Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Storie Parallele – Festival del cinema documentario II Edizione Salandra (MT), 25-26-27 Ottobre 2019


Ritorna il Festival Storie Parallele a Salandra (MT), con la direzione artistica del Regista Nastro d’argento 2015 Nicola Ragone e sostenuto da Fargo Produzioni, in collaborazione con il Comune di Salandra e il Forum delle Associazioni. Il concorso internazionale (sezioni miglior cortometraggio, miglior fotografia e miglior montaggio) presenterà una selezione di 8 documentari brevi. Due le produzioni lucane scelte: Scaramucce di Alfredo Chiarappa e Il canto popolare di Tricarico di Paolo e Giuseppe Fedele.


Nella selezione anche Da teletorre 19 è tutto!, interessante opera del regista pluripremiato Vito Palmieri e due opere dall’estero: lo short doc spagnolo Paco Fin e il cubano Los viejos heraldos. Completano i titoli in concorso Oltre gli argini, di Mina Frau, Sophia Perin e Italo Massari, Happy Today di Giulio Tonincelli e Autonati! From Liguria to Venice, di Camilo Valdez. Due giorni di proiezioni, ma non solo: dibattiti, libri, cammini. Si comincia venerdì alle 19 con un talk dal titolo Dalla dimenticanza alla resilienza: dialoghi sul luogo ideale, a cura di Sergio Ragone, autore della collana “I luoghi ideali” (Editrice Universosud). Sabato sarà il momento di un’utile discussione sulla produzione cinematografica con Francesco Lattarulo, di Mediterraneo cinematografica. Chiude la serata il talk Non-luoghi. Memorie di viaggio in Nagorno, a cura di Carmine Cassino. Presidente della giuria sarà Daniele Stocchi, giovane regista vincitore del Globo d’oro 2018 con il cortometraggio Stai sereno. Con lui il direttore artistico del Lucania film festival Rocco Calandriello e l’attrice russa Ania Rizzi Bogdan. Tra gli extra, le proiezioni dei documentari Robert Vignola: da Trivigno a Hollywood, Di Giuliana Muscio e Sara Lorusso (venerdì alle 22) e Vado verso dove vengo, di Nicola Ragone (sabato, ore 20).


Due le novità della seconda edizione: il Cammino dei calanchi di domenica 27 ottobre, un percorso che inizierà con una colazione collettiva in Piazza San Rocco e che proseguirà per le vie del centro storico fino ad inoltrarsi tra i calanchi e le mulattiere del territorio salandrese. Un percorso che porterà i camminatori fino alla valle della Salandrella, dove potranno assistere alle performance di Giuseppe Ragone, Daniele Onorati e Ania Rizzi Bogdan. Seconda novità sarà il progetto di residenza artistica Home, che accompagnerà il weekend festivaliero per poi proseguire anche nei giorni eguenti. La residenza mira ad indagare sul concetto di casa, appartenenza, origine, nascita e partenza. Quattro artisti nazionali e internazionali saranno coinvolti e ospitati per un periodo di ricerca nel borgo dell’entroterra lucano. Al termine della residenza gli artisti si esibiranno in pubblico con una serie di output artistici, visivi e performativi. Gli argomenti di ricerca saranno la Tragedia Sacra Adamo caduto, scritta da Serafino da Salandra e la Magia bianca. Gli artisti ospiti Salandra avranno a disposizione alcune case abbandonate del centro storico per esibirsi e trasformarle in spazi scenici deputati agli spettacoli. Gli output artistici saranno il frutto del percorso di sperimentazione e di ricerca che i performers compiranno sul luogo e nei laboratori con la comunità degli abitanti. 

 Storie Parallele - Festival del cinema documentario 
https://it-it.facebook.com/storieparallele.filmfestival

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo