Passa ai contenuti principali

Segnalazione in Primo Piano: "L'Italia agli Oscar" il nuovo libro fotografico di Vincenzo Mollica



In uscita dall'8 ottobre il nuovo libro di Vincenzo Mollica dedicato alla storia del Premio Oscar, visto dagli italiani.
Sono tanti gli italiani che hanno vinto la prestigiosa statuetta oltre Sophia Loren, Vittorio De Sica, Anna Magnani, Federico Fellini, Ennio Morricone, Roberto Benigni, Paolo Sorrentino, Gabriele Salvatores....
Un viaggio fra America e Italia, anche fotografico... 
L’ITALIA AGLI OSCAR, racconto di un cronista
Italy at the Oscars, A journalist’s tale
Un racconto di Vincenzo Mollica
a cura di Steve Della Casa
Testi in italiano e inglese
Una coedizione Luce – Cinecittà / Edizioni Sabinae
Isbn 978 8898 623 952
Pagine: 216, cartonato
Dimensioni: 21 x 26 cm.
euro 28,00
USCITA OTTOBRE 2019
______________________________

Che cosa sono gli Oscar? Forse il paragone che rende meglio l’idea della loro importanza è di tipo liturgico. Il premio Oscar, a mio avviso, è l’altare maggiore di quella immensa cattedrale che è il cinema. Tutte le cattedrali, come sappiamo hanno tante navate, tanti altari minori, ma l’altare maggiore è quello sul quale si svolge la messa più importante, quella cantata, quella delle grandi occasioni. Ed è una messa sempre uguale e sempre lo sarà, nei secoli dei secoli. Io ci sono andato più di trenta volte e la liturgia è sempre stata la stessa. Quelli che prenderanno la statuetta entreranno nell’eternità, una sorta di paradiso del cinema. Quelli che devono accontentarsi della nomination sono in una specie di purgatorio.
Vincenzo Mollica
La storia del cinema italiano è anche la storia del suo continuo confronto con il cinema americano.
Non è un caso se la library del prodotto statunitense e quella del prodotto italiano siano in assoluto quelle che hanno il più alto valore commerciale e che hanno prodotto il maggior numero di capolavori nella storia del cinema.
Il rapporto tra Roma e Hollywood è stato da sempre segnato dall’emulazione, dalla concorrenza
ma anche dalla reciproca passione e da un rispetto che è ben testimoniato dall’accoglienza che i prodotti hanno ricevuto nei mercati dell’altro paese.
Steve Della Casa
________________________________

VINCENZO MOLLICA è inviato del TG1, si considera un cronista impressionista e impressionabile perchè è al TG1 dal 1980.
STEVE DELLA CASA dal 1994 racconta a “Hollywood Party” su Radio Rai 3 i grandi del cinema. Incidentalmente scrive anche libri e dirige documentari.

Commenti

Post popolari in questo blog

Galleria Fotografica: Lavello. Miss Miss In4missima (19 Settembre 2020)

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Schermi Riflessi: Intervento del Vescovo Diocesi di Melfi mons. Ciro Fanelli sull’importanza del Cinema

“Eccellenza, Le saremmo grati se potesse scrivere pochi righi sulla importanza del Cinema nella conoscenza di tematiche importanti come quelle trattate nella Mostra “Effetto Notte. Il cinema dei diritti negati” Un caro saluto. Armando Lostaglio” E’ quanto abbiamo chiesto a mons. CIRO FANELLI, Vescovo della Diocesi di Melfi Rapolla Venosa, intervenuto con un suo elevato dialogo alla proiezione del film dei Fratelli Dardenne “L’età giovane”, uno dei 4 film della Mostra “Effetto Notte. Il cinema dei diritti negati, promossa da ARCI, CineClub V. DE SICA – Cinit e Parrocchia SS. Sacramento, nell’ambito della Estate Rionerese sostenuta dal Comune con la ProLoco. Ecco il suo intervento: Il Cinema: uno strumento per una chiarificazione dell’esistenza La persona cresce nella sua umanità nella misura in cui si approccia alla realtà con la sua intelligenza (la ragione) e con la sua sensibilità (il cuore): ragione ed emozioni sono le grandi luci con le quali e…