Passa ai contenuti principali

Eventi 2019: Conclusa la Partecipazione delle Forze Armate a Matera2019


GRANDE INTERESSE PER LA CULTURA DELLA DIFESA Matera “ Capitale Europea della Cultura 2019 ”, è stata per un fine settimana anche la capitale della “ Cultura della Difesa ”, con le Forze Armate che hanno presentato un programma ricco di eventi per far conoscere la realtà militare e le molteplici attività svolte quotidianamente al servizio della collettività. Un flusso ininterrotto di visitatori ha interagito con il personale di Esercito, Marina, Aeronautica e Carabinieri che ha illustrato caratteristiche e peculiarità attraverso mostre di mezzi ed equipaggiamenti in uso, conferenze tematiche, una mostra fotografica “365 - Un Anno con le Forze Armate” ed una ricca esposizione dell’editoria militare. Numerose sono state le iniziative presentate nel monumentale Ex Ospedale S. Rocco, sede principale dell'evento, dove i tantissimi visitatori hanno avuto la possibilità di provare simulatori di motociclette, di una barche a vela e del caccia Eurofighter, oltre a poter vedere e conoscere i reparti delle Forze Armate che offrono servizi alla collettività, fra i principali temi: antisabotaggio, ricerca e soccorso nelle calamità naturali, previsioni meteo e risoluzione dei casi mediante la simulazione della “scena del crimine”. Non si è assolutamente dimenticato l'ambiente, con uno stand dedicato alla biodiversità e al riciclo della plastica per evitare di disperderla nell'ambiente. Oltre a queste attività stanziali, notevole successo hanno riscontrato gli eventi svolti all'esterno dell'Ex Ospedale San Rocco: esibizione di team cinofili per la ricerca di materiale esplosivo con relativa neutralizzazione, l’esibizione della Fanfara del 7° Reggimento Bersaglieri e il concerto della Banda Musicale dell'Aeronautica Militare. Inoltre, il 21 settembre un picchetto interforze, a Piazza Vittorio Veneto, e il sorvolo delle Frecce tricolori hanno reso un doveroso e sentito omaggio alla celebrazione del 76° anniversario dell'insurrezione di Matera contro l'oppressione nazifascista ed ai suoi caduti. I più di 20mila visitatori, nel solo ex ospedale San Rocco, che con la loro presenza hanno voluto testimoniare, oltre alla curiosità nei confronti delle attività del ”mondo con le stellette”, anche un sincero apprezzamento per il lavoro dei militari svolto quotidianamente al servizio del Paese. Grazie Matera. #UnaForzaPerilPaese #CulturadellaDifesa

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018