Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: “LA COMUNITÀ CHE VIENE DAL FUTURO”, IL 30 NOVEMBRE A GIOIA DEL COLLE


Un convegno per discutere di futuro e del concetto di comunità con rappresentanti del mondo dell’associazionismo e della cooperazione. Per ricordare Franco Ferrara, e il suo forte impegno nel sociale. Dalle 9 alle 18 nel Palazzo Comunale di Gioia del Colle, presenti il sindaco Giovanni Mastrangelo e l’assessore alle politiche sociali, Giovanna Pontiggia.

“La comunità che viene dal futuro” è il titolo del convegno organizzato il 30 novembre 2019 a Gioia del Colle (ore 9/18 - Sala De Deo, Palazzo Comunale, Via G. Rossini) con l’obiettivo di raccogliere intorno all’idea di Futuro e al concetto di Comunità rappresentanti del mondo dell’associazionismo e della cooperazione impegnati ogni giorno nella tutela dei diritti sociali e civili di bambini, ragazzi, giovani, adulti in condizioni di fragilità, per realizzare una comunità accogliente e responsabile, un mondo a misura di tutti. L’iniziativa è promossa dal Centro Studi Erasmo onlus di Gioia del Colle, con il patrocinio del Comune di Gioia del Colle , in collaborazione con Associazione Cercasi un Fine , Associazione Dino Lovecchio , Collegamento Italiano di Lotta alla Povertà – EAPN Italia , MoVi Nazionale , Associazione Luciano Tavazza , Comitato di quartiere Rinascita , Itaca Cooperativa sociale . “La comunità che viene dal futuro” è il titolo di uno degli ultimi scritti inediti di Franco Ferrara, fondatore e Presidente del Centro Studi Erasmo onlus. Ad un anno dalla sua morte lo si vuole ricordare con uno sguardo rivolto al futuro, ripartendo dal suo pensiero e dal suo impegno nel sociale, per proseguire un cammino che viene da lontano. La memoria dei futuri desiderati, ciò che di loro è stato, può aiutare a comprendere il presente e a rivitalizzarlo. Nelle memorie di futuro sono conservati futuri altri rispetto a quelli che si sono realizzati. Questi orizzonti di futuro sperati, cercati, possono diventare una risorsa, idee diverse di futuro. Possono essere assunti come propri orizzonti. Ogni generazione possiede la capacità di sperare. Ricordare le speranze di chi ci ha preceduto, le speranze di Franco Ferrara, crea un’eredità di pensiero e di azione. Quale futuro ha sperato Franco Ferrara per il Sud, per l’Europa, per la Chiesa? Quali fili di futuro sono stati spezzati, come e perché ciò è avvenuto? Quali possono essere riannodati? Sono queste le domande che attraverseranno l’intensa giornata di riflessione. La partecipazione è gratuita. In considerazione dei posti limitati è gradita l’iscrizione all’indirizzo mail segreteria.erasmo@gmail.com, al quale è possibile chiedere ulteriori informazioni.

PROGRAMMA
Ore 9.00
Saluti e presentazioni
Pasqua Demetrio, presidente del Centro Studi “Erasmo”
Eulalia Mirizio, moglie di Franco Ferrara
Giovanni Mastrangelo sindaco Comune di Gioia del Colle
Giovanna Pontiggia, assessore alle politiche sociali
“ FRANCO SI RACCONTA”
Proiezione di un videoclip tratto da “Intervista a Franco Ferrara” realizzato dall’Istituto di Ricerca “Meters”
A cura di Paola Ferrara, operatrice culturale
Il significato di una giornata dedicata a Franco Ferrara
Don  Rocco D’Ambrosio, presidente dell’associazione “Cercasi un Fine”
“ LA COMUNITA’ CHE VIENE DAL FUTURO”
Raniero La Valle, giornalista, politico e intellettuale
Ore 11.00 - Pausa
Ore 11.30
La memoria dei futuri desiderati, raccontata dai protagonisti
Introduce Damiano Maggio del “Centro Studi “Erasmo”
“ FRANCO SI RACCONTA (2)” videoclip
Lo sviluppo locale: animare i territori del Mezzogiorno. 
Michele del Campo, direttore F.I.L. Formazione Innovazione Lavoro
“ FRANCO SI RACCONTA (3)” videoclip
QUANDO IL VOLONTARIATO TESSE LEGAMI SOCIALI
Gianfranco Solinas, Rete sociale “Bambini, ragazzi e famiglie al sud”
“ FRANCO SI RACCONTA (4)” videoclip
Welfare community: dai centri studi alla concertazione
Mimmo De Simone, presidente associazione “Luciano Tavazza”
Ore 13.30 - Pausa pranzo
Ore 15.00
Gruppi di discussione sui temi affrontati nella mattinata 
Ore 16.00
Tavola rotonda: “Riannodare i fili. Idee diverse di futuro”.
Introduce e modera Pasqua Demetrio
Gianluca Cantisani, presidente nazionale Mo.V.I.
Piero D’Argento, docente LUMSA, Taranto
Filippo De Bellis, presidente APIS
Agenzia Pugliese di Intervento e Studio sulle Dipendenze
Nicoletta Teodosi, presidente CILAP-EAPN Italia
17.30
Conclusioni
Natale Pepe, vice-presidente “Centro Studi Erasmo”

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: "Il Ritratto dell'Anima" di Carmen Piccirillo edito da Photo Travel Edition di Rionero

Il libro ‘’Il Ritratto dell’Anima’’, pubblicazione d’esordio dalla giovane e valente scrittrice rionerese Carmen Piccirillo, sta ottenendo negli ultimi tempi grande successo e ampia visibilità anche su scala nazionale. L’interessante libro redatto con grande competenza e professionalità dalla 29enne scrittrice di Rionero che alterna la passione per la scrittura a quella per il giornalismo, come ricordiamo, fu presentato con successo nel febbraio dello scorso anno 2020 presso la sala convegni della Biblioteca Comunale di Rionero sita nel suggestivo Palazzo Fortunato alla presenza di una folta ed attenta platea e con tante personalità di spicco dell’ambito della cultura locale. Un libro molto interessante che racchiude al suo interno 24 racconti monoepisodici che sottolineano svariati aspetti immaginativi e realistici come la fantasia, l’importanza di sognare e di perseguire un obiettivo oltre a mettere in risalto alcuni aspetti importanti della personalità dell’autrice come sensibilità,

📰 Riflessioni di Carmen Piccirillo: IL TEMPO LIBERO DEI RAGAZZI: USARLO NEL MIGLIOR MODO E’ POSSIBILE...

Uno dei problemi principali delle nuove generazioni è la gestione del tempo libero: spesso, il tempo in cui i giovani non sono impiegati nelle svariate attività scolastiche o di studio individuale, è utilizzato in maniera disfunzionale. Un esempio è la modalità relativa al costante attaccamento ai dispositivi elettronici: lo smartphone, il computer, con i quali si cade ciclicamente in uno spasmodico uso dei social network, che, senza dubbio, sono un buon mezzo di interattività, di incontro, di crescita tra persone -soprattutto in un momento così delicato per il mondo intero a causa delle pandemia da covid-19 e delle restrizioni conseguenti, che hanno provocato una mancata possibilità di aggregazioni sociali partecipate- ma se utilizzati in maniera scorretta ed eccessiva, divengono una vera e propria dipendenza patologica che crea non pochi disagi psicofisici, per non parlare delle alterazioni anatomiche come i problemi alla vista che sono in costante aumento. Diminuiscono prog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Iran, somiglianza delle festività e dei costumi italiani

Il regista e scrittore Mohammad Ghane Fard, componente della Associazione produttori documentali dell’Iran, ci ha scritto il messaggio che segue, per augurare Buona Pasqua in segno di fratellanza fra popoli di cultura diversa.    La somiglianza delle festività e dei costumi italiani con le ricorrenze religiose e antiche degli iraniani è molto interessante. Oggi era l'ultimo giorno delle vacanze di Capodanno in Iran, noto come Giornata della Natura. La gente va in montagna, pianura e foresta e prega Dio. Si chiede di liberare dai mali e du soddisfare i loro desideri. Il cibo che mangiano in questo giorno è la zuppa di verdure. Pochi giorni fa, 5 giorni fa, era il compleanno di Mahdi, che gli Sciiti credono sia il compleanno del Salvatore per il suo ritorno con Cristo... Questi giorni fortunati sono di buon auspicio per la salvezza dell'umanità.