergio; Ernesto Spina; Giulio Telarico; Vincenzo Trapasso; Aldo Turchiaro. 

CALABRIA-Focus sull'arte contemporanea 
L’atto pittorico è un rituale muto immerso nel silenzio teso dello studio, dove il segno ideale installa la sua appassionata gestualità sul campo d’azione per elaborare la macchina emotiva che usualmente chiamiamo dipinto. Dall’interminabile ballo pittorico, nasce un autentico dialogo silenzioso carico di sintesi fra le orme lasciate e lo spazio costruito sul supporto. Con la realizzazione del volume “CALABRIA-Focus sull’arte contemporanea”, il silenzio di 35 opere, pari allo straordinario urlo di Edvard Munch, invade la carta e plasma il silenzio delle 64 pagine. Si svela il confronto con l’eccellenza del nostro territorio. Ampiamente nutrito dai testi di Enzo Le Pera (Storia e memoria, Scaturigini dell’arte contemporanea in Calabria), di Gianluca Covelli (Lo stato dell’arte) e di Ghislain Mayaud che scrive appositamente per ogni opera pubblicata, il libro presentato al Museo dei Brettii e degli Enotri di Cosenza, è accompagnato dall’esposizione dei significativi lavori presentati nel volume. La coscienza moderna della complessità sconfina le inquietudini assorbite dal quotidiano e percepisce l’elaborata perfezione per approdare nella raggiunta dimora dell’arte. L’immaginario dialogante è proposto dagli artisti Salvatore Anelli; Caterina Arcuri; Cesare Berlingeri; Natino Chirico; Domenico Cordì; Franco Correggia; Maria Credidio; Ugo D'Ambrosi; Sebastiano Dammone Sessa; Elena Diaco Mayer; Massimiliano Ferragina; Franco Flaccavento; Francomà; Fiorentina Giannotta; Franco Lupinacci; Luigi Magli; Max Marra; Diego Minuti; Giuseppe Negro; Fabio Nicotera; Rocco Pangaro; Vincenzo Paonessa; Lina Passalacqua; Salvatore Pepe; Pino Pingitore; Tarcisio Pingitore; Alfredo Pirri; Antonio Pujia Veneziano; Anna Romanello; Nicola Rotiroti; Gianfranco Sergio; Ernesto Spina; Giulio Telarico; Vincenzo Trapasso; Aldo Turchiaro. Affiorano negli spazi espositivi giochi paralleli tra intelletto e istinto, pensiero ed emotività. L’insieme offre un irrinunciabile e rilevante riferimento del panorama dell’arte contemporanea dove la creatività si trasforma in sorgente pronta a cibare le anime del lettore e a generare nuove formule artistiche. La mostra premia, senza alcun dubbio, il lavoro minuzioso formulato dal principale promotore e curatore Enzo Le Pera mentre lo spazio espositivo si trasforma in una grandiosa e incensurata fabbrica di emozioni. verrà presentato il volume 

CALABRIA-Focus sull'arte contemporanea di Enzo Le Pera, Gianluca Covelli, Ghislain Mayaud, Rubbettino editore Ne parleranno con gli autori Marilena Cerzoso, Direttrice del Museo Maurizio Vitiello, Sociologo, critico d'arte Sarà presente il Sindaco di Cosenza, arch. Mario Occhiuto Enzo Le Pera, Gianluca Covelli, Ghislain Mayaud 

CALABRIA-Focus sull'arte contemporanea Catalogo in mostra edizioni Rubbettino 2019 , euro 25,00

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo