Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi: Recenti attività del “CineClub Vittorio De Sica” - Cinit


CineClub VITTORIO DE SICA - Cinit, Associazione di cultura cinematografica, opera ormai da oltre 25 anni sul territorio regionale, ma anche in Italia e rapporti esteri con Parigi, Locarno, e persino in Australia, ottenendo appassionanti effetti che coinvolgono anche diverse altre attività culturali. Solo negli ultimi due mesi, dalla 76^ Mostra di Venezia in poi, ha già realizzato e messo in calendario numerose attività di divulgazione culturale. Alla Mostra del Cinema su Lido di Venezia ha presentato il film THE KING OF PAPARAZZI di Giancarlo Scarchilli e Massimo Spada, imperniato sulle vicende artistiche del noto paparazzo Rino Barillari; il film è prodotto da Francesco Di Silvio, originario della nostra regione che opera da anni a Parigi.


Sempre a Venezia il De Sica , nelle eleganti sale dell’Hotel Excelsior, ha promosso con il contributo di Letizia Guerreschi, la presentazione del documentario VENEZIA 4 SETTEMBRE diretto e montato da Felice Vino, su produzione di BWeb-Tv di Gerardo Graziano e del CineClub V. De Sica. Il film tratta della trentennale attività svolta dal De Sica proprio durante la Mostra del Cinema più antica del mondo: con immagini inedite riprese nei decenni passati e con racconti estemporanei, il documentario è un atto d’amore verso il Cinema secondo Armando Lostaglio, originato da una idea proprio del produttore Graziano. Il film ha riscosso notevoli consensi, alla presenza dell’assessore alla Cultura della Regione Veneto, Cristiano Corazzari, e del Rettore dell’Università di Venezia IUAV Amerigo Restucci. La Mostra è dunque un momento di grande vivacità culturale nel segno del grande Cinema: Il De Sica ha infatti partecipato alla Giuria del Premio collaterale “ Un sorriso diverso ”, presieduto dal critico Catello Masullo, nel quale è stato premiato con il capolavoro di Roman Polansky “J’accuse” anche il film “Mio fratello insegue i dinosauri” del giovane regista Stefano Cipani, premiato insieme al piccolo Lorenzo Sisto. Il film tratta con delicatezza il problema della disabilità, manifestando le difficoltà quotidiane che vede la famiglia al centro delle ansie e delle gioie.



Il film verrà proposto agli studenti delle scuole di Venosa giovedì 17 ottobre nel Cinema Lovaglio; a presentarlo sarà Armando Lostaglio, che ha fatto parte della Giuria a Venezia. Sempre a Venezia si è svolto il XV Congresso Nazionale del Cinit Cineforum Italiano che compie 60 anni di attività ininterrotte e conta un centinaio di cinecircoli in tutta Italia: il De Sica è stato riconfermato nel direttivo nazionale (alla vicepresidenza Armando Lostaglio) e componente anche Daniele Bracuto del Cinecircolo Pasolini di Barile. Intanto a Rionero, con la ripresa dell’anno scolastico, proseguono al Liceo Artistico dell’I.I.S. G. Fortunato le lezioni di cinema con il progetto “ De L’acerba e cruda diva ” promosse dall’ Associazione Manthano unitamente al CineClub De Sica. Dopo la presenza in primavera del regista lucano Rocco Talucci, venerdì 18 ottobre sarà presente con gli studenti e i docenti la regista Amila Aliani che tratterà del suo film STIGE. La tematica della violenza di genere sarà discussa attraverso la lettura sperimentale del film, girato in Basilicata e attualmente distribuito su Amazon Prime Video. “L’idea di questo lungometraggio – dice la regista - nasce dal voler trattare il grave problema della violenza di genere, finalizzato al riconoscimento di sé stessi, con contenuti elaborati secondo la psicoanalisi, tale da avere un impatto significativo sulla mente dello spettatore mediante stimoli empatici. Una storia che si sviluppa in una sorta di dopoguerra della psiche, un occhio sul reale comportamento del cervello nei confronti della memoria.” Infine, il De Sica è invitato a far parte della Giuria del 70° Montecatini Film Festival diretto da Marcello Zeppi: è il Festival il più antico in Italia dopo la Mostra di Venezia.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo