Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi: Recenti attività del “CineClub Vittorio De Sica” - Cinit


CineClub VITTORIO DE SICA - Cinit, Associazione di cultura cinematografica, opera ormai da oltre 25 anni sul territorio regionale, ma anche in Italia e rapporti esteri con Parigi, Locarno, e persino in Australia, ottenendo appassionanti effetti che coinvolgono anche diverse altre attività culturali. Solo negli ultimi due mesi, dalla 76^ Mostra di Venezia in poi, ha già realizzato e messo in calendario numerose attività di divulgazione culturale. Alla Mostra del Cinema su Lido di Venezia ha presentato il film THE KING OF PAPARAZZI di Giancarlo Scarchilli e Massimo Spada, imperniato sulle vicende artistiche del noto paparazzo Rino Barillari; il film è prodotto da Francesco Di Silvio, originario della nostra regione che opera da anni a Parigi.


Sempre a Venezia il De Sica , nelle eleganti sale dell’Hotel Excelsior, ha promosso con il contributo di Letizia Guerreschi, la presentazione del documentario VENEZIA 4 SETTEMBRE diretto e montato da Felice Vino, su produzione di BWeb-Tv di Gerardo Graziano e del CineClub V. De Sica. Il film tratta della trentennale attività svolta dal De Sica proprio durante la Mostra del Cinema più antica del mondo: con immagini inedite riprese nei decenni passati e con racconti estemporanei, il documentario è un atto d’amore verso il Cinema secondo Armando Lostaglio, originato da una idea proprio del produttore Graziano. Il film ha riscosso notevoli consensi, alla presenza dell’assessore alla Cultura della Regione Veneto, Cristiano Corazzari, e del Rettore dell’Università di Venezia IUAV Amerigo Restucci. La Mostra è dunque un momento di grande vivacità culturale nel segno del grande Cinema: Il De Sica ha infatti partecipato alla Giuria del Premio collaterale “ Un sorriso diverso ”, presieduto dal critico Catello Masullo, nel quale è stato premiato con il capolavoro di Roman Polansky “J’accuse” anche il film “Mio fratello insegue i dinosauri” del giovane regista Stefano Cipani, premiato insieme al piccolo Lorenzo Sisto. Il film tratta con delicatezza il problema della disabilità, manifestando le difficoltà quotidiane che vede la famiglia al centro delle ansie e delle gioie.



Il film verrà proposto agli studenti delle scuole di Venosa giovedì 17 ottobre nel Cinema Lovaglio; a presentarlo sarà Armando Lostaglio, che ha fatto parte della Giuria a Venezia. Sempre a Venezia si è svolto il XV Congresso Nazionale del Cinit Cineforum Italiano che compie 60 anni di attività ininterrotte e conta un centinaio di cinecircoli in tutta Italia: il De Sica è stato riconfermato nel direttivo nazionale (alla vicepresidenza Armando Lostaglio) e componente anche Daniele Bracuto del Cinecircolo Pasolini di Barile. Intanto a Rionero, con la ripresa dell’anno scolastico, proseguono al Liceo Artistico dell’I.I.S. G. Fortunato le lezioni di cinema con il progetto “ De L’acerba e cruda diva ” promosse dall’ Associazione Manthano unitamente al CineClub De Sica. Dopo la presenza in primavera del regista lucano Rocco Talucci, venerdì 18 ottobre sarà presente con gli studenti e i docenti la regista Amila Aliani che tratterà del suo film STIGE. La tematica della violenza di genere sarà discussa attraverso la lettura sperimentale del film, girato in Basilicata e attualmente distribuito su Amazon Prime Video. “L’idea di questo lungometraggio – dice la regista - nasce dal voler trattare il grave problema della violenza di genere, finalizzato al riconoscimento di sé stessi, con contenuti elaborati secondo la psicoanalisi, tale da avere un impatto significativo sulla mente dello spettatore mediante stimoli empatici. Una storia che si sviluppa in una sorta di dopoguerra della psiche, un occhio sul reale comportamento del cervello nei confronti della memoria.” Infine, il De Sica è invitato a far parte della Giuria del 70° Montecatini Film Festival diretto da Marcello Zeppi: è il Festival il più antico in Italia dopo la Mostra di Venezia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Il ferro battuto di Pietro Lettieri

Arte e cultura: da Rapone a Londra e Dubai    Rapone. L’idea nasce da Marianna Pinto, una giovane manager di Rapone, da alcuni anni attiva con una grande azienda a Londra. Gira molto per l’Europa e non soltanto, dopo gli studi svolti a Bologna. E’ dunque intenzionata ad esportare il made in Italy, in particolare “una antica arte m a allo stesso tempo nuova che in Italia sta scomparendo: sculture e quadri ed elementi di interior design in ferro battuto.” Il fulcro della galleria e un artigiano/artista di Rapone, Pietro Lettieri in arte Pie.

📰 Segnalazioni in Primo Piano: Intervista al musicista rionerese EDOARDO CARDONE

Edoardo Cardone, musicista 29enne di Rionero in Vulture, ha un vasto excursus artistico-musicale: A 12 anni inizia a studiare chitarra classica con il maestro Dino Rigillo; successivamente abbandona gli studi classici e si dedica allo studio della chitarra elettrica da autodidatta; nel 2010 studia armonia, ear-training e solfeggio con la maestra Lisa Preziuso; nel 2012 inizia il percorso di studi presso il Modern Music Insitute dove studia chitarra moderna ad indirizzo Rock/Fusion con il maestro Mirco Di Mitrio ed il presidente Alex Stornello approfondendo lo studio della chitarra elettrica, armonia avanzata a 360° e contemporaneamente studia HD recording con Andrea Pellegrini e Davide Rossi; nel 2018 si diploma al Modern Music Institute con il massimo dei voti; diventa insegnante abilitato MMI INTERNATIONAL e i suoi corsi di chitarra si svolgono presso la scuola di musica Rockin’Rio a Rionero in Vulture che è l’unico centro abilitato MMI in Basilicata e  la formazione è aperta a tutt

📰 Segnalazioni in Primo Piano: LA DOTT.SSA STEFANIA LAMANNA: PEDIATRA E SCRITTRICE

La dottoressa Stefania Lamanna rappresenta da tantissimi anni un punto di riferimento importante nel mondo della Pediatria dell’intera zona del Nord Basilicata. Svolge la sua professione con competenza e professionalità dal 1993, assistendo all’evoluzione generazionale di tutti i bambini e delle mamme mettendo a confronto l’epoca precedente e questa, denotando tante differenze sorprendenti, riferisce infatti di aver notato, nella società attuale, una prevalenza di digitalizzazione (soprattutto sotto l’aspetto dei social) piuttosto che aggregazioni interpersonali più partecipate e più vive. Con tutta se stessa si è sempre prodigata in prima persona per curare i bambini in maniera dettagliata, attenta, e soprattutto per ‘’educare’’ le mamme per quanto riguarda l’approccio psicologico, di educazione ed abitudine dei lori figli. La dott.ssa Lamanna sottolinea l’importanza di seguire oculatamente i bambini da 0 a 16 anni circa, affermando che secondo il suo parere professionale ogni